The Mysteries Of The Yuga Cycle - I misteri del ciclo Yuga


yuga
Il ciclo dei vari Yuga secondo Sri Yukteswar, attraverso le ere zodiacali: oro–argento–bronzo–ferro discendenti dall'alto in basso; di nuovo ferro–bronzo–argento–oro ascendenti dal basso verso l'alto.
https://it.wikipedia.org/wiki/Yuga
KALI YUGA
(profezia di 4000 anni a.C. sull'età oscura)

Razze di servi, di fuori-casta e di barbari si renderanno padroni dei governi del mondo....
I capi che regneranno sulla terra, come nature violente....si impadroniranno dei beni dei loro soggetti.
Limitati nella loro potenza, i più sorgeranno e precipiteranno rapidamente.
Breve sarà la loro vita, insaziabili i loro desideri, ed essi saranno spietati.
I popoli di vari paesi, mescolandosi ad essi, ne seguiranno l'esempio.
La casta dei servi sarà prevalente.
Coloro che posseggono abbandoneranno agricoltura e commercio e trarranno da vivere passando a servi o professando professioni meccaniche.
I capi, invece di proteggere i loro sudditi, li spoglieranno e sotto pretesti fiscali ruberanno le proprietà alla casta dei mercanti.
La sanità interiore e la legge diminuiranno di giorno in giorno finché il mondo sarà interamente pervertito.
Solo i beni conferiranno il rango.
Solo movente della devozione sarà la salute, solo legame fra i sessi il piacere, sola via di successo nelle competizioni la falsità.
La terra sarà apprezzata solo per i suoi tesori minerali.
Le vesti sacerdotali faranno le veci della qualità di sacerdote.
La debolezza sarà la sola causa del dipendere.
Una semplice abluzione significherà purificazione.
La razza sarà incapace di produrre nascite divine.
Deviati da empi, gli uomini chiederanno: Che autorità hanno i testi tradizionali? Chi sono questi Dei, cos'é la via per diventare veri uomini?
Il rispetto delle caste, dell'ordine, e delle istituzioni verrà meno nell'età oscura.
I matrimoni in questa età cesseranno di essere un rito e le norme che legano un discepolo ad un maestro spirituale non avranno più forza.
Si penserà che chiunque per qualunque via possa raggiungere lo stato del rigenerato; gli atti di devozione che potranno ancora essere eseguiti non avranno alcun risultato. Il tipo di vita sarà uguale promiscuamente per tutti.
Chi distribuirà più denaro dominerà gli uomini e la discendenza cesserà di essere un titolo di preminenza. Gli uomini concentreranno il loro interesse sull'acquisizione, anche se disonesta, della ricchezza.
Ogni specie di uomo si immaginerà di essere pari ad un Brahmana (Sacerdote).
La gente avrà quanto mai terrore della morte ed avrà paura della povertà: solo per questo conserverà un'apparenza di cielo (spirito religioso).
Le donne non obbediranno ai mariti e ai genitori. Saranno egoiste, abiette, discentrate, mentitrici - e sarà a dei dissoluti che esse si attaccheranno. Esse diverranno semplici oggetti di soddisfazione sessuale.
L'empietà prevarrà fra gli uomini deviati dall'eresia e la durata della loro vita sarà conseguentemente più breve........
.........Quando i riti insegnati dai testi tradizionali e le istituzioni della legge staranno per cessare e il termine dell'età oscura sarà vicino, una parte dell'essere divino esistente per la sua propria natura spirituale secondo il carattere di Brahman, che é il Principio e la Fine... scenderà sulla terra...
Gli uomini, così trasmutati in virtù di tale speciale epoca, costituiranno quasi una semenza di esseri umani nuovi e daranno nascita ad una razza che seguirà le leggi dell'età primordiale.(Krta-yuga).
La stirpe degli Shambhala.
Sulla terra ristabilirà la giustizia: e le menti di coloro che saranno vivi alla fine dell'età oscura verranno destate ed acquisteranno una trasparenza cristallina.
(Brano tratto dal VISHNU PURANA)

Quasi tutti i conti ci dicono che la virtù e la giustizia diminuisce man mano che ci si sposta dalla Golden Age nei secoli successivi. 

Nell'era del Ferro - Infero - in ferro - (Kali Yuga) il sole raggiunge il punto della sua orbita più lontano dal grande centro. Più il sole è lontano dal grande centro e più l'umanita cade nell'ignoranza.

«Gli almanacchi indù non indicano correttamente che oggi [1894 d.C.] il mondo si trova nell'era del Dvāpara Sandhi. Gli astronomi e gli astrologi che compilano gli almanacchi, essendo stati fuorviati dalle annotazioni errate di alcuni studiosi di sanscrito (ad esempio Kulluka Bhatta) vissuti nell'oscura età del Kali Yuga, sostengono che la durata di tale yuga sia di 432.000 anni, che fino ad oggi (1894 d.C.) siano trascorsi soltanto 4.994 anni dal suo inizio e che ne debbano passare ancora 427.006. 
Una cupa prospettiva, fortunatamente inesatta! [...] L'errore degli almanacchi venne individuato da alcuni esperti dell'epoca, i quali scoprirono che i calcoli degli antichi Rishi avevano fissato la durata di un Kali Yuga in soli 1.200 anni. Ma poiché il loro intelletto non era ancora sufficientemente evoluto, essi riuscirono soltanto ad individuare l'errore, ma non le cause che lo avevano determinato. Per risolvere il problema partirono dall'ipotesi che i 1.200 anni della durata effettiva del Kali Yuga non corrispondessero ai normali anni della nostra terra, ma andassero intesi come altrettanti anni divini (daiva, ovvero "anni degli Dèi"), suddivisi in 12 mesi daiva, ciascuno di 30 giorni daiva; un giorno daiva corrispondeva quindi a un normale anno solare della nostra Terra. Pertanto, secondo il parere di quegli esperti, i 1.200 anni del Kali Yuga equivalevano quindi a 432.000 anni terrestri.»
(Swami Sri Yukteswar, The Holy Science, 1894 [7])

Sri Yukteswar, maestro del più noto Paramahansa Yogananda, ha sostenuto come i 12.000 anni divini siano da intendere in realtà come 12.000 anni effettivi, perché le quattro età andrebbero collegate ad un evento cosmico reale, cioè al periodo terrestre di precessione degli equinozi, della durata di 24.000 anni, diviso in una fase ascendente e una discendente di 12.000 anni ciascuna.[4]
Secondo la sua Scienza sacra, scritta nel 1894, questi 12.000 anni sarebbero composti da:

4800 anni di età dell'oro, caratterizzati da armonia col piano divino;
3600 d'argento, caratterizzati dalla capacità di annullare il tempo;
2400 di bronzo, caratterizzati dall'annullamento dello spazio;
1200 di ferro, in cui prevalgono ignoranza e materialismo.
Il punto più alto raggiunto ultimamente dall'umanità sarebbe stato l'anno 11500 a.C., a partire dal quale sarebbe iniziata un'età dell'oro discendente, seguita da una d'argento e una del bronzo discendenti, fino ad una del ferro discendente cominciata nel 700 a.C. e terminata nel 500 d.C.
Alle soglie del Medioevo dunque l'umanità avrebbe raggiunto il suo punto più basso, per ricominciare a percorrere una nuova età del ferro ma stavolta ascendente, conclusasi nel 1700.
A partire da questa data l'umanità avrebbe quindi già superato l'epoca oscura del Kali Yuga, e sarebbe entrata in un'età del bronzo o Dvapara Yuga a sua volta ascendente, contraddistinta da conoscenze innovative delle forze elettriche ed energetiche in grado di annullare lo spazio: Sri Yukteswar previde che «la materia si scoprirà essere energia» e che «il nostro Sole ha una stella gemella».[5]
Seguiranno dal 4100 un'età d'argento ascendente, e dall'8900 una d'oro ascendente.[6]

«Sri Yukteswar scoprì l'applicazione matematica di un ciclo equinoziale di 24.000 anni all'epoca attuale. Il ciclo è suddiviso in un arco ascendente e uno discendente, ciascuna della durata di 12.000 anni. Ciascun arco comprende quattro Yuga o epoche, denominate Kali, Dwapara, Treta, e Satya, che corrispondono alla concezione greca delle età del ferro, del bronzo, dell'argento, e dell'oro.»

(Paramhansa Yogananda, Autobiografia di uno yogi, 1946)

“… nella Cosmologia degli Edda è data in chiave astronomica la durata del Kali Yuga, o Epoca del Ferro dei greci, l’ultima, l’attuale. Alla fine dei tempi, nel Crepuscolo degli Dei, ottocento Einherier dell’ultimo battaglione di Wotan usciranno dalle cinquecentoquaranta porte del Walhalla per combattere il lupo Fenrir. il Kali Yuga. Gli ariani dell’India conoscevano questa chiave degli Edda (Edda è quasi eguale a Veda …)”
Miguel Serrano: “Manu – per l’uomo che verrà” – pag. 46-47

Per Sri Yukteswar nel 499 d.C, dopo 1200 anni di Kali Yuga discendente, il nostro sistema solare raggiunse il punto più lontano dal grande centro della Via Lattea.

Decoding Hindu Mithology

Lo Shrimad Bhagavatam afferma che il Kali yuga iniziò sulla terra dopo che Shri Krishna lasciò il pianeta. Mentre l'incarnazione del dio camminava su questa terra, l'oscurità non aveva potere ed è solo dopo la sua partenza per la sua dimora Vaikunth che questa attuale Era di Kali potè iniziare.

Krishna lasciò la responsabilità della civiltà nelle mani dei Pandav e, a tempo debito, fu il turno del nipote di Arjun, Parikshit, a diventare il dominatore del mondo conosciuto. Un giorno, quando il nuovo imperatore era nel suo giro per il regno, incontrò il demone Kali (NON imparentato con Ma Kaali in alcun modo) come un goon riccamente vestito che stava picchiando senza pietà un bue.
Parikshit fermò il suo carro e si diresse immediatamente verso il punto, ma l'uomo continuò fino a quando tre delle quattro zampe del povero animale furono rotte. Infuriato da questa dimostrazione di barbarie quando Parikshit sollevò la spada per punire il bruto, cadde in ginocchio e implorò di risparmiargli la vita. Disse all'imperatore che non era altri che Kali, l'incarnazione del Kaliyuga e che il suo tempo sulla Terra era iniziato. Per diffondere il suo dominio, Kali ha dovuto rompere i pilastri del Dharma che il bue rappresentava e, di conseguenza, aveva distrutto tre delle sue gambe che rappresentavano austerità, pulizia e misericordia.
Parikshit sapeva che non poteva fermare il progresso di Kali ma poteva impedirgli di dominare completamente il Dharma. Ha permesso al demone di risiedere in QUATTRO luoghi - case da gioco e taverne, persone con desideri sessuali sfrenati, macelli dove animali innocenti vengono uccisi e in oro e ricchezza. Si ritiene che la primissima cosa che il demone fece dopo aver ottenuto la clemenza fu di entrare nella corona di Parikshit, portandolo così a compiere un atto che alla fine portò alla sua morte!
Ho sentito da molte persone che non esiste un concetto di diavolo nell'induismo, ma Kali sembra essere un buon candidato! I suoi truanti sono simili a quelli di Satana del Cristianesimo e di Shaitan dell'Islam e lo incontriamo anche nella storia di Nal-Damyanti nel Mahabharat. Si crede che il re Nal abbia finalmente intrappolato lui nell'albero Vibhidak, il cui frutto è stato usato per creare dadi in tempi antichi. Non è quindi un caso che la fine di Dvapar Yuga sia stata determinata da un gioco di dadi fatto dello stesso albero giocato dai Kaurav e dai Pandav!

Parte 1: Svelare linea temporale del ciclo Yuga

La dottrina del ciclo Yuga ci dice che stiamo vivendo nel Kali Yuga, l'età delle tenebre, quando la virtù morale e le capacità mentali raggiungono il loro punto più basso del ciclo.

"il Kali Yuga è iniziato non appena Krishna lasciò questo mondo"

Yukteswar ha inoltre chiarito nel libro La scienza sacra (1894), che un ciclo completo Yuga dura 24.000 anni, ed è costituito da un ciclo ascendente di 12.000 anni in cui la virtù aumenta gradualmente e un ciclo discendente di altri 12.000 anni, in cui la virtù si riduce gradualmente . Quindi, dopo aver completato un ciclo di 12000 anni discendente dal Satya Yuga al Kali Yuga, la sequenza si inverte, e un ciclo ascendente di 12.000 anni comincia partendo dal Kali Yuga al Satya Yuga. Yukteswar afferma che "Ciascuno di questi periodi di 12.000 anni porta un cambiamento completo, sia esternamente nel mondo materiale, e internamente nel mondo intellettuale o elettrico, e si chiama Yuga Daiva o Coppia elettrica".
I 24.000 anni cge compongono la durata del ciclo completo Yuga si avvicina molto al moto di precessione che compie un giro completo ogni 25.765 anni circa! Ossia è il tempo impiegato dal sole a percorrere una "precessione", cioè tornare indietro, attraverso le 12 costellazioni dello zodiaco. Interessante notare che il Surya Siddhanta specifica un valore di 54 secondi d'arco all'anno per precessione, contro il valore corrente di 50,29 secondi d'arco all'anno. Questo si traduce in un Anno Precessionale di esattamente 24 mila anni!
Ciò solleva la possibilità che il valore di corrente rilevato della precessione può essere semplicemente una deviazione temporanea dalla media.

La dottrina del ciclo Yuga ci dice che stiamo vivendo nel Kali Yuga, l'età delle tenebre, quando la virtù morale e le capacità mentali raggiungono il loro punto più basso del ciclo.
Il poema epico indiano Mahabharata descrive il Kali Yuga, come il periodo in cui l '"anima del mondo" è nero in tinta, solo un quarto della virtù rimane, che diminuisce lentamente a zero alla fine del Kali Yuga.
i pianeti visibili ad occhio nudo) - Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno - sono stati allineate a 0 ° di Ariete
Surya Siddhanta afferma esplicitamente che questa congiunzione di pianeti a 0 ° di Ariete si svolge alla fine della Golden Age (Satya / Krita Yuga). Il testo afferma: "Ora, alla fine della Golden Age (Krita Yuga), tutti i pianeti, con la loro moto medio - salvo comunque i loro nodi e le absidi - sono in congiunzione nel primo dell'Ariete"

Il calendario Saptarshi
La dottrina del ciclo Yuga originale sembra essere stata molto semplice: una durata del ciclo Yuga di 12.000 anni, con ogni Yuga della durata di 3000 anni. Questo ciclo è codificato nel "Calendario Saptarsi" che è stato utilizzato in India per migliaia di anni. Fu ampiamente utilizzato durante il periodo Maurya nel IV secolo a.C. ed è ancora in uso in alcune parti dell'India. Il termine "Saptarsi" si riferisce ai "Sette Rishi" o ai "Saggi Saggi" che rappresentano le sette stelle della costellazione dell'Orso Maggiore (Ursa Maggiore). Sono considerati come i rishi illuminati che appaiono all'inizio di ogni Yuga per diffondere le leggi della civiltà. Il calendario Saptarsi usato in India aveva un ciclo di 2.700 anni; si dice che la costellazione dell'orso grande rimanga per 100 anni in ciascuno dei 27 "Nakshatras" (asterismi lunari) che si sommano a un ciclo di 2.700 anni. Il ciclo di 2.700 anni fu anche chiamato "Era Saptarsi" o "Yuga Saptarsi".
Le sette stelle della costellazione dell'Orso Maggiore (Ursa Maggiore) rappresentano i Saggi Saggi (Saptarshis)
Fig 1: La costellazione dell'orso maggiore (Ursa Major) è chiaramente visibile nel cielo settentrionale durante tutto l'anno. Le sette stelle prominenti rappresentano i sette saggi (Saptarshi).
La costellazione dell'Orsa Maggiore è di spicco nella mitologia di molte culture.
Se il ciclo di 2.700 anni del Calendario Saptarsi rappresenta la durata effettiva di uno Yuga, i rimanenti 300 anni rispetto alla durata totale di Yuga di 3.000 anni (che rappresentano 1/10 della durata di Yuga), rappresentano automaticamente il "periodo di transizione", prima che le qualità del successivo Yuga si manifestino pienamente. In conformità con l'attuale convenzione, questo periodo intermedio può essere suddiviso in due periodi separati di 150 anni ciascuno, uno che si verifica all'inizio dello Yuga, noto come Sandhya (cioè l'alba), e l'altro alla sua fine, noto come Sandhyansa (cioè crepuscolo).

La durata totale del ciclo Yuga, esclusi i periodi di transizione, è pari a (2700 * 4), ovvero 10.800 anni, che è la stessa della durata del "Grande anno di Eraclito" nella tradizione ellenica!
Ciò indica chiaramente che la base alla base del Ciclo dei secoli del mondo in India e in Grecia era il Ciclo Saptarshi di 2700 anni.

Gli storici concordano sul fatto che il Calendario Saptarsi, in uso durante il periodo Maurya nel IV secolo a.C., iniziò nel 6676 a.C.  Nel libro "Tradizioni delle sette rsi", Dr.J.E. Mitchiner lo conferma:

"Possiamo concludere che la versione più antica e originale dell'Era delle Sette Rosse iniziò con la Sette Risi a Krttika nel 6676 a.C. ... Questa versione era in uso nell'India settentrionale almeno dal IV secolo a.C., come testimoniano le dichiarazioni di Scrittori greci e romani; era anche la versione usata da Vrddha Garga, all'inizio dell'era cristiana.

In effetti, la coronologia registrata dei re indiani risale al 6676 aC, come documentato dagli storici greco e romano Plinio e Arriano. Plinio afferma che, "Da padre Liber [Romano Bacco o Dioniso greco] ad Alessandro Magno (m. 323 a.C.), gli indiani calcolano 154 re, e calcolano (il tempo come) 6451 anni e 3 mesi". [18] Arrian mette 153 re e 6462 anni tra Dioniso e Sandrokottos (Chandragupta Maurya), alla cui corte fu mandata un'ambasciata greca nel 314 a.C. [19]
Entrambe le indicazioni si sommano a una data di circa 6776 a.C. circa, 100 anni prima dell'inizio del Calendario Saptarsi nel 6676 a.C.
È evidente dai resoconti di Plinio e Arriano che devono aver identificato un re specifico nella lista dei re indiani, che corrispondeva al greco Dioniso o al Bacco romano e il cui regno era terminato intorno al 6776 a.C. circa. Chi avrebbe potuto essere? Secondo il famoso studioso e orientalista Sir William Jones, Dioniso o Bacco non era altro che il monarca indiano Rama.
Nel suo saggio "Sugli dei della Grecia, dell'Italia e dell'India" (1784), Sir William Jones "ritiene che Rama sia lo stesso del greco Dioniso, che si dice abbia conquistato l'India con un esercito di satiri, comandato da Pan; e Rama era anche un potente conquistatore e aveva un esercito di grandi scimmie o satiri, comandato da Maruty (Hanuman), figlio di Pavan. Rama si trova anche, in altri punti, ad assomigliare al Bacco indiano. "[20] Sir William Jones sottolinea anche che," i Greci dicono che Meros fosse una montagna dell'India, su cui nacque il loro Dioniso, e che Meru è anche una montagna vicino alla città di Naishada, o Nysa, chiamata dai geografi greci Dionysopolis e universalmente celebrata nelle poesie sanscrite. "[21]

Sia Plinio che Arriano erano a conoscenza di queste associazioni. Plinio aveva collocato i satiri dionisiaci "nelle montagne tropicali dell'India", mentre

"Apprendiamo da Arrian (Hist.Ind. P 318, 321) che il culto di Bacco, o Dioniso, era comune in India e che i suoi elettori osservavano un numero di riti simili a quelli della Grecia ...
Per questo motivo, quando Alessandro entrò India, i nativi consideravano i Greci come appartenenti alla stessa famiglia con se stessi; e quando il popolo di Nysa mandò la persona principale della sua città a sollecitare la propria libertà del conquistatore greco, lo evocarono con il noto nome di Dioniso, come il mezzo più efficace per ottenere il loro scopo. "O re, i Nyssaean ti pregano di permettere loro di godere delle loro libertà e delle loro leggi, per rispetto di Dioniso." "[22]

L'identificazione di Dioniso con Rama ci fornisce nuove prospettive. Secondo la tradizione indiana, Rama aveva vissuto verso la fine della Treta Yuga (età dell'argento) e il Dwapara Yuga (età del bronzo) era iniziato subito dopo la sua scomparsa. Ciò implica che la data del 6676 a.C. per l'inizio del Calendario Saptarsi, che è 100 anni dopo Dioniso, cioè Rama, indica l'inizio del Dwapara Yuga nel ciclo discendente.

Si ritiene che un successivo calendario Saptarsi, ancora in uso in India, abbia avuto inizio nel 3076 a.C. quando l'orso maggiore si trovava nel "Magha" nakshatra (asterismo lunare), come menzionato da Varahamihira in Brihat-Samhita (Brs. 13-3) . Ma, come sottolinea il Dr. Subhash Kak, "il nuovo conteggio che risale al 3076 aC fu iniziato in seguito per renderlo il più vicino possibile all'inizio dell'era Kali" [23]. Quindi, quando è iniziato davvero il Calendario Saptarsi per il Kali Yuga?

Nel libro Traditions of the Seven Rsis, il Dr.Mitchiner sottolinea che il Calendario Saptarsi per il Kali Yuga (il Kashmir Laukika Abda) era iniziato quando i Saptarsis erano a Rohini.
Dato che i Saptarsis erano a Rohini nel 3676 a.C., ciò implica che il ciclo di Kali Yuga doveva essere iniziato nel 3676 a.C.

Ora è qui che diventa più interessante. Un'era Saptarsi iniziò nel 6676 a.C. e un altro ciclo iniziò esattamente 3000 anni dopo, nel 3676 a.C. Ma il ciclo Saptarsi ha una durata di 2700 anni.
Perché l'era Saptarsi per il Kali Yuga è iniziata 3000 anni dopo il ciclo precedente? Ciò significa che un "periodo di transizione" di 300 anni deve essere stato aggiunto alla fine del ciclo precedente!
Ciò dimostra chiaramente l'ipotesi che il ciclo Saptarsi di 2700 anni, insieme a un periodo di transizione di 300 anni, costituisse la base calendario originale del ciclo Yuga. Possiamo anche concludere da questa analisi che il Calendario Saptarsi a partire dal 6676 a.C. stava contando il tempo dal Dwapara Yuga nel ciclo discendente, poiché il Dwapara Yuga precede immediatamente il Kali Yuga.

Il ciclismo dei Saptarhi attraverso i diversi Nakshatras

Fig. 2: Il ciclismo dei Saptars attraverso i diversi Nakshatras

Cronologia del ciclo Yuga

Se usiamo la data 6676 a.C. come inizio del Dwapara Yuga nel ciclo discendente e il Ciclo Saptarshi di 2700 anni insieme a un periodo di transizione di 300 anni come base per il Ciclo Yuga, allora l'intera linea temporale del Ciclo Yuga diventa districato.

Cronologia del ciclo Yuga basata sul calendario Saptarshi

Fig 3: la base temporale dei cicli yuga

Questa sequenza temporale del Ciclo Yuga porta l'inizio dell'Età dell'Oro al 12676 a.C., più di 14.500 anni prima del presente, quando l'orso grande era nel nakshatra "Shravana" (l'orso grande avanzerà di 3 nakshra in ogni Yuga a causa dei 300 anni periodo di transizione).
Ciò concorda molto bene con la tradizione indiana, dal momento che il Mahabharata menziona che nell'antica tradizione lo Shravana nakshatra aveva il primo posto nel ciclo di Nakshatra.
La cronologia indica anche che l'ascendente Kali Yuga, che è l'epoca attuale in cui viviamo, finirà nel 2025 CE. La piena manifestazione del prossimo Yuga - il Dwapara ascendente - avrà luogo nel 2325 d.C., dopo un periodo di transizione di 300 anni. Il Dwapara Yuga ascendente sarà quindi seguito da altri due Yuga: il Treta Yuga ascendente e il Satya Yuga ascendente, che completeranno il ciclo ascendente di 12.000 anni.
Negli ultimi anni, molti storici e ricercatori indipendenti hanno capito che il concetto di Ciclo Yuga è un descrittore di gran lunga migliore della storia antica, rispetto al modello di progresso lineare favorito dagli storici tradizionali. L'egittologo John Anthony West menziona nel suo articolo "Considerare il Kali Yuga" che:
“Dall'antico Egitto, fino a poco tempo fa ... la civiltà è andata in rovina, non in su; semplice come quella. Possiamo seguire fisicamente quel processo degenerativo in Egitto; è scritto nelle pietre ed è inconfondibile. La stessa storia è raccontata nelle mitologie e nelle leggende di praticamente tutte le altre società e civiltà in tutto il mondo ... Il progresso non va in linea retta dagli antenati primitivi ai vecchi intelligenti con le nostre bambole di bambole e le armi di distruzione di massa; i nostri ingorghi e i nostri mari, cieli e terre inquinati. C'è un altro modo, e molto più realistico, di vedere la storia. Platone parlava di un ciclo di età: Golden, Silver, Bronze e Iron (o Dark) Age; un ciclo, una forma d'onda - non una linea retta. Una comprensione simile si riflette praticamente in tutti gli altri account antichi. Il più noto, e di gran lunga il più elaborato, di questi sistemi, è l'indù, con il suo ciclo Yuga, che corrisponde all'idea platonica di quattro età definibili. "[32]
È evidente che il ciclo Yuga era tracciato usando il calendario Saptarshi. Era della durata di 12.000 anni, composto da quattro Yuga di uguale durata di 2.700 anni ciascuno, separati da periodi di transizione di 300 anni. Il ciclo Yuga completo di 24.000 anni era composto da un ciclo Yuga ascendente e discendente, che si susseguivano per l'eternità come i cicli del giorno e della notte.
Negli ultimi 2.700 anni abbiamo attraversato il Kali Yuga in ascesa e questo Yuga sta per concludersi nel 2025.
Secondo la convenzione, il periodo transitorio di 300 anni successivo al 2025 può essere suddiviso in due periodi di 150 anni ciascuno. Il primo periodo di 150 anni - il "Crepuscolo di Kali" - è quando le strutture di Kali Yuga possono crollare a causa di una combinazione di guerre, catastrofi ambientali e cambiamenti cosmici, mentre il secondo periodo di 150 anni - "Alba di Dwapara" - è il momento in cui i sistemi e le filosofie evoluti spiritualmente del Dwapara Yuga in ascensione possono iniziare ad emergere. È probabile, tuttavia, che i processi gemelli di collasso ed emergenza progrediranno simultaneamente durante l'intero periodo di transizione di 300 anni, sebbene a intensità diverse.
L'attuale ripresa dei fenomeni meteorologici estremi da un lato, e i segni iniziali del risveglio di una coscienza superiore tra l'umanità dall'altro, possono essere indicativi del fatto che gli effetti del periodo di transizione sono già in atto. Dobbiamo essere consapevoli di questi maggiori cicli di tempo che governano la civiltà umana e dei cambiamenti che si profilano all'orizzonte.

PS: Oltre allo Yuga Cycle, i testi vedici ci raccontano di un più ampio ciclo di tempo noto come "Day and Night of Brahma" che si estende per oltre 24 milioni di anni, cioè 1000 cicli Yuga completi. Questo ciclo mostra una forte correlazione con il ciclo di estinzioni di massa di 26 milioni di anni sul nostro pianeta. Ne ho discusso nell'articolo "Un giorno e una notte di Brahma e il ciclo delle estinzioni di massa".

Traduzione: The Matrix of Symbolism
Link all'articolo completo: https://www.bibhudevmisra.com/2012/07/end-of-kali-yuga-in-2025-unraveling.html?fbclid=IwAR36P3zxgaOciW-GdSLasetcdb76jsrFNpc0pPXb6ZFW-ICCCk3rFwdvWko

Similmente, nella tradizione indù si parla dei demoni Koka e Vikoka, contro cui Kalki combatterà l’ultima battaglia dell’età oscura. Koka e Vikoka secondo alcune interpretazioni starebbero a simboleggiare i guerrieri degradati e disgiunti dal sacro (i mleccha), i “figli della rivolta impotente”. Questi sarebbero alleati di Kâlî demone dell’ultima èra, e collegati simbolicamente al demonismo delle masse e ad una forma “feminile” di spiritualità. Non a caso Guénon attribuirà alla deriva teosofica di Madàme Blawatskij, fautrice di una forma di spiritualità da “donne fallite”, il contagio di molte menti smarritesi tra le “fessure della grande muraglia”.

"Il Krita Yuga era così chiamato perché c'era una sola religione e tutti gli uomini erano santi: quindi non erano tenuti a celebrare cerimonie religiose ... Gli uomini non acquistavano né vendevano; non c'erano poveri e non ricchi; non c'era bisogno di lavorare , perché tutto ciò che gli uomini richiedevano era ottenuto dal potere della volontà ... La Krita Yuga era senza malattie; non vi era alcuna diminuzione negli anni; non vi era odio, vanità o pensiero malvagio di sorta; nessun dolore, nessuna paura. poteva raggiungere la suprema beatitudine. L'anima universale era bianca ... l'identificazione di sé con l'anima universale era l'intera religione dell'età perfetta. 
Nella Treta Yuga iniziarono i sacrifici e l'anima del mondo divenne rossa; la virtù diminuì di un quarto. verità e celebrarono cerimonie religiose; ottennero ciò che desideravano dando e facendo.
Nel Dwapara Yuga l'aspetto dell'Anima Mondiale era Giallo: la religione diminuiva della metà. Il Veda era diviso in quattro parti, e sebbene alcuni avessero conoscenza dei quattro Veda, altri lo sapevano ma tre o uno. La mente diminuì, la Verità declinò e vennero desiderio, malattie e calamità; a causa di questi uomini hanno dovuto subire penitenze. Era un'era decadente a causa della prevalenza del peccato. "
- Lord Hanuman, in Mahabharata


La tradizione ci dice che il GOLDEN AGE (età dell'Oro) era popolata da persone che avevano realizzato il Sé - proprio come sarà la prossima volta. Quando l'ultima Età dell'Oro sbiadì, la Terra iniziò ad allinearsi con una nuova stella polare - Cygnus, il Cigno. Era iniziato un ciclo in declino degli affari umani. Mentre la stagione cosmica della caduta si avvicinava,
Vega (la parola araba per "caduta") divenne la stella polare successiva. Durante questo periodo, il mito parla del declino di Lemuria e dell'affondamento di Atlantide (circa 12.000 anni fa). Vega è anche associata al declino del principio femminile nel mondo. Vega regnò sull'Era della Vergine (la vergine). Quando le stelle di quella costellazione sono unite da linee per identificarne il contorno, si vede una figura femminile cadere all'indietro.

Tradition tells us that the GOLDEN AGE was populated by people who had realized the Self - just as it will be next time around. When the last Golden Age faded, Earth began to align with a new pole star - Cygnus, the Swan. A declining cycle of human affairs had begun. As the cosmic season of the fall drew closer, Vega (the Arabic word for "fall") became the next pole star. During this time, myth speaks of the decline of Lemuria and the sinking of Atlantis (around 12,000 years ago). Vega is also associated with the decline of the female principle in the world. Vega ruled over the Age of Virgo (the virgin). When the stars of that constellation are joined up by lines to identify its outline, a female figure is seen falling backwards.

"Se l’uomo moderno fino a ieri aveva concepito e esaltato come una evoluzione il senso della storia a lui nota, la verità conosciuta dall’uomo tradizionale è stata l’opposta. In tutte le antiche testimonianze dell’umanità tradizionale si può sempre ritrovare, nell’una o nell’altra forma, l’idea di un regresso, di una caduta: da stati superiori originari gli esseri sarebbero scesi in stati sempre più condizionati dall’elemento umano, mortale e contingente. 
Un tale processo involutivo avrebbe preso inizio in tempi lontanissimi e il termine èddico ragna-ròkkr, “oscuramento degli dei”, è quello che meglio lo caratterizza. Né si tratta di un insegnamento che nel mondo tradizionale sia restato in una forma vaga e generica: esso si definì invece in una dottrina organica, ritrovabile essa stessa con un largo margine di uniformità, nella dottrina delle quattro età. Un processo di decadenza graduale lungo quattro cicli o “generazioni”, tale è, tradizionalmente, il senso effettivo della storia, epperò anche quello della genesi di ciò che, in universale, abbiamo chiamato “mondo moderno”. Questa dottrina potrà dunque servire da base a quel che segue.
La forma più nota nella dottrina delle quattro età è quella propria alla tradizione greco-romana. Esiodo parla appunto di quattro ere, contrassegnate dai metalli oro, argento, bronzo e ferro, inserendo poi fra le due ultime una quinta era, l’era degli “eroi”, che però si vedrà aver solo il significato di una parziale e speciale restaurazione dello stato primordiale.
La tradizione indù ha la stessa dottrina nella forma di quattro cicli chiamati rispettivamente satyà-yuga (o krtà-yuga), tretà-yuga, dvdpara-yuga e kali-yuga (cioè “età oscura”), insieme all’immagine del venir meno, in ciascuna di esse, di ciascuno dei quattro piedi o sostegni del toro simboleggiante il dharma, la legge tradizionale. La redazione iranica è affine a quella ellenica: le quattro età sono conosciute e contrassegnate da oro, argento, acciaio e “mescolanza di ferro”.
L’insegnamento caldaico riprende tale veduta quasi negli stessi termini".
- Julius Evola, brano tratto da “Rivolta contro il mondo moderno”:


Krishna nella Bhagavad Gita:

“Coloro che comprendono le leggi cosmiche sanno che il Giorno di Brahma termina dopo mille Yuga e la Notte di Brahma termina dopo mille Yuga. All'alba del giorno di Brahma, le forme sono prodotte dall'Immanifestato; quando arriva la notte di Brahma, queste forme si fondono di nuovo nel Senza Forma. Questa moltitudine di esseri viene creata e distrutta ancora e ancora nei giorni e nelle notti successive di Brahma. "



Commenti

Miðgarðsormr - il serpente della terra di mezzo

Miðgarðsormr - il serpente della terra di mezzo
pubblicato da The Matrix of Symbolism in data gennaio 21, 2020

Dallo Zep Tepi ai seguaci di Horus, qundo l'Egitto era governato dagli Dei

Dallo Zep Tepi ai seguaci di Horus, qundo l'Egitto era governato dagli Dei
pubblicato da The Matrix of Symbolism in data gennaio 04, 2018

Il segreto di Madre Natura

Il segreto di Madre Natura
pubblicato da The Matrix of Symbolism in data marzo 10, 2018

Post più popolari

Come rimuovere l’alluminio dal cervello prima che scateni il morbo di Alzeimer

Rudolf Steiner,gli spiriti delle tenebre e i vaccini - conferenza del 27 Ottobre 1917

Madri manipolatrici: quando l’amore diventa invalidante

La profezia Hopi, gli umani consapevoli e risvegliati costruiranno il nuovo mondo

Taglio dell cordone ombelicale, un rituale da evitare - Squilibri energetici causati dal taglio del cordone ombelicale.

Ogni malattia ha una frequenza - Il dr Rife guarì il cancro con le frequenze

Non importa cosa vi raccontano sui vaccini, non accettateli, una nuova arma biologica è distribuita tramite i vaccini ...

Le strategie di controllo mentale utilizzate all’interno del circuito di Facebook.