LA VOCE DEGLI INDIANI D'AMERICA

L'uomo bianco è come un serpente che si mangia la coda per vivere. E la coda diventa sempre più corta. Le nostre usanze sono diverse dalle vostre. Noi non viviamo bene nelle vostre città, che sembrano un'infinità di nere verruche sulla faccia della terra. La vista delle città dell'uomo bianco fa male agli occhi dell'uomo rosso come la luce del sole che colpisce gli occhi di chi emerge da una grotta buia. Nelle città dell'uomo bianco ci si sforza sempre di superare in velocità una valanga. Il rumore sembra perforare le orecchie. Ma che senso ha di vivere se non si riesce a sentire il verso solitario del tordo o il gracidare delle rane di notte intorno ad uno stagno? Ma io sono un uomo rosso e non capisco. Io preferisco il vento che dardeggia sulla superficie di uno stagno e il profumo del vento stesso, purificato da uno scroscio di pioggia a mezzogiorno. L'aria è preziosa per l'uomo rosso, perchè tutte le cose condividono lo stesso respiro; gli animali, gli alberi, e l'uomo, partecipano tutto dello stesso respiro. L'uomo bianco non si preoccupa dell'aria fetida che respira. Come un uomo che ormai soffre da molti giorni, è insensibile al tanfo. Tutte le cose sono collegate. Tutto ciò che accade alla terra accade ai figli e alle figlie della terra. L'uomo non ha intrecciato il tessuto della vita; ne è solamente un filo. Tutto ciò che egli fa al tessuto, lo fa a se stesso. IL DIO DELL'UOMO BIANCO GLI DIEDE IL POTERE SUGLI ANIMALI, SUI BOSCHI E SULL'UOMO ROSSO, per qualche scopo preciso, ma questo destino è un mistero per l'uomo rosso. Noi forse potremmo arrivare a capire se sapessimo che cosa sogna l'uomo bianco, quali sono le speranze di cui parla ai propri figli nelle lunghe notti d'inverno, quali sono le visioni che marcano a fuoco i suoi occhi e che questi desidereranno all'indomani. I sogni dell'uomo bianco sono ignoti, noi ce ne andremo sulla nostra strada. CAPO SEATTLE DEGLI SUQUAMISH 1853.





I nostri figli devono andare a scuola per essere civilizzati. Lì vengono a conoscenza delle chiese. Sembra che esse siano state costruite con l'intenzione di addossarsi colpe l'uno con l'altro. Quando la gente trova da ridire sulle chiese anche Dio viene coinvolto nelle loro contese.
La chiesa di mio nonno non era costruita da uomini: quindi lui non avrebbe mai potuto insegnarmi a litigare con Dio. La nostra chiesa era la natura.
Abbiamo perso così tanto. Sebbene le circostanze fossero contro di noi, la colpa è anche nostra. Non abbiamo saputo affrontare lo shock che l'uomo bianco ci inflisse.
Sono nato in una cultura che viveva in case aperte a tutti. Tutti i figli di mio nonno e le loro famiglie vivevano in un'abitazione di 26 metri e mezzo di lunghezza, vicino alla spiaggia, lungo una insenatura.
Le loro camere da letto erano separate da una tenda composta di canne, ma un unico fuoco comune nel mezzo serviva ai bisogni culinari di tutti.
In case come queste la gente imparava a vivere e a rispettare i diritti di ognuno.
I bambini dividevano i pensieri del mondo degli adulti e si trovavano circondati da zie e zii e cugini che li amavano e non li minacciavano.
Oltre a questa reciproca accettazione, c'era un profondo rispetto per ogni cosa presente in natura che li circondasse. Per mio padre la terra era la sua seconda madre. Era un dono del Grande Spirito e l'unico modo di ringraziarlo era quello di rispettare i suoi doni.
L'uomo bianco invece ama solo le cose che possiede: non ha mai imparato ad amare le cose che sono al di fuori e al di sopra di lui.
In realtà o l'uomo ama tutto il creato o non amerà niente di esso.
La mia cultura dava valore all'amicizia e alla compagnia, e non guardava alla privacy come a una cosa cui tenersi aggrappati, poiché la privacy costruisce muri su muri e promuove la sfiducia.
La mia cultura viveva in grandi comunità familiari, e fin dall'infanzia le persone imparavano a vivere con gli altri.
La mia gente non dava valore all'accaparramento di beni privati: tale azione era disonorevole per la nostra gente.
L'indiano guardava a tutte le cose presenti in natura come se appartenessero a lui e supponeva di dividerle con gli altri e di prendere solo quelle di cui aveva bisogno. Ognuno ama dare nello stesso modo in cui riceve. Nessuno desidera continuamente ricevere.
Tra poco sarà troppo tardi per conoscere la mia cultura, poiché l'integrazione ci sovrasta e presto non avremo valori se non i vostri. Già molti fra i nostri giovani hanno dimenticato le antiche usanze, anche perché sono stati presi in giro con disprezzo e ironia e indotti a vergognarsi dei loro modi indiani.


Testo di Capo Dan George.

Foto:http://a3.sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc6/180365_184620744911927_120716444635691_440841_3283737_n.jpg






RISPOSTA DI CAPO SEATTLE DEGLI SUQUAMISH

AL GOVERNATORE BIANCO ISAAC STEVENS IN UNA FREDDA GIORNATA DI DICEMBRE DEL 1853.

Ogni pezzo di questa terra è sacro per il mio popolo.

Ogni lucente ago di pino, ogni tenera riva,

ogni vapore negli oscuri boschi, ogni raduna,

ogni insetto ronzante, sono sacri, nella memoria e nell'esperienza del mio popolo.





La linfa che scorre negli alberi

porta con sè i ricordi dell'uomo rosso.

I morti dell'uomo bianco dimenticano il luogo della propria nascita

quando camminano tra le stelle.

I nostri morti non dimenticano mai questa bellissima terra. perchè essa è la madre degli uomini rossi.

I nostri morti continuano ad amare e a ricordare, i rapidi fiumi della terra,

le scintillanti increspature sulla superficie degli stagni,

gli sfarzosi colori degli uccelli.

Noi siamo parte della terra ed essa è parte di noi.


I fiori profumati sono nostri fratelli,

il cervo, il cavallo, la grande aquila, questi sono nostri fratelli.

Le creste rocciose, gli spiriti dei prati,

il calore del corpo del cavallo

e l'uomo appartengono tutti alla stessa famiglia.

Così quando il Grande Capo di Washington ci fa sapere che

desidera comperare la nostra terra, ci chiede tanto.

Su quello che Capo Seattle dice,

il Grande Capo di Washington può contare, così

come i nostri fratelli bianchi possono contare sul ritorno delle stagioni.

Le mie parole sono come le stelle.

Esse non tramontano.


Il Capo di Washington ci manda parole di amicizia e di buona volontà.

Questo è gentile da parte sua.

Così noi valuteremo la vostra offerta di comperare la nostra terra.

Non sarà facile.

Per noi la terra è sacra.

Noi siamo felici nei boschi e sui torrenti che scorrono veloci.

L'acqua che pulsa nei ruscelli non è acqua, ma il sangue dei nostri antenati.

Se vi venderemo la nostra terra, dovrete ricordarvi che essa per noi è sacra,

e dovrete insegnare ai vostri figli che essa è sacra.

Ogni riflesso spettrale sulla limpida acqua dei laghi racconta eventi e memorie

della vita del mio popolo.

Il gorgoglio dell'acqua è la voce del padre di mio padre.

I fiumi sono nostri fratelli; essi spengono la nostra sete.

I fiumi, nel tenero abbraccio delle loro rive, trasportano le nostre canoe dove essi vogliono.

Se venderemo la nostra terra, dovrete ricordare e insegnare ai vostri figli

che i fiumi sono nostri fratelli, e vostri,

e voi dovrete d'ora innanzi trattare i fiumi con la stessa gentilezza

con la quale trattereste un vostro fratello.


Così Capo Seattle valuterà l'offerta del Capo di Washington.

Ci penseremo su.

L'uomo rosso ha sempre indietreggiato all'avanzare dell'uomo bianco,

come la bruma sui pendii montani fugge davanti al sole del mattino.

Per noi le ceneri dei nostri padri sono sacre.

Le loro tombe sono terreno consacrato, e così queste colline,

questi alberi.

Questa parte di terra per noi è sacra.


L'uomo bianco non capisce.

Per lui ogni pezzo di terra è uguale a un altro, poichè egli

è un vagabondo che arriva di notte, e prende dalla terra tutto ciò di cui ha bisogno.

La terra non è sua sorella, ma il suo nemico,

e quando nella lotta risulta vincitore, se ne va.

Si lascia alle spalle le tombe dei suoi padri, e non gliene importa.

Toglie la terra ai suoi figli. E non gliene importa.

Le tombe dei suoi padri e il diritto di nascita dei suoi figli

vengono dimenticati dall'uomo bianco,

che tratta sua madre la terra e suo fratello il cielo alla stregua di

cose da comperare, depredare, e vendere come si fa con le pecore,

il pane o le perline luccicanti.

In questo modo, i cani dell'avidità divoreranno la fertile terra

e lasceranno solamente un deserto.


L'uomo bianco è come un serpente che si mangia la coda per vivere.

E la coda diventa sempre più corta.

Le nostre usanze sono diverse dalle vostre.

Noi non viviamo bene nelle vostre città, che sembrano un'infinità

di nere verruche sulla faccia della terra.

La vista delle città dell'uomo bianco fa male agli occhi dell'uomo rosso

come la luce del sole che colpisce gli occhi di chi emerge da una grotta buia.

Nelle città dell'uomo bianco ci si sforza sempre di superare in velocità una valanga.


Il rumore sembra perforare le orecchie.

Ma che senso ha di vivere se non si riesce a sentire

il verso solitario del tordo o il gracidare delle rane di notte intorno ad uno stagno?

Ma io sono un uomo rosso e non capisco.

Io preferisco il vento che dardeggia sulla superficie di uno stagno

e il profumo del vento stesso, purificato da uno scroscio di pioggia a mezzogiorno.

L'aria è preziosa per l'uomo rosso, perchè tutte le cose condividono lo stesso respiro;

gli animali, gli alberi, e l'uomo, partecipano tutto dello stesso respiro.

L'uomo bianco non si preoccupa dell'aria fetida che respira.

Come un uomo che ormai soffre da molti giorni, è insensibile al tanfo.


Ma se venderemo la nostra terra,

dovrete ricordare che per noi sono preziosi l'aria, e i nostri alberi, e gli animali.

Il vento dona all'uomo il suo primo respiro e riceve il suo ultimo respiro.

E se noi venderemo la nostra terra,

voi la preserverete come isola sacra, come un luogo dove persino l'uomo bianco può

recarsi per sentire il profumo del vento addolcito dai fiori di campo.


Così valuteremo la vostra offerta di comperare la nostra terra.

Se decideremo di accettare,

in questo momento voglio porre una condizione:

l'uomo bianco deve trattare gli animali di questa terra come fratelli.

Mi hanno raccontato

di migliaia di bisonti lasciati a imprudire nelle praterie dagli uomini bianchi

che avevano sparato loro da treni in corsa.

Io non capisco.

Per noi gli animali sono nostri fratelli, e noi uccidiamo solo per sopravvivere.

Se noi venderemo all'uomo bianco questa terra,

egli deve fare la stessa cosa, perchè gli animali sono nostri fratelli.

Che cosa è l'uomo senza gli animali?

Persino il lombrico mantiene soffice la terra perchè l'uomo possa camminarci.

Se tutti gli animali scomparissero, gli uomini morirebbero a causa della grande solitudine.

Perchè tutto ciò che succede agli animali, succede all'uomo perchè

noi tutti partecipiamo dello stesso respiro.


Noi valuteremo la vostra offerta di comperare la nostra terra.

Non mandate uomini a chiederci di decidere in fretta.

Noi decideremo con i nostri tempi.

Se dovessimo accettare, in questo momento pongo una condizione:

non ci verrà mai negato il diritto di camminare delicatamente sulle tombe dei nostri padri,

delle nostre madri e dei nostri amici,

né l'uomo bianco potrà profanare queste tombe.


Le tombe dovranno ricevere sempre la luce del sole e la pioggia che cade.

Allora l'acqua cadrà lievemente sui verdi germogli e filtrerà lentamente in basso per

inumidire le labbra riarse dei nostri antenati e spegnere la loro sete.

Se vi venderemo questa terra,

voglio porre subito questa condizione:

dovrete insegnare ai vostri figli che la terra sotto i loro piedi

risponde più teneramente ai nostri passi che ai vostri, perchè è ricca delle vite

dei nostri simili.

Insegnate ai vostri figli ciò che noi abbiamo insegnato ai nostri,

che la terra è nostra madre.

Tutto ciò che accade alla terra, accade ai figli della terra.

Se gli uomini sputano sulla terra, sputano su se stessi.

Questo noi lo sappiamo.

La terra non appartiene all'uomo bianco, l'uomo bianco appartiene alla terra.

Questo noi lo sappiamo.

Tutte le cose sono legate come il sangue che unisce la nostra famiglia.

Se noi uccideremo i serpenti, i topi selvatici si moltiplicheranno e

distruggeranno il nostro mais.


Tutte le cose sono collegate.

Tutto ciò che accade alla terra accade ai figli e alle figlie della terra.

L'uomo non ha intrecciato il tessuto della vita;

ne è solamente un filo.

Tutto ciò che egli fa al tessuto, lo fa a se stesso.

No, il giorno e la notte non possono vivere insieme.

Valuteremo la vostra offerta.


La mia gente mi chiede:

" Che cos'è che l'uomo bianco vuole comperare?"

Per noi quest'idea è strana.

Come si può comperare o vendere il cielo, il calore della terra, la velocità dell'antilope?

Come possiamo vendervi queste cose?

E voi, come potete comperarle?

La terra diventa forse vostra per farne ciò che volete semplicemente perchè

l'uomo rosso firma un pezzo di carta e lo da all'uomo bianco?

Se noi non possediamo la freschezza dell'aria e lo scintellio, voi, come potete comperarli da noi?

Potete forse ricomperarvi il bisonte quando ormai l'ultimo è morto?

Ma noi valuteremo la vostra offerta.

Nel suo fugace momento di forza, l'uomo bianco pensa di essere un dio

che può trattare sua madre, la terra, e fiumi, che sono suoi fratelli,

e i suoi fratelli rossi come gli pare.

Ma l'uomo che comprerebbe e venderebbe la propria madre i propri fratelli e le

proprie sorelle, brucerebbe i propri figli per stare al caldo.


Quindi valuteremo la vostra offerta di comperare la nostra terra.

Il giorno e la notte non possono vivere insieme.

La vostra offerta sembra equa, e penso che la mia gente l'accetterà

e andrà nella riserva che le avete destinato.

Vivremo separati, e in pace.

Le tribù sono fatte di uomini, nulla più.

Gli uomini vanno e vengono come le onde del mare.

Anche i bianchi dovranno scomparire;

forse prima di tutte le altre tribù.

Continuando a insudiciare il letto in cui dorme, una notte l'uomo bianco soffocherà

nella propria sporchizia.


Ma nel momento della morte l'uomo bianco splenderà,

infiammato dalla forza del dio che lo condusse su questa terra e che,

per qualche scopo preciso, gli diede il potere su di essa.

Per noi questo destino è un mistero,

perchè non riusciamo a capire che cosa può mai diventare la vita

quando tutti i bisonti sono stati massacrati, tutti i cavalli selvaggi domati,

gli angoli della foresta sono oppressi dall'odore di molti uomini,

e il panorama delle colline rovinato dai cavi del telegrafo.

Dov'è il boschetto? Sparito.

Dov'è l'aquila? Sparita.

E che cosa significa dire addio al cavallo veloce e alla caccia?

La fine della vita e l'inizio della sopravvivenza.


Il dio dell'uomo bianco gli diede il potere sugli animali,

sui boschi e sull'uomo rosso, per qualche scopo preciso,

ma questo destino è un mistero per l'uomo rosso.

Noi forse potremmo arrivare a capire se sapessimo che cosa sogna l'uomo bianco,

quali sono le speranze di cui parla ai propri figli nelle lunghe notti d'inverno,

quali sono le visioni che marcano a fuoco i suoi occhi e che questi desidereranno

all'indomani.

I sogni dell'uomo bianco sono ignoti, noi ce ne andremo sulla nostra strada.


Quindi valuteremo la vostra offerta di comperare la nostra terra.

Se accetteremo, sarà per assicurarci la riserva che ci avete promesso.

Là, forse, potremo trascorrere come desideriamo i pochi giorni che ci restano.

C'è poco in comune tra noi.

Se vi venderemo la nostra terra,

essa si riempirà dei giovani audaci, delle teneri madre, delle donne sagaci, e dei bimbi

che un tempo vivevano ed erano felici quì.


I vostri morti camminano tra le stelle,

mentre i nostri morti ritornano alla terra che amano.

L'uomo bianco non sarà mai solo a meno che, in un lontano futuro,

non distrugga le montagne, gli alberi, i fiumi e l'aria.

Se sulla terra si dovesse arrivare a questo, e gli spiriti dei nostri morti,

che amano la terra,

non desiderassero più ritornare a trovare i propri cari, allora in quella luce

accecante di mezzogiorno che ferisce gli occhi

l'uomo bianco camminerà nel suo deserto

nella più grande solitudine.
 http://www.umbertoarciero.it/index.php?page=pellerossa

2 commenti:

  1. ogni volta che leggo il testo di un Indiano d'America provo una grande emozione... in un altra vita so di essere stata una loro.

    RispondiElimina
  2. LA VITA E' UNICA, UNA SOLA, E UNA VOLTA CESSATA SULLA TERRA INIZIA L' INFINITO.

    RispondiElimina