sabato 31 agosto 2019

La dr.ssa Humpries sgretola la immunità di gregge

Una grandiosa dr.ssa Humpries smonta la teoria sull'immunità di gregge.. I vaccinati possono trasmettere la malattia ai non vaccinati. Anche avendo una copertura vaccinale del 100% ci sarebbero comunque epidemie di morbillo.

sabato 3 agosto 2019

Netflix promuove la pedofilia con la sua serie sull’indottrinamento drag “Dancing Queen”

Dancing Queen’ una serie con ragazzi pre-adolescenti drag, e` stata rinnovata per una seconda stagione


Mentre i concorrenti di Netflix continuano ad apparire oltre l’orizzonte, l’azienda ha reso chiara la sua posizione sul mercato in una lettera aziendale.
Come riportato da CNBC, “Le nuove forme di intrattenimento – come Fortnite e YouTube di Google – sono state reputate, nella lettera della società, le concorrenti più forti”.
Netflix è già stato accusato di consentire la fruizione di pornografia infantile nel loro servizio.
Il film argentino “Desiderio” raffigurava due ragazze di dieci anni in una situazione sessuale.
Inoltre, c’è la serie animata di Netflix, estremamente perversa, Big Mouth.
Come ha riassunto il Freedom Project “… la profanità e la grottesca immoralità e perversione rendono lo spettacolo auto-evidentemente inadatto ai bambini. D’altra parte, il ritratto costante dei genitali dei bambini e di immagini simili lo rendono evidentemente inadatto agli adulti. In breve, non è adatto a nessuno se non alle menti più depravate. Il vero obiettivo sembra essere quello di corrompere e sessualizzare più bambini. ”
Ora, Netflix è entrato in quello che alcuni considererebbero territorio inesplorato con la serie “Dancing Queen” di Netflix, una serie che si concentra su un insegnante di danza del Texas che cammina su una linea sottile nel promuovere la normalizzazione dei bambini e lo stile di vita della drag queen .


Mentre la serie non arriva fino alla follia di Michael Alig e allo sfruttamento di Desmond the Amazing, “Dancing Queen” introduce con attenzione la relazione tra Drag Queens e i bambini a un pubblico più vasto.
E con la popolarità di Desmond e il marketing per lo spettacolo, Dancing Queen è una coincidenza orribilmente programmata o sta spingendo la stessa narrativa sovversiva che si trova in altri show di Netflix.
Quindi, se volete risparmiare qualche soldo, cancellare l’abbonamento a Netflix, dovrebbe essere la prima cosa che una persona decente dovrebbe fare.

lunedì 1 luglio 2019

Tumore, l’ago incandescente lo scioglie

Tumore sciolto con ago incandescente

di Romina Malizia

La ricerca scientifica fa passi da gigante in campo medico anche se non è mai abbastanza per curare e debellare tutte le malattie. Purtroppo i grandi potenti e le lobby farmaceutiche frenano la scoperta di cure alternative…altrimenti noi non saremmo più “pazienti-clienti” a vita.

Tumore, l’ago incandescente lo scioglie: il primo intervento in soli 10 minuti

Un ago incandescente contro il tumore. La tecnica innovativa, che si chiama termoablazionemediante microonde, permette di sciogliere il tumore (e anche le forme metastatiche) al fegato, ai reni, ai polmoni, alla tiroide e alle ossa in un’unica seduta, anche ambulatorialmente, in cui il paziente viene sedato e curato in pochi minuti senza sentire dolore e, in molti casi, senza avere la necessità poi di altri trattamenti come quelli chemioterapici. La nuova metodica, rivoluzionaria nel trattamento di alcune neoplasie, è approdata nella Chirurgia e Medicina dell’Ospedale di Chioggia: proprio oggi, martedì 15 novembre, i professionisti della Ulss 14 hanno curato con questo innovativo trattamento, in soli dieci minuti, un signore chioggiotto di 65 anni che era affetto da una grave lesione metastatica epatica. L’intervento di alta specialità si è tenuto nelle nuove sale operatorie di day surgery, recentemente restaurate.

«La termoablazione mediante microonde – hanno spiegato il primario di Chirurgia Salvatore Ramuscello insieme al responsabile del servizio di ecografia interventistica Mario Della Loggia – è un nuovissimo trattamento che necessita di un generatore di microonde e di un terminale chiamato antenna che, mediante guida ecografica, viene inserita direttamente nella lesione. L’antenna, attraverso un aumento di temperatura rapido, controllato e localizzato, provoca la distruzione del tessuto malato con la massima precisione. Rispetto a ieri possiamo intervenire in maniera mininvasiva, con una piccola incisione di 2-3 millimetri, su tumori importanti e calibrare il tipo di cura a seconda della neoplasia: si agisce localmente, delimitando e colpendo solo l’area interessata dalla malattia. Persino l’intensità di calore e la durata dell’intervento viene misurata in base alla grandezza del tumore da distruggere. In questo modo evitiamo l’asportazione chirurgica, rendendo possibile il trattamento anche su pazienti pluripatologici, quindi inoperabili e fragili, con tempi di ricovero più brevi e una migliore ripresa funzionale dei pazienti stessi».

L’intervento di oggi è durato 10 minuti e questa sera il paziente potrà già andare a casa con una ferita di 2 millimetri senza neppure sutura.

mercoledì 26 giugno 2019

La depopolazione per editto governativo





La depopolazione per editto governativo

Di Deanna Spingola
29 Gennaio 2010
traduzione: http://nwo-truthresearch.blogspot.com

Nel 1922, Margaret Sanger scrisse THE PIVOT OF CIVILIZATION con un'introduzione dell'eugenetista H. G. Wells. La Rockefeller Foundation "supportò entusiasticamente il concetto di "eugenetica", che incoraggiava gli sforzi riproduttivi di quelli che erano considerati avere dei "buoni" geni, mentre disincentivava o fermava la proceazione degli indesiderabili. Ma Rockefeller e altri erano ansiosi di andare addirittura oltre per modellare il pattern di procreazione Americana lungo linee evolutive".[1] John D. Rockefeller Jr, secondo le informazioni di Raymond B. Fosdick, fornì la copertura finanziaria per il movimento Planned Parenthood di Margaret Sanger.[2]Sanger, una femminista e una attivista del controllo delle nascite, istituì la prima clinica di pianificazione familiare a New York City. Diverse fondazioni statunitensi finanziavano la ricerca eugenetica, incluso il Carnegie Institution, che finanziò gli studi eugenetici di Davenport a Cold Spring Harbor, e la Rockefeller Foundation, che diede contributi negli anni '30 del 900' per la ricerca eugenetica al Galton Laboratory dell'University College di Londra e alla Cornell Medical School di New York. [3]
I sostenitori del controllo della popolazione e dello studio dell'eugenetica comprendono Theodore Roosevelt, Charles Wilson, presidente di Harvard e Irving Fisher, presidente di Yale e presidente dell' Eugenics Research Association negli anni '20 del 900', più una schiera di figure pubbliche molto importanti.[4] Il Presidente Theodore Roosevelt designò Oliver Wendell Holmes Jr. alla Corte Suprema statunitense dove servì dal 1902 al 1932. Holmes fu un difensore della riproduzione selettiva ed emise il verdetto di sterilizzazione nel caso di Carrie Buck nel 1927.
Egli disse: "E' meglio per tutto il mondo se, invece di attendere di vedere la messa in atto della degenerazione della prole con crimini o lasciarli morire di fame per la loro imbecillita, la società può evitare a quelli che sono palesemente inadatti di continuare la loro specie. Il principio che sostiene la vaccinazione obbligatoria è ampio abbastanza da comprendere il taglio delle tube di Falloppio. Tre generazioni di imbecilli sono abbastanza."[5] Sir Frederick Pollock un membro della Pilgrims Society e professore di legge a Oxofrd, fu l'editore di Law Quarterly Review dal 1885 al 1919. Egli fu in stretta comunicazione con il formato ad Harward Oliver Wendell Holmes Jr. durante un periodo di sessant'anni. Il ricercatore Charles Savoie sostenne che la Pilgrims Society fu strettamente connessa alla Corte Suprema Americana per più di un secolo. [6]
La Fondazione Rockefeller finanziò quella che è conosciuta come Genetica Psichiatrica, una nuova specialità. La Fondazione ristrutturò la pratica medica in Germania, inclusa la gestione del Kaise Wilhelm Institute for Psychiatry e il Kaiser Wilhelm Institute for Anthropology, Eugenics and Human Heredity sotto la direzione dello prichiatra svizzero Ernst Rudin, supportato dai suoi fidati protetti, Otmar Verschuer e il Dr. Franz J. Kallman. Nel 1932, il movimento Britannico di eugenetica designò il Dr. Rubin come il presidente della Federazione Mondiale di Eugenetica. Il movimento eugenetico promosse l'uccisione o la sterilizzazione delle persone onerose, gli individui che Henry Kissinger denominò "mangiatori inutili" [7] Rockefeller finanziò il Kaiser Wilhelm Institute di Eugenetica in Germania, fondato nel 1927.
La famiglia Bush si uni a John D. Rockefeller e alla Famiglia Reale Britannica nella sponsorizzazione delle iniziative di eugenetica che diedero luogo ai programmi di igiene razziale di Hitler. Prescott Bush fu sucessivamente ritenuto colpevole di commerciare coi nazisti durante la seconda guerra mondiale. Secondo i registri della corte, la famiglia Rockefeller e la loro Standard Oil Company supportò Hitler più di quanto non fecero gli alleati durante la guerra. Infatti, un giudice dichiaro Rockefeller colpevole di tradimento. Il Dr. Glum documentò gli insidiosi programmi di eugenetica per creare una "super razza", che era inizialmente sponsorizzata non da Adolf Hitler, ma dall'elite Americana come le famiglie Rockefeller, Carnegie, Harriman, Morgan, DuPont, Kellog e i Bush.[8]
Hitler, che fu finanziato dai banchieri internazionali, diventò il Cancelliere del Terzo Reich il 30 gennaio 1933.
Wilhelm Frick, il ministro degli interni, introdusse la legge sulla sterilizzazione precoce che fu emanata entro sei mesi dopo che Hitler divenne Cancelliere. La sterilizzazione fu usata per la "vita immeritevole di vivere". Certi individui che, secondo le testimonianze, si era autorizzati a sterilizzare, includevano quelli con:" deficienza congenita (ora chiamata insufficienza mentale), una stima di 200.000; follia maniaco depressiva, 20.000; schizofrenia, 80.000; epilessia, 60.000; corea di Huntington (un disordine ereditario del cervello), 600; cecità ereditaria, 4000; sordità ereditaria, 16.000; grave malformazione fisica, 20.000; e alcolismo ereditario, 10.000. La proiezione totale di 410.000 fu considerata solo preliminare, tesa maggiormente a persone già nelle istituzioni; si ritenne che un più grande numenro di persone sarebberero eventualmente state identificate e sterilizzate."[9]
Dopo che i nazisti presero il potere, l'I.G. Farben e la Standard Oil di Rockefeller si fusero un una singola entità che conteneva i benefici nutrienti di entrambe le compagnie. La I.G. Farben era, fino al 1937, controllata dalla famiglia Warburg che aveva collaborato con Rockefeller nell'imabarcarsi nell'eugenetica nazista. La Standared Oil mantenne la sua alleanza con la I.G. Farben anche dopo che gli Stati Uniti entrarono in guerra. Nel 1940-41, la I.G. Farben costrui un ampio complesso industriale in Polonia adiacente al campo di concentramento di Auschwitz dove essa pianificava di usare il lavoro schiavista per fare la benzina dal carbone. Il regolare presidente tedesco Emil Helfferich ammise che la Standard Oil finanziò parte delle operazioni ad Auschwitz.[10]
Nell'autunno del 1941, il Segretario della Guerra Henry Stimson contattò il Dr. Frank B. Jewett, presidente dell'Accademia Nazionale delle Scienze, per discutere l'ulteriore sviluppo di armi biologiche. Questo avvenne prima dell'entrata dell'America nella seconda guerra mondiale, ma secondo il suo diario, il segretario Stimson era ben consapevole degli eventi imminenti. Poco dopo, il presidente Roosevelt autorizzò Stimson a creare un organismo civile per sovrintendere alla guerra biologica nell'ambito della giurisdizione dell'Agenzia Federale della Sicurezza. George Merck, proprietario di Merck Pharmaceutical e stretto consigliere di Roosevelt, fu nominato direttore del nuovo War Research Service.[11]
Frank McDougall partecipò nell'area della salute pubblica all'interno della vecchia Lega delle Nazioni. Egli creò un legame tra la comunità della salute, la nutrizione, lo sviluppo agricolo e le politiche economiche. Le Nazioni Unite in una conferenza a Hot Springs tra il 16 Ottobre e il 1 Novembre del 1945 impostarono la Commissione ad Interim sul Cibo e l'Agricoltura delle Nazioni Unite. I funzionari stilarono la costituzione della Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite (FAO). McDougall il fu capo architetto e il promotore dell'organizzazione.[12]
Il Dipartimento di Eredità Umana fu trasferito da Londra a Copenhagen nel 1947, in un edificio costruito recentemente pagato dalla Fondazione Rockefeller. I'iniziale congresso internazionale in Genetica Umana dopo la Seconda Guerra Mondiale fu convocato a Copenhagen nel 1956. Vershuer, un protetto di Rudin, da allora fu un membro della Società Americana di Eugenetica, sinonimo del Population Council di Rockefeller. Il Dr. Kallman, un dirigente, organizzò inoltre la Società Americana di Genetica Umana come coordinatrice del Progetto Genoma Umano. In seguito, i Rockefeller trasferirono il movimento eugenetico statunitense negli uffici della loro famiglia, dove essi dirigevano anche il futuro controllo della popolazione e i gruppi favorevoli all'aborto. La Società Eugenetica in seguito diventò la Società per gli Studi della Biologia Sociale.[13]
Lo Studio#23 di Pianificazione Politica del Dipartimento di Stato Statunitense del 1948, firmato da George F. Kennan, concludeva: "Noi abbiamo il 50% della ricchezza del mondo, ma solo il 6,3% della sua popolazione. In questa situazione noi non possiamo essere oggetto di invidia e risentimento. Il nostro vero compito è quello di elaborare un modello di relazioni che ci permettano di mantenere questa relazione di disparità senza un deciso detrimento della nostra sicurezza nazionale. Per farlo dovremmo rinunciare a qualsiasi sentimentalismo e a sogni ad occhi aperti e la nostra attenzione dovrà essere concentrata ovunque riguardo ai nostri immediati obiettivi nazionali. Noi non dobbiamo ingannare noi stessi sul fatto che possiamo permetterci oggi il lusso dell'altruismo e della beneficenza nel mondo. Dobbiamo cessare discussioni su obiettivi vaghi e irreali come i diritti umani, il miglioramento del tenore di vita e la democratizzazione. Non è lontano il giorno dove noi avremmo a che fare con un concetto di potere diretto. Meno siamo intralciati da slogan idealistici, meglio è."[14]
John Foster Dulles, il presidente della Fondazione Rockefeller, concluse, dopo le osservazoni apprese in una serie di tournée all'estero, che vi era un "necessità di fermare l'espansione delle popolazioni non bianche". Nel 1952 Frederick Osborn, un ufficiale della Società Americana di Eugenetica, assistito da John D. Rockefeller III, organizzò il Population Council e vi servì come primo amministratore. Nel 1958 Eisenhower selezionò William H. Draper per dirigere un comitato per valutare le appropriate azioni militari in altri paesi. Draper suggeriva che doveva essere data un'attenzione più marcata alla minaccia dell'esplosione demografica e a studi sulle procedure di depopolazione per i paesi più poveri e non bianchi, i quali rappresentano una minaccia nazionale per la sicurezza degli Stati Uniti.[15] A quanto pare, una fiorente popolazione non bianca potrebbe ridurre le risorse disponibili che potrebbero essere meglio utilizzate dalla popolazione bianca. In aggiunta, la crescita della popolazione produce individui pieni di risentimento che si oppongono aggressivamente alle politiche elitarie. 
Nel 1965, il Population Action International (originariamente conosciuto come Population Crisis Committee), fu fondato da Hugh Moore, Lammot du Pont Copeland e William H. Draper Jr. L'organizzazione mondiale ha sede a Washington, DC. Dal 2001, in associazione con il Population Action International, e con l'incoraggiamento del Congresso, l'Agenzia statunitense per lo Sviluppo Internazionale (USAID) distribuì informazioni in paesi stranieri in uno sforzo di iniziare la pianificazione familiare e riproduttiva e coprire altri programmi sanitari.
Nel 1961, John D. Rockefeller III, presentò la Seconda Conferenza McDougall alla Food and Agricolture Organization delle Nazioni Unite. Questo preceduto da un decennio di protocolli sulla popolazione di Rockefeller che diventeranno parte del NSSM 200 di Kissinger. Rockefeller nel suo discorso disse: "A mio avviso, la crescita della popolazione è seconda solo al controllo delle armi atomiche come fondamentale problema all'ordine del giorno."[16]
La Fondazione Rockefeller finanziò il movimento inglese di eugenetica. La famiglia Rockefeller aveva legami prossimi alla Casata dei Rothschild alla quale la gigante società Standard Oil doveva i suoi inizi. Presumibilmente i Rothschild, una famiglia Talmudica con connessioni vicino alla massoneria e agli illuminati, promuovevano attivamente e finanziavano l'eugenetica e la depopolazione dietro le quinte. Dagli anni '60, la Società di Eugenetica Inglese abbracciò la cripto-eugenetica, sotto la quale essi avrebbero partecipato all'eugenetica senza chiamarla realmente eugenetica. I Rockefeller diedero il loro sostegno alla Società di Eugenetica Inglese attraverso l'istituzione dell' International Planned Parenthood Federation, in collaborazione con la Società di Eugenetica. Questo formò un privato sistema globale nel quale l'elite poteva coreografare un olocausto, all'interno del contesto dell'offerta di servizi umanitari, tutto sotto la giurisdizione della bandiera delle Nazioni Unite, un'altra organizzazione di facciata dei Rockefeller.[17]
George H. W. Bush del Texas, che servì al Congresso dal 3 gennaio 1967 al 3 gennaio 1971, diede origine a un'indagine legislativa sulla sovrappopolazione mondiale.[18] Il Dr. M. D. MacArthur, vice direttore della Ricerca e Tecnologia per il Pentagono, nel Dipartimento della Difesa, chiese 10 milioni di dollari al Sottocomitato della Casa del Congresso per gli stanziamenti per lo sviluppo di un'arma biologica attraverso l'House Bill 15090. Il 9 giugno 1969 la Casa Repubblicana incaricò un comitato di ricerca, presieduto da George H. W. Bush, sentita la testimonianza del generale William H. Draper, del Population Crisis Committee e del Dr. William Moran del Population Reference Bureau. Draper riferì che c'erano tre questioni rilevanti nel controllo della popolazionone - i censimenti del 1970 negli Stati Uniti e nel 1971 in Gran Bretagna avrebbero dovuto essere universali e non limitati a 2 paesi; l'accelerazione della contraccezione; l'Organizzazione Mondiale della Sanità avrebbe dovuto implementare propri programmi internazionali quali vaccinazioni, ecc.[19]
Gli scienziati eminenti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, come riportato nel Bulletin of the World Health Organization, chiesero che i virus fossero creati per studiare la loro influenza sugli esseri umani.
Il Dipartimento della Difesa, finanziato ora con 10 milioni di dollari, intendeva condurre studi su agenti che distruggono il sistema immunitario per la guerra biologica. Nel 1983 il Dr. Robert Strecker, un internista e gastro-enterologo, che è anche un patologo addestrato con un dottorato di ricerca in farmacologia, produsse il memorandum Strecker dove egli sostenne che il virus dell'AIDS è di origine antropica. Lavorando in associazione con suo fratello, il procuratore Ted Strecker, essi scoprirono migliaia di documenti che verificarono l'origine antropica dell'AIDS. Strecker sostenne che sarebbe stato virologicamente impossibile che l'HIV sia stato emanato dalle scimmie; la malattia era sconosciuta in Africa prima del 1975. Strecker afferma che l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), finanziata dal Dipartimento della Difesa, avviò un test su un virus linfotrofico, un virus bovino che potrebbe infettare anche gli esseri umani. Nel 1977 l'OMS avviò una massiccia campagna in Africa per eradicare il vaiolo tra la popolazione urbana. Oltre 100 milioni di africani furono deliberatamente inoculati con vaccini per il vaiolo contaminati con AIDS. Nel 1978, oltre 2000 maschi bianchi omosessuali furono vaccinati contro l'epatite B dal Centro per il Controllo delle Malattie e dal New York Blood Center, anche con vaccini contaminati con AIDS. [20] Merck, Sharp e Dohme (MSD) finanziò la ricerca per il vaccino per l'epatite B che il Dr. Strecker sosteneva diffondesse l'HIV negli omosessuali degli Stati Uniti.[21] Questi tipi di armi sono state a quanto pare un problema vitale subito dopo il 9/11 quando John Bolton diede un discorso alla Biological Weapons Convention il 19 Novembre 2001 a Ginevra in Svizzera, dichiarando la nostra preoccupazione circa l'uso da parte dei "terroristi" di armi chimiche e biologiche.[22] Abbiamo addestrato molti stranieri all'uso di armi chimiche e biologiche a Fort McClellan in Alabama.
Kissinger ricevette il Premio Nobel per la Pace dopo avere diretto la dispersione di tonnellate del tossico Agente Orange della Monsanto in Vietnam. Questo prodotto chimico, contenente diossina, continua a influenzare negativamente i cittadini vietnamiti e l'ex personale militare statunitense e i loro figli con orrendi difetti alla nascita e disordini neurologici. Al contrario, Ali Hassan al-Majid, che disperse sostanze chimiche ad Halabja, è stato recentemente giustiziato per la stessa attività. Kissinger orchestrò il prestabilito bombardamento segreto nella neutrale Cambogia per un periodo di 4 anni, presumibilmente per proteggere gli americani in Vietnam. A partire dal 1970, il Congresso aveva vietato bombardamenti in Cambogia in ogni nota di appropriazione militare, eccetto che per l'aperto scopo - la protezione dei cittadini statunitensi - ma apparentemente non dall'Agente Orange.[23]Secondo la rivista Time del 19 Aprile 1976, "Dalla vittoria dei comunisti lo scorso anno, circa 500.000 - 600.000 persone, un decimo della popolazione della Cambogia, sono morte in rappresaglie politiche, per malattia o per fame... Per sfuggire al bagno di sangue, almeno 25.000 cambogiani sono fuggiti attraverso il confine in Thailandia. Raccontano storie di persone che vengono picchiate a morte per risparmiare munizioni. Altre sono state legate assieme e sepolte vive dai bulldozzer, o soffocate da sacchetti di plastica che hanno legato sulle loro teste".[24] Generando ulteriore risentimento, gli Stati Uniti insediarono Lon Nol, che raccoglieva milioni di dollari in aiuti economici statunitensi. Egli dichiarò se stesso Capo di Stato, primo ministro e comandante supremo delle forze armate, dopo aver sciolto l'assemblea nel mese di ottobre del 1971 e aver dichiarato lo stato di emergenza. Egli permise poi agli USA di bombardare a tappeto la Cambogia.[25] Lon Nol andò in pensione alle Hawaii il 1 aprile del 1975 con mezzo milione di dollari, omaggiati dai contribuenti statunitensi.[26] I Khmer Rossi di Pol Pot, con le loro uccisioni nei campi, l'essenziale liquidazione della classe media, la carestia, la distruzione dell'economia e i campi di concentramento seguivano le attività americane nell'area.
Dagli esperimenti sulla guerra biologica di Kissinger in Indocina, il Presidente Richard Nixon autorizzò Kissinger a dirigere la compilazione di una polica sulla popolazione al National Security Council. Il lavoro fu completato durante l'amministrazione della presidenza Gerald Ford. I loro sforzi sfociarono nel The National Security Study Memorandum, NSSM 200, Implications of Worldwide Population Growth for U.S. Security and Overseas Interests (Implicazioni della crescita della popolazionione mondiale per la sicurezza e gli interessi esteri degli Stati Uniti),Datato 10 DICEMBRE 1974. E' stato ufficialmente adottato come politica degli Stati Uniti il 26 novembre 1975, con il memorandum 314 del presidente Ford. Esso è ancora effettivo, in quanto non è mai stato revocato. Ogni amministrazione successiva implementò le politiche sulla popolazione usando la propria metodologia. Il NSSM 200 fu declassificato l'8 febbraio del 2007.
Il controllo della popolazione è al servizio di interessi strategici, economici e militari statunitensi a discapito del terzo mondo o dei paesi meno sviluppati (PMS). Il piano afferma che la loro crescita della popolazione è nociva ed è una grave minaccia per la sicurezza nazionale degli USA per quattro motivi: (1) le grandi nazioni possono ottenere potere politico (2) Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno la necessità strategica di materiali provenienti da tali paesi (3) Un alto tasso di natalità significa più giovani che hanno maggiori probabilità degli anziani di sfidare le struttore del potere globale (4) La crescita della popolazione dei paesi relativamente svantaggiati mette a repentaglio gli investimenti statunitensi.[27] Il NSSM 200 ha implicazioni particolari per 13 paesi - India, Brasile, Egitto, Nigeria, Indonesia, Filippine, Bangladesh, Pakistan, Messico, Tailandia, Turchia, Etiopia e Colombia. Il NSSM 200 elenca il Brasile che, a quel tempo, aveva una popolazione di oltre 100 milioni che dominava il continente demograficamente. Dal 2000, le proiezioni sulla popolazione erano pari a circa 212 milioni di persone.[28] Questo tipo di crescita della popolazione è stata inaccettabile per l'elite.
Nel 1975 Kissinger viaggiò con Gerald Ford in Indonesia, dove si incontrarono con il dittatore Suharto sostenuto e armato dagli USA, che supervisionò l'uccisione di milioni di persone durante il proprio regno di 35 anni. Il giorno dopo che Ford e Kissinger se ne andarono, le forze indonesiane invasero il territorio indipendente di Timor Est. Un terzo della popolazione del territorio fu sterminato durante la seguente occupazione di 20 anni, ma questo ebbe solo un piccolo impatto sulle continue spedizioni di armi americane e occidentali al regime di Jakarta. Documenti rilasciati recentemente stabiliscono che Suharto ricevette la luce verde per l'invasione da parte del presidente e dal segretario di stato statunitense.
Nixon e Kissinger, insieme a John Negroponte, un aiutante di Kissinger e l'ufficiale responsabile per il Vietnam del National Security Council, organizzarono un colpo di stato del governo che creò il caos in Cambogia nel marzo del 1970. Negroponte avrebbe poi agito in qualità di ambasciatore in Iraq a partire dal 2004-2005 e come direttore dell'intelligence nazionale dal 2005 al 2007. Il 26 marzo 2001, il Los Angeles Times segnalò: "Mentre era ambasciatore in Honduras dal 1981 al 1985, Negroponte diresse il riarmo segreto dei ribelli Contras del Nicaragua e fu accusato dai gruppi di diritti umani di supervisionare - se non sorvegliare - uno squadrone della morte appoggiato dalla CIA durante la sua occupazione." La CIA aveva fondi illimitati per assistere il governo nei suoi sforzi di depopolazione. In concerto con Oliver North, "Ha anche contribuito ad orchestrare un accordo segreto, più tardi conosciuto come Iran-Contras, per l'invio di armi attraverso l'Honduras per aiutare i Contras a rovesciare il governo sandinista."[29] Negroponte aveva la responsabilità dell'Ambasciata statunitense in Honduras quando centinaia di honduregni etichettati come "sovversivi", furono sequestrati, violentati, torturati, e macellati dal Battaglione 316, un'unità di intelligence honduregna addestrata, finanziata e sostenuta dal Pentagono e dalla CIA. Il Battaglione 316 partecipò anche alle segrete operazioni della CIA in Nicaragua.[30] Negroponte è stato Vice Segretario di Stato sotto Condoleezza Rice.
Il 2 ottobre 1979, Robert S. McNamara, presidente della Banca Mondiale ed ex segretario della difesa durante la guerra del Vietnam, parlando ad un gruppo di banchieri internazionali disse:"Noi possiamo iniziare con il problema più critico di tutti, la crescita della popolazione," concludendo che, "O il tasso di nascita corrente si dovrà abbassare più rapidamante, o il tasso di morte deve aumentare...Ci sono, naturalemente, molte vie con cui il tasso di morte può alzarzi. In un'epoca termonucleare, noi possiamo realizzarlo molto velocemente e in modo risoluto." E' una dichiarazione sorprendente vista la posizione cripto-eugenetica presa dalla Società di Eugenetica Americana, un'opinione di cui McNamara, evidentemente un eugenetista specializzato, era certamente al corrente. Si può solo ipotizzare che egli non fosse d'accordo con le opinioni della Società, e sia stato così arrogante da ignorarle.[31] 
McNamara e Maurice Strong, un operativo di Rockefeller e un agitatore ecologico, organizzarono l'Earth Summit delle Nazioni Unite a Stoccolma nel 1972.[32] The New York Times affermò che Strong era il "Custode del Pianeta". Strong è grato a George H. Bush che lo manovrò nella posizione di Segretario Generale alla Conferenza delle Nazioni Unite sull'Ambiente e lo Sviluppo del 1992, nell'Earth Summit, convenuto a Rio de Janeiro, il quale sostenne regolamentazioni ambientali e dell'economia globale.[33] Strong pensa che le persone dovrebbero avere una licenza per avere dei bambini.
Il Population Plan fu inizialmente implementato da Brent Scowcroft, un collega di Kissinger di lunga data, Vice-Presidente del Kissinger Associated e consigliere della sicurezza nazionale sotto Ford nel 1974-1977 e sotto George Bush dal 1989 al 1993. Il direttore della CIA George H. W. Bush (dal Novembre 1975 al Gennaio 1977) aiutò Scowcroft che fu co-autore di A World Transformed con lui. Oltre al National Security Advisor, sono responsabili nell'esecuzione del piano di popolazione i Segretari dei Dipartimenti di Stato, Tesoro, Difesa, e Agricoltura. Ogni amministrazione utilizza queste agenzie e determina la propria strategia di spopolamento del pianeta. Scowcroft fu Presidente del Foreign Intelligence Advisory Board dal 2001 al 2005 sotto il Presidente George W. Bush e aiutò anche Barack Obama nella selezione del suo team si Sicurezza nazionale. Scowcroft agevolò apparentemente gli sforzi di Obama nel continuare la strategia di guerra di depopolazione di Bush nel Medio Oriente. 
Nel 1974 le Nazioni Unite convocarono la Conferenza mondiale dell'alimentazione a Roma, dove si concentrarono su due questioni, come suggerito dagli Stati Uniti. La prima questione fu la crescita mondiale della popolazione e la scarsità di cibo. Il secondo tema fu l'escalation dei prezzi alimentari come conseguenza di un presunto calo di cibo a livello mondiale. Sia i prezzi del petrolio e che quelli del grano erano cresciuti di circa il 400-500 per cento ogni anno. Un'ipotetica crisi alimentare in accoppiata con la capacità dell'America come maggior produttore mondiale di alimenti poneva al governo statunitense la responsabilità del cibo e dei prezzi conseguenti in un'alleanza tra commercianti di grano e governo statunitense il quale conduce alla manomissione genetica.[34]
L'amministrazione Reagan favorì la Monsanto e altre compagnie private che producevano discutibili prodotti alimentari sicuri progettati per il commecio mondiale. I prodotti geneticamente modificati (OGM), con pochi o nessun test, furono introdotti nel mercato statunitense. Il Vice Presidente George Herbert Walker Bush, ex Direttore della CIA, fu il principale proponente all'interno dell'amministrazione Reagan per questo innovativo campo di prodotti geneticamente modificati.[35] I cittadini statunitensi sono stati intenzionalmente esposti, anche perchè l'etichettatura degli OGM fu vietata dalla FDA.[36] Il costoso seme di elite Terminator della Monsanto, fertile per un solo impianto, "in mani di uno o più governi intenti a utilizzare il cibo come arma, Terminator era uno strumento di guerra biologica quasi 'troppo bello da credere'".[37] Dato che così tanti paesi del terzo mondo sono gestiti secondo gli interessi dell'eugenetica anglo-americana, i semi Terminator forniscono una vasta opportunità ai tiranni di implementare carestie.
Durante gli anni '60 e '70 la popolazione indigena non bianca degli Stati Uniti, attraverso l'Indian Health Service (Servizio sanitario indiano) dell'Ufficio della presidenza degli affari indiani, predispose un programma metodico di perdita generazionale contro le donne Native Americane in età di gravidanza dove si sterilizzarono circa il 42 percento di quelle che vivevano nelle riserve senza informarle. Ciò fu realizzato in associazione ad altre procedure mediche. Presumibilemente, questo programma si concluse nel 1976 dopo che furono fatte delle accuse e quindi confermate. Nessuno dei funzionari perse il proprio lavoro o subì conseguenze giuridiche in conseguenza della sua avvenuta partecipazione in questo programma. Essi stavano, dopotutto, seguendo procedure governative che erano pertinenti a popolazioni nazionali non bianche.[38]
Più recentemente, nel 1990, l'Organizzazione Mondiale della Sanità diffuse iniezioni di tetano fra le donne tra l'età di quindici e quarantacinque anni in Nicaragua, Messico, Filippine e alcuni paesi africani. All'oscuro delle donne, le iniezioni di tetano furono legate con Gonadotropina Corionica o (hCG), un ormone naturale, il quale, quando combinato con la tossina del tetano, impedisce ad una donna di sostenere la gravidanza. Questo programma, al fine di imporre uno stato di sterilizzazione permanente, fu finanziato dalla Fondazione Rockefeller e cominciò nel 1972.
La sterilizzazione è incredibilmente spaventosa, ma non ci si è fermati qui. Gli sforzi di depopolazione, condotti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e dal dipartimento della difesa statunitense, includono protocolli più agressivi. I militari britannici, la cui tattica noi abbiamo frequentemente adottato, usarono per primi la guerra biologica fin dal 1385 quando gettarono i resti di appestati e carcasse di animali malati nelle citta dei loro nemici. In America del Nord, Lord Jeffrey Amherst aveva fatto distribuire ai suoi uomini coperte cariche di vaioli tra l'indifesa popolazione indiana al fine di decimare il loro nemico senza sparare un proiettile.
La tattica di Amherst creò un'epidemia tra i Cherokee nel 1783 che aiutò le forze di George Washington e pose fine alla resistenza dei Cherokee. Lo Smithsonian Institution fondato dalla Massoneria ammise l'uso della guerra biologica di Amherst,"Durante gli amari combattimenti nel 1763-1764 Jeffrey Amherst ordinò che gli indiani intorno a Fort Pitt venissero infettati con doni di coperte piene di vaiolo. La rivolta indiana fallì, e Fort Pitt fu facilmente rilevato dopo una violenta epidemia di vaiolo scoppiata tra i guerrieri che assediavano la fortezza."[39]L'esercito statunitense ha ripetuto la tattica di guerra biologica di Amherst attraverso la distribuzione di coperte infettate di vaiolo ai Mandan a Fort Clark, oggi South Dakota. Ciò porto all'epidemia di vaiolo del 1836-1840. Dei Mandan, da circa 2400, rimasero solo trentuno sopravvissuti.[40]
L'esercito degli Stati Uniti ripetè questa tattica di morte introducendo carichi di coperte con la stessa malattia ai Mandan del fiume Missouri nel corso del 1830.
La guerra biologica è diventata la politica del governo degli Stati Uniti dopo che i Britannici la usarono contro gli alleati indiani dei Francesi durante le Guerre franco-indiane (1754-1763). Pertanto, durante il 19° secolo, l'esercito americano disseminò coperte contaminate agli indiani con lo scopo di sterminarli. Il vaiolo, ora disponibile in stato secco, e il colera, erano molto efficaci.[41] Molto probabilmente il vaiolo, una malattia altamente contagiosa, costò la vita di molti Indiani delle Pianure del Nord, una "popolazione vergine," in un anno, 1837-1838, quando tutte le operazioni militari furono mandate contro di loro. Gli Indiani hanno usato un nome molto descrittivo per il vaiolo - faccia marcita.[42] L'esercito americano ha anche condotto la guerra batteriologica iniettando i prigionieri filippini con la peste e i germi del beri-beri durante la nostra occupazione delle Filippine a partire dal 1898.
Nel 1998, in Sud Africa, presso la Commissione sulla Verità e la Riconciliazione fu data la seguente testimonianza:"Gli Stati Uniti incoraggiarono il regime di apartheid in Sud Africa a sviluppare un programma di Armi Chimiche e Biologiche che era teso alla popolazione nera del paese. Il Dr. Wouter Basson, il generale sud africano che guidò il progetto dalla sua nascita nel 1981, lo dichiarò in appunti che prese ad un incontro con il Generale Maggiore William Augerson. Egli (Augerson) ritiene che la guerra chimica è un'arma strategica ideale, perchè le infrastrutture sono conservate assieme con i servizi e solo le persone che vivono vengono uccise. Il clima caldo in Africa è l'ideale per questo tipo di arma in quanto la diffusione di veleno è migliore e l'assorbimento è aumentato attraverso la sudorazione e l'incremento del flusso sanguigno nelle persone che sono i target.”[43]
La guerra genocida gira attorno al conteggio dei corpi - gli uomini disarmati, le donne e i bambini, sono tutti obiettivi della guerra totale per raggiungere l'obiettivo della riduzione della popolazione mondiale. Tuttavia la guerra distrugge molte delle infrastrutture. Di conseguenza, sono stati sviluppati altri metodi altrettanto efficaci e potrebbero far aumentare addirittura i profitti in altri servizi e industrie, anche affiliate con l'elite, che sistematicamente vede gli altri esseri umani come merci e fonte di profitto, anche nella morte. Il genocidio, sotto mentite spoglie, è regolarmente praticato per limitare gli "eccessi" al fine di preservare la terra e la sue risorse per i "più adatti". Le elite che controllano i governi sono indifferenti al massacro, alla fame, alla schiavitù del lavoro, alla sofferenza degli altri, come evidenziato da una risposta insensibile dell'ex segretario di Stato Madeleine Albright interrogata circa i 500.000 bambini morti in Iraq a seguito delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti. Ella disse:"Ne valeva la pena."[44] La mentalità malthusiana dell'élite crede che la sopravvivenza dei più adatti si possa tradurre nel sacrificio dell'ampia maggioranza della popolazione della terra. Crisi economiche coreografate, sanzioni (carestie imposte dal governo), carestie create dall'uomo, guerre, guerre energetiche orchestrate, malattie e migrazioni di massa in territori ostili sono tutti metodi di assotigliamento della popolazione. L'aborto, contrabbandato come scelta, e l'omosessualità, promossa come stile di vita alternativo, contribuiscono tutti alla riduzione dei tassi di natalità. Sia la rivoluzione sessuale di Alfred Kinsey che il movimento delle donne di Gloria Steinem furono finanziati e facilitati dall'elite. L'elite rapace riesce a nascondere le sue miserabili macchinazioni attraverso la distrazione delle masse con stupido intrattenimento e dipendenza da sostanze dalle quali esse derivano anche i loro profitti.
Molti Americani pensano che Dio autorizzi ogni nostra eventuale azione contro altri gruppi etnici solo perchè noi siamo Americani. Dio quasi certamente non autorizza ogni cosa che fa il governo statunitense. In realtà, l'affermazione fallace dell'autorizzazione divina nasconde l'enormità dell'autorizzazione dello Stato alla malvagità. Gli Stati Uniti potrebbero e dovrebbero utilizzare il loro potere per il bene. A quanto pare, abbiamo stabilito i nostri standard etici, del tutto esenti da ogni colpa e, secondo Henry Kissinger, il nostro comportamento non dovrebbe essere internazionalizzato. In altre parole, noi perdoniamo ed magari supportiamo attacchi unilaterali ad altri paesi ma altri paesi non dovrebbero agire nella stessa maniera. I bambini di ogni paese dovrebbero avere gli stessi diritti e protezione come i bambini bianchi Americani.[45] 
Note



^ Kinsey: Crimes & Consequences: the Red Queen and the Grand Scheme by Judith A. Reisman, Ph.D., Institute for Media Education, Scottsdale, Arizona, 1998, p. 202
^ The Proud Internationalist, the Globalist Vision of David Rockefeller, also available in Nexus Magazine: Vol. 10, No. 5 (August-September 2003); Vol. 20 No.6 (October-November 2003); & Vol. 11 No.1 (December 2003-January 2004); 2006, p. 38
^ Eugenics: A Reassessment by Richard Lynn, edited by Seymour W. Itzkoff, Praeger, Westport, Connecticut, 2001, p. 27
^ Ibid
^ War Against the Weak: Eugenics and America's Campaign to Create a Master Raceby Edwin Black, Four Walls Eight Windows, New York, 2003, pp. 120-122
^ Pilgrims by Charles Savoie, Silver Investor, May 2005
^ The Nazi Doctors: Medical Killing and the Psychology of Genocide by Robert Jay Lifton, Basic Books, New York, 2000, p. 25
^ Emerging Viruses: AIDS and Ebola, Nature, Accident or Intentional? by Leonard G. Horowitz, Tetrahedron, Inc. Rockport, Massachusetts, 1996, pp. 38, 40-41
^ Seeds of Destruction, the Hidden Agenda of Genetic Manipulation by F. William Engdahl, Global Research, Centre for Research on Globalization, Montreal, Quebec, Canada, 2007, p. 71
^ Emerging Viruses, Aids & Ebola, Nature, Accident or Intentional? By Leonard G. Horowitz, Tetrahedron Publishing, Inc., Rockport, Massachusetts, 1996, p. 521
^ Ibid, pp. 156, 159
^ Ibid, pp. 3-5
^ Ibid, p. 12
^ Sideshow: Kissinger, Nixon, and the Destruction of Cambodia by William Shawcross, Simon and Schuster, New York, 1979, p. 277
^ Kissinger, the Secret Side of the Secretary of State by Gary Allen, Shambhala Publications, 1979, p. 14
^ Sideshow: Kissinger, Nixon, and the Destruction of Cambodia by William Shawcross, Simon and Schuster, New York, 1979, p. 229
^ Ibid, pp. 357-358
^ National Security Study Memorandum NSSM 200, Implications of Worldwide Population Growth, For U.S. Security and Overseas Interests (NSSM 200) – December 10, 1974, pp. 57-58
^ National Security Study Memorandum, NSSM 200, Implications of Worldwide Population Growth, For U.S. Security and Overseas Interests, (The Kissinger Report), December 10, 1974, p. 31
^ Bush UN Choice Faces a Fight By Maggie Farley and Norman Kempster, Los Angeles Times, March 26, 2001
^ Seeds of Destruction, the Hidden Agenda of Genetic Manipulation by F. William Engdahl, Global Research, Montreal, Canada, 2007, p. 127
^ Who is Maurice Strong? by Ronald Bailey, National Review, Sept 1, 1997
^ Seeds of Destruction, the Hidden Agenda of Genetic Manipulation by F. William Engdahl, Global Research, Centre for Research on Globalization, Montreal, Quebec, Canada, 2007, p. 43
^ Ibid, p. 4
^ Ibid, p. 13
^ Ibid, p. 261
^ A Little Matter of Genocide, Holocaust and Denial in the Americas 1492 to the Present by Ward Churchill, City Lights Books, San Francisco, p. 249
^ The State of Native America: Genocide, Colonization, and Resistance edited by M. Annette Jaimes, South End Press, Boston, Massachusetts, 1992, p. 7 Jaimes Notes: Jacobs, Wilbur R., "British Indian Policies to 1783," in Handbook of North American Indians, Vol. 4: History of Indian-White Relations, Smithsonian Institution, Washington, D.C., 1988, p. 10). As regards inculcation of smallpox among the Mandans in 1837, see Connell, Evan S., Son of the Morning Star: Custer and the Little Big Horn, North Point Press, San Francisco, 1984, pp. 15-6.
^ Catlin and His Contemporaries: The Politics of Patronage by Brian W. Dippie, University of Nebraska Press, Lincoln, 1990, p. 331
^ Death Stalks the Yakama: Epidemiological Transitions and Mortality on the Yakama Indian Reservation, 1888-1964 by Clifford E. Trafzer, Michigan State University Press, East Lansing, Michigan, 1997, p. 151
^ Rotting face: smallpox and the American Indian by R. G. Robertson, Caxton Press, 2001, Introduction, pp. 107-113
^ Rogue State: a Guide to the World's Only Superpower by William Blum, Common Courage Press, Monroe, Maine, 2005, pp. 120-121
^ "We Think the Price Is Worth It" By Rahul Mahajan

Fonte:

lunedì 24 giugno 2019

Madonna: Gesu` sarebbe stato favorevole all’aborto

In un’intervista, martedì, con il conduttore televisivo australiano Andrew Denton, la cantante Madonna ha suggerito che Gesù Cristo avrebbe favorito il diritto di una donna di sottoporsi ad un aborto.

Mentre promuoveva il suo recente album Madame X, Madonna ha discusso riguardo la Chiesa cattolica e Papa Francesco. Dopo una battuta di Denton su di lei e il papa, la cantante di Material Girl ha detto che non sarebbe sorpresa se si presentasse l’opportunita`. “Un giorno potrebbe invitarmi. Penso che questo papa potrebbe farlo “, ha detto, prima di elencare ciò che i due avrebbero discusso.

“Parleremo del punto di vista di Gesù sulle donne”, ha riflettuto Madonna. “Cosa pensava veramente sulle donne? Non credi che Gesù sarebbe d’accordo sul fatto che una donna ha il diritto di scegliere cosa fare con il suo corpo? Penso che sarebbe aperto ad avere quella conversazione con me. ”

Nel 2015, Madonna ha affermato che, nonostante sia stata presumibilmente “scomunicata” dalla Chiesa cattolica in numerose occasioni, la possibilità che lei e il papa si incontrassero per parlare di questioni “scottanti” non sarebbe al di fuori del regno delle possibilità. “Sento che questo nuovo papa è piu` disponibile, e penso che potremmo essere in grado di stare insieme e fare due chiacchiere sul sesso”, ha detto la cantante.
Le osservazioni di Madonna arrivano mentre Hollywood sta aumentando la sua campagna di pressione contro gli stati che hanno recentemente approvato leggi severe sull’aborto. I governatori repubblicani in Georgia, nel Mississippi e nell’Ohio hanno firmato regolamentazioni, che salvano i bambini da morte per aborto dopo il rilevamento del battito cardiaco fetale – che si verifica entro sei settimane dalla gravidanza. Il mese scorso, i legislatori del Missouri hanno approvato una legislazione simile, diventando l’ottavo stato a farlo. Lo stesso giorno, la Camera dei rappresentanti del Texas ha approvato una misura volta a vietare a qualsiasi stato o governo locale di utilizzare denaro dei contribuenti per collaborare con le cliniche abortive.
I principali studi di Hollywood si sono uniti a Netflix nelle ultime settimane dicendo che potrebbero cancellare le riprese in Georgia se la legge sull’aborto dello stato entrerà in vigore. Lo stato è noto per i suoi vantaggi fiscali lucrativi per le riprese.
WarnerMedia, NBCUniversal, Sony Pictures Entertainment e Walt Disney Co. hanno seguito l’azione del servizio di streaming all’inizio di questa settimana con una serie di dichiarazioni, rompendo un silenzio di tre settimane da parte dei grandi attori riguardo la legge.

Il CEO della Disney, Bob Iger, ha detto a Reuters che sarebbe difficile continuare le riprese se diventasse legge. Iger ha dichiarato che la società ha ascoltato delle persone che affermano che non lavoreranno piu` se la legge entrerà in vigore.
Molti georgiani, dai politici alle persone che lavorano sui set cinematografici, si preoccupano degli effetti negativi della legge. I legislatori democratici e gli operatori cinematografici locali della Georgia hanno esortato Hollywood a mantenere la produzione nello stato. I boicottaggi, alcuni dicono, non sono la risposta che stanno cercando.

mercoledì 19 giugno 2019

I misteri del 33º parallelo

I misteri del 33° parallelo 
Sappiamo tutti che il numero 33 non è solo un numero, e non possiamo fare a meno di metterlo in relazione con molti fatti interessanti che comportano un po ‘di mistero.

Ad esempio, 33 era l’età di Gesù alla sua morte, è il grado più importante che la Massoneria dà ed è il numero di vertebre che formano la colonna vertebrale umana, e il piede umano ha 33 articolazioni, tra le altre cose.
I paralleli 33 Nord e 33 Sud sono un altro argomento di discussione interessante. Gli studiosi spesso si riferiscono ai cerchi di latitudine come paralleli perché sono paralleli tra loro – cioè, ogni parallelo è ovunque alla stessa distanza. Molti sostengono che la posizione degli edifici su questa linea abbia stretti legami con la Massoneria, le comunità religiose e le società segrete, ma ci sono numerosi fatti storici che vengono attribuiti a luoghi misteriosi come questi.
Nell’emisfero settentrionale, il parallelo in questione si fa strada attraverso le principali città americane come Los Angeles, Phoenix, Dallas o la città di Roswell, un’area nota per la sua storia con argomenti relativi agli UFO. Curiosamente, John F. Kennedy fu assassinato sul parallelo 33, nella città di Dallas. Alcuni credono che il suo parallelo sia stato scelto specificamente per l’assassinio di Kennedy. Curiosamente, anche suo fratello Robert è stato assassinato sul parallelo 33, nell’Hotel Ambassador di Los Angeles. Anche il presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt morì vicino al parallelo 33. A Cesarea di Filippo, nelle vicinanze del 33 ° parallelo, Gesù Cristo predisse la propria morte.


Le luci della Fenice che sono state segnalate da migliaia di persone nei cieli sopra la città sono state uno degli avvistamenti UFO più massicci della storia, secondo testimoni in due eventi ufo separati. La città di Phoenix si trova su Parallelo 33.

Ma c’è molto più mistero intorno al parallelo 33. La prima esplosione nucleare è avvenuta ad Alamogordo, nel New Mexico, sul parallelo 33. Nel continente africano, nella città di Casablanca, situata in Marocco, si trova una grande costruzione piramidale quadrata ed esagonale sul 33 ° parallelo. Lo sapevate che fu il 33 ° presidente degli Stati Uniti a prendere di mira due città giapponesi con bombe nucleari? Entrambe queste città sono a cavallo del parallelo 33.

Il Golfo Persico ha alcune qualità interessanti, nell’antica Mesopotamia dell’Iraq moderno, dove sorgeva la culla della civiltà sumera, è il luogo in cui il 33 ° parallelo nord funge da congiunzione di due fiumi, il Tigri e l’Eufrate. Alcuni testi biblici suggeriscono che proprio in questo luogo si trovava il Giardino dell’Eden.

Sapevate che Baghdad si trova a 33 gradi ‘latitudine nord e il palazzo di Saddam Hussein è stato costruito esattamente in questa posizione? L’antica città di Damasco, in Siria, corrisponde a questo parallelo. Paesi come l’Iran e l’Afghanistan sono attraversati dal parallelo 33.

Città del Capo, Sud Africa e Sydney in Australia corrispondono a questo mistero.

Cosa, niente piramidi? Bene … ci sono, se viaggiamo lungo il 33 ° parallelo dal Medio Oriente fino all’Estremo Oriente, possiamo effettivamente trovare la favolosa Piramide Bianca che si trova a circa 60 miglia a sud-ovest di X’ian. Il Triangolo delle Bermuda ha anche una misteriosa connessione al Parallelo 33.

Fonte:
https://www.pianetablunews.it/2018/06/11/misteri-del-33o-parallelo/?fbclid=IwAR0kPIrDCIUPIZSyDxm5rUCzvEN0jEgd9DW5u-7_ZqGSTwEKdOGMyp8hsh0

martedì 18 giugno 2019

Il cuore nascosto della Terra. Forze cosmiche se lo contendono?



1. Scoperto il “cuore” nascosto della Terra.

Una notizia dell’11 febbraio 2015 che fa il giro del mondo. «Al centro della Terra, internamente al nucleo, si nasconde un piccolo cuore con caratteristiche diverse e sorprendenti che potrebbero aiutarci a capire come si è formato il nostro pianeta e come è arrivato ad essere così come lo vediamo oggi. Questo è quanto scoperto recentemente dal team dell’Università dell’Illinois guidato da Xiaodong Song, con la collaborazione dell’università cinese di Nanchino (ANSA, BBC) e pubblicato su Nature Geoscience.

Il gruppo di geologi ha utilizzato una particolare tecnica di lettura delle onde sismiche prodotte da terremoti di magnitudo superiore a 7 che attraversano il centro della Terra.

Non hanno analizzato le onde primarie più forti, ma lo sciame terminale di
onde di risonanza che vengono variamente riflesse e compiono percorsi più complessi raccogliendo un maggior numero di informazioni.

Questo tipo di analisi era già stato utilizzato per studiare fenomeni che si verificano in prossimità negli strati più superficiali, mentre il team di Xiaodong Song ha avuto l’idea di analizzare quelle che penetrano nell’interno, raggiungendo il nucleo.

I terremoti scuotono la Terra come un martello che batte contro una campana: le onde sismiche possono essere considerate come onde sonore e la loro analisi si può paragonare ai risultati di una “ecografia” del pianeta.

1.1 Le nuove scoperte
La Terra è fatta a strati come una cipolla. Noi stiamo sulla superficie della crosta, il sottile strato esterno solido, dove prevalgono i composti di silicio e alluminio, che comprende continenti e oceani. La crosta forma, insieme alla parte superiore del mantello, la litosfera, spessa circa 60 km.

Sotto si trova il mantello, lo strato che si spinge fino a 2.900 km di profondità, formato da composti di elementi sempre più pesanti in cui magnesio e ferro diventano più abbondanti.

Internamente si trova il nucleo, diviso in due strati. Nel nucleo esterno, che contiene ferro e solfuro di ferro, la temperatura sale fino a circa 6.000°C nella zona più interna, a 5.100 km di profondità, dove si unisce al nucleo solido interno. Questo ha un diametro di circa 2.440 km ed è costituito da nichel e ferro i cui cristalli, allineati e disposti in direzione Nord-Sud (all’incirca come l’asse terrestre), danno origina al campo magnetico terrestre.

E’ questo nucleo interno che è stato esaminato scoprendo che non è una massa uniforme e compatta, ma presenta una discontinuità che racchiude una piccola sfera di circa 1.200 km di diametro.

La composizione chimica delle due zone non cambia, ma in quella più interna i cristalli risultano disposti diversamente. Sono allineati secondo un asse perpendicolare all’asse terrestre, adagiato sul piano equatoriale: attraversa la Terra passando per il centro ed “esce” in superficie da una parte nell’arcipelago delle Galapagos (coordinate 0° 9’N 89°W) e dall’altra nell’Oceano Indiano (coordinate 0° 9’S 89°E). Questi cristalli presentano anche un diverso comportamento, facendo ipotizzare che sia diversa anche la struttura cristallina.

Lo studio di queste differenze potrà fornire informazioni su come la Terra è mutata nel corso delle ere e come e perché è cambiato il suo campo magnetico.

1.2 Perché il nucleo è importante per la vita sulla Terra
Sembra impossibile che il nucleo interno, più piccolo della Luna e nascosto a oltre 5.000 km di profondità nell’interno del pianeta, possa avere un qualche effetto sugli esseri che popolano la Terra, ma non è così. Se la vita ha potuto svilupparsi sulla Terra è stato solo grazie alla presenza del nucleo interno di ferro e nichel che, comportandosi come un gigantesco magnete, l’ha avvolta con il suo campo magnetico. E’ la magnetosfera, uno scudo protettivo che si estende per decine di migliaia di chilometri deviando le pericolose particelle cariche del vento solare e i raggi cosmici.

Se non ci fosse lo strato di ozono verrebbe strappato via e le radiazioni ultraviolette distruggerebbero la vita sulla superficie. Il campo magnetico non è visibile, ma è individuabile da alcuni effetti. Prima di tutto l’uomo lo utilizza per orientarsi costruendo le bussole che sfruttano la sua proprietà di deviare i magneti, poi possiamo ammirare le aurore boreali, fenomeni creati dalla ionizzazione del vento solare che interagisce con l’atmosfera nelle regioni in prossimità dei poli.»[1]

2. Gli UFO, esseri eterici dell’ottava sfera secondo Steiner (e secondo l’FBI?)

Con questo capitolo ora si cerca di introdurre degli argomenti per dare risposta all’allarmante e sibillino interrogativo posto dal titolo di questo scritto, in relazione alla scoperta del prof. Xiaodong Song illustrata nel precedente capitolo. Cosa si vuol far intendere per “Forze cosmiche se lo contendono?” La risposta ci viene da un articolo in cui viene trattato l’argomento degli Ufo, ritenuti esseri eterici dell’“ottava sfera”, secondo il filosofo Rudolf Steiner, fondatore della Società di Antroposofia. Questa concezione non soddisferà certamente gli accademici della scienza moderna, a cominciare dal prof. Xiaodong Song, tuttavia è proprio grazie ad essa che si pone l’interrogativo poiché, come si vedrà in seguito, avrò modo di mostrare le prove che la questione posta da Steiner, di cui ora si parlerà, può risultare sostenibile.

Dunque, « E’ noto come per Steiner l’“ottava sfera” altro non sia che il “nuovo” regno evolutivo che Lucifero ed Ahrimane tentano di edificare strappando “pezzi” dal regno umano allo scopo di deviare del tutto la normale evoluzione delle “sette sfere” o “stati planetari” o “incarnazioni” succedentisi nel tempo. L’abuso di onde e frequenze elettromagnetiche va a costruire una specie di ponte per il continuo passaggio delle forze elementari ahrimanico-luciferiche fra un “mondo” e l’altro.

Riguardo alla natura dei cosiddetti “alieni” si potrà comprendere meglio che le esperienze in questione hanno una natura ed un’origine molto più interiori ed occulte di quanto la apparente “materialità” dei racconti possa far pensare. Gli “alieni” sarebbero nient’altro che allucinazioni collettive prodotte da entità che agiscono dentro l’uomo. Si assisterebbe a evoluzioni di esseri demoniaci che si presentano però con la struttura di esseri di metallo. Ma ciò è illusorio. Si tratterebbe di esseri spirituali, privi di materia che appaiono con parvenze tecnologiche.[2] Parlando dell’ottava sfera si parla di qualcosa di molto poco conosciuto nella letteratura: sono pochi gli
occultisti e anche gli antroposofi che ne possono sapere qualcosa.

L’ottava sfera era un mistero sino a quando il Sinnet (teosofo), nel suo “Buddismo esoterico”, la nominò. Venne però (intenzionalmente?) comunicato un errore, in quel contesto, ossia che l’ottava sfera aveva a che fare con l’attuale luna fisica. Essa invece, non ha nulla a che fare con qualcosa che esiste nel mondo fisico: ha semmai qualcosa a che fare con quel che rimane, come residuo, dell’antica evoluzione lunare (secondo la Scienza Occulta). Viene chiamata “ottava sfera” in riferimento alle “sette” altre sfere o stadi planetari (mavantara), che altro non sono che le 4 passate incarnazioni planetarie: Saturno, Sole, Luna e attuale Terra, più le 3 future: Giove, Venere, Vulcano. La differenza dell’ottava sfera è che essa non è da collocare né alla fine né all’inizio dell’evoluzione, ma bensì parallelamente alla attuale Terra. E’ qualcosa che, come una dimensione parallela, vive a fianco alla nostra era terrestre. Si potrebbe dire che tale dimensione può essere circoscritta, come spazio, pressapoco dall’orbita dell’attuale Luna attorno alla Terra. Si può dire che la Terra è un punto al centro di una sfera, la quale è l’ottava sfera. E ciò è qualcosa di molto grave e poco rassicurante.

Se vogliamo comprendere meglio dobbiamo pensare che quando si compì l’evoluzione della Luna, alla fine vi furono alcuni spiriti luciferici e ahrimanici che sottrassero, trattennero per sé stessi, qualcosa alla sostanzialità della Luna di allora. Strapparono della sostanza lunare agli Spiriti della forma edificando un piano, una dimensione, parallelamente a ciò che sarebbe dovuto venire dopo: a fianco della Terra. In questo modo Ahrimane e Lucifero poterono così dispiegare il loro piano: sottrarre l’uomo all’evoluzione terrestre e attirarlo entro la loro evoluzione. Questa “loro” evoluzione non ha nulla in comune con i piani Divini. Lucifero ed Ahrimane vorrebbero far sparire l’attuale evoluzione, per fargli prendere tutt’altro corso. Come contrappeso di tale pericolo, all’inizio dell’evoluzione terrestre gli Spiriti della forma ordinarono l’espulsione delle forze lunari dalla Terra, e su questa massa fisico-spirituale venne a dimorare Javhè, uno degli Spiriti della forma.

Anche attualmente Egli vi soggiorna. Sarà anzi lo stesso spirito che in futuro provvederà a far si che la Luna rientri nella Terra. Da quella prospettiva Javhè poté così contrastare l’azione di Lucifero ed Ahrimane. Ma tale azione non esclude che vi possa essere una vittoria da parte degli spiriti ostacolatori.

Per ulteriori indicazioni consiglio di leggere il libro di R. Steiner: “Il movimento occulto nel secolo diciannovesimo e il mondo della cultura”(Editrice antroposofica-Milano)

Si provi ora a comparare quanto sopra con quanto segue: si noteranno peculiari analogie.[3]

Pubblichiamo in anteprima un documento rilasciato dall’FBI nell’ambito del programma di declassificazione di files top secret denominato “The Vault”. (Illustr. 2)

Oltre infatti le rivelazioni su Roswell e il famoso Majestic 12 arriva un’importante conferma sulla natura del fenomeno extraterrestre in un memorandum, classificato come importante, datato 8 luglio del 1947. Esso dichiara che le astronavi extraterrestri proverrebbero da un pianeta “etereo” situato sullo stesso piano della Terra ma posto ad un livello di vibrazione più elevato.

Il memo risulta e indirizzato particolarmente ad alcuni scienziati e funzionari pubblici che ricoprono attività di rilievo nel campo militare e dell’aviazione e coinvolge anche alcune pubblicazioni.

Illustrazione 2: Documento rilasciato dall’FBI. Top secret “The Vault”. Crediti: segnidalcielo.it

L’autore di questa nota è laureato in diverse discipline, inoltre in passato è stato responsabile di una facoltà universitaria. L’autore del memo spiega che “qualora si decidesse di attaccare queste astronavi bisogna essere consapevoli che quasi certamente il velivolo che ha attaccato verrà distrutto”.

Tutto ciò potrebbe portare panico tra la popolazione. Altri aspetti importanti descrivono nello specifico il tipo di natura di questi UFO e dei loro occupanti. Proseguendo infatti nella lettura del documento emerge quanto segue:
Parte dei dischi volanti possiedono equipaggio mentre altri sono sotto controllo remoto.
La loro missione è di pace. Essi contemplano e meditano sull’assestamento di questo piano.
Questi visitatori sono simili agli umani ma presentano un aspetto molto più grande in quanto a dimensioni.
Non è gente disincarnata del pianeta Terra, essi provengono dal loro mondo.
Essi non provengono da altri “pianeti” così come concepiti nella mente umana, ma da un pianeta eterico “interpenetrato” nella Terra non percettibile dall’uomo.
I corpi dei visitatori si materializzano automaticamente all’entrata nella nostra frequenza vibratoria e nella nostra densa materia.
I dischi volanti possiedono una sorta di energia radiante, o un raggio, che può facilmente neutralizzare qualsiasi attacco avversario. Essi inoltre possono rientrare dentro il corpo eterico in base alla loro volontà e sparire istantaneamente dalla nostra vista senza alcuna traccia.
La regione da cui provengono non è il “piano astrale”, ma corrisponde al LOKA e al TALAS.
Probabilmente non può essere raggiunto via radio, ma probabilmente può esserlo dai radar, se si crea un sistema di segnale a cui corrisponda quel tipo di “apparato”. Questi “piatti” sono di forma ovale e sono composti da un metallo o una lega resistente al calore, che tutt’oggi è sconosciuta. Di fronte a questo piatto vi è un pannello di controllo. Il retro contiene gli armamenti, che consistono essenzialmente in un dispositivo di energia e da cui può essere generato un fascio in caso di emergenza. […] ».[4]

A questo punto, esaurite le argomentazioni di ordine esoterico e ufologico che ci vogliono far credere all’esistenza di un piano eterico compenetrato nella Terra su cui viviamo, mi propongo di mostrare, come già detto in precedenza, la prova a riguardo sulla scorta di un reperto ufologico che non è stato stimato come pietra miliare per risalire a due importanti ipotesi. È stato trascurato non ravvisandovi nulla di interessante per avviare delle serie ricerche scientifiche.

Invece, dal mio punto di vista questo reperto spiega, per prima cosa, il probabile lato ingegneristico dell’UFO relativo e per seconda cosa, che vi si lega, la possibile relazione con il sub-nucleo del nucleo terrestre scoperto di recente dallo scienziato cinese Xiaodong Song, del quale si è parlato nel primo capitolo. Che poi, questo sub-nucleo corrisponderebbe al piano eterico, denominato LOKA e TALAS da cui provengono gli UFO descritti nella relazione del secondo capitolo.

In parallelo a questo piano eterico alieno, dal punto di vista esoterico, potrebbe trattarsi di un analogo piano eterico in cui agiscono le schiere avverse, da un lato quelle benefiche per l’evoluzione terrestre facente capo a Jahvé, e dall’altro quelle che non vorrebbero tutto ciò, cioè le forze luciferiche e ahrimatiche, secondo la visione chiaroveggente di Rudolf Steiner, fondatore dell’Antroposofia.

3. L’UFO di Marliens

Illustrazione 3: L’UFO di Marliens, Digione (FR). Rilievo delle tracce rilasciate dall’UFO. Tratto dal libro “Giza la porta dell’Egitto” di Guy Gruais e Guy Mouny. Edizione Armenia.

3.1 L’impronta dell’atterraggio
< Nel corso della notte del 10 maggio 1967, gli abitanti di Marliens videro passare sopra di sé quello che all’epoca veniva chiamato un «disco volante»; il velivolo era in fase di atterraggio.

All’alba, le sue tracce erano visibili in un campo vicino, ed erano tipiche, come poterono costatare i gendarmi della brigata del cantone, Genlis. Metro alla mano, i tutori dell’ordine redassero un verbale (n. 309) e fecero vari schizzi, piuttosto ben fatti secondo l’opinione generale, anche se va comunque considerato che non si trattava dell’opera di specialisti (Illustr. 3).

L’impronta di una dozzina di metri di circonferenza) fu cosparsa di polvere bianca e fotografata da un elicottero. Aveva l’aspetto di una stella a 6 punte, all’interno della quale si distinguevano sei fori che eventualmente avrebbero consentito di tracciare una seconda stella, interna più piccola.

Secondo una diversa procedura, collegando le punte della stella grande, si può tracciare un poligono a sei lati; lo stesso accade unendo tra loro i punti corrispondenti ai sei fori. L’esagono grande è convesso, il più piccolo concavo; nessuna di queste figure presenta un angolo retto. Negli ambienti specializzati, ufficiali o privati, fu dato grande rilievo alla cosa. Un autore, Maurice Chatelain, in Le Messagers du Cosmos (Robert Laffort, 1980), dopo uno studio dettagliato si era orientato verso i dati egizi, pi greco, ecc. tuttavia, nell’insieme non furono tratti insegnamenti alla portata dell’avvenimento di base, restando nell’ambito matematico. >[5]

Tuttavia, non è da invalidare lo studio di Maurice Chatelain, appena menzionato. Ho estratto in merito dal web queste annotazioni che poi le riprenderò per legarle a mie ipotesi. Ometto la descrizione del fatto di Marliens e mi soffermo per sommi capi alle conclusioni del suo studio.

Viene detto che lo studio delle sue dimensioni, eseguito con l’ausilio del computer, porta al famoso pollice quadrato degli antichi Egizi: trasformare la metrica in questa antica unità della serie di misurazioni si ottengono 24 numeri diversi, calibrate da 19 a 118. Questi numeri sono multipli dei primi tredici numeri tra 7 e 79. Stando alle nozione accademiche della matematica, le relazioni di questi numeri vengono utilizzati per calcolare le varie funzioni matematiche e alcune funzioni trigonometriche. In particolare, vi è il rapporto tra il numero pi greco (22/7) o, per esempio, quello del numero phi (89/55).[6] Ma ora proseguo per la mia strada che non trascura queste intuizioni matematiche che vedono in probabile relazione i due famosi numeri phi (la sezione aurea) con pi greco. Ma non trascuro nemmeno lo sforzo, addirittura ossessivo, dell’autore del libro di cui al § 5, nel porre in relazione la sagoma dell’impronta dell’UFO di Marliens (illustr. 3) con le piramidi di Giza d’Egitto.

L’illustr. 3 mostra il rilievo eseguito dalla brigata di gendarmeria di Genlis, poco distante da Marliens, ed è quanto basta per ora per avermi permesso di eseguire uno schema che si è dimostrato poi estremamente prezioso, prima di tutto, per capire il lato ingegneristico dell’UFO in questione e poi cosa rappresenta dal punto di vista – mettiamo – matematico, per cominciare.

3.2 Le impronte dell’UFO di Marliens e il giroscopio

Illustrazione 4: Impronta UFO di Marliens. Probabile geometria di una piattaforma a due giroscopi.
Già anni fa, quando mi interessai al caso dell’UFO di Marliens, capii che la geometria delle impronte portavano alla comprensione di un complesso sistema giroscopico.

Infatti oggi che ho deciso di approfondire lo studio in merito, non mi ci è voluto molto per eseguire il grafico della geometria giroscopica, immaginata per il caso suddetto, che mostro con l’illustr. 4.

Illustrazione 5: Esempio di giroscopio. Crediti: wikipedia.org

L’illustr. 5 mostra un esempio di un giroscopio e poi con l’illustr. 6 successiva si entra nel particolare di una piattaforma completamente stabilizzata mediante tre giroscopi con sospensione a un solo grado di libertà.

Un segnale del giroscopio x (gir x) provoca un intervento di retroazione del servomeccanismo SMC che con il rotismo R applica un momento di stabilizzazione sulla connessione del telaio A con B.

Analogamente un segnale del giroscopio y causa, attraverso l’intervento di SMC, l’applicazione di un momento di stabilizzazione fra i telai B e C e così via, in maniera che la piattaforma viene sempre riportata nelle prefissate condizioni iniziali. SC sono strumenti di controllo.

Apparecchiature di questo tipo sono sovente usate per la stabilizzazione di piattaforme destinate a mantenere in posizione a orientamento invariabile strumenti di misura montati ad esempio su veicoli a guida inerziale.

La costituzione assai complessa di una piattaforma stabilizzata giroscopicamente è dovuta all’elevata precisione necessaria: si pensi che una deriva di un grado può portare a un errore di rotta di 100 km. La precisione richiesta agli strumenti giroscopici è sempre assai elevata: in missili a breve gittata è ammesso un errore di deriva di qualche grado per minuto di tempo, montaggi per aeroplani devono avere derive dell’ordine del grado per ora, mentre le apparecchiature per la guida inerziale nella spazio devono presentare errori di deriva di un giroscopio, che provochi dell’ordine del grado per anno.

Illustrazione 6: Piattaforma completamente stabilizzata mediante tre giroscopi con sospensione a un solo grado di libertà.

La deriva di un giroscopio, che provochi una deviazione progressiva del suo asse di rotazione dalla posizione iniziale, è dovuta all’attrito nei supporti e al non perfettissimo equilibrio del rotore, a effetti di temperatura, ecc.[7]

Resta da commentare, in poche parole, sulla geometria risultante dal grafico dell’illustr. 4. Sono ben in evidenza diversi punti nodali e parallelismi, segnati sul grafico, che permettono di legare i due probabili giroscopi fra loro onde renderli sincroni. In più l’orientamento y2-y2 verso il Nord dell’impronta, come segnato sul rilievo dell’illustr. 3, risulta, a ragione del parallelismo con l’asse y1-y1 del giroscopio interno, sincrono con questo.

Per prima cosa la sfera centrale, colorata in giallo, mantiene saldamente l’assetto del tutto per tre solide ragioni: il suo raggio è determinato dalla poligonale interna ed è tangente all’ellisse del giroscopio interno; il suo centro è sull’asse del giroscopio esterno; e poi il giroscopio interno passa per uno dei fuochi (F1) dell’ellisse del giroscopio esterno.

Insomma, per quel niente di competenza ingegneristica da parte mia sugli UFO (ma chi ne ha di competenza?), risulta evidente comunque che l’impronta dell’UFO rilevata a Marliens non è stato perché esso poggia con un complesso piedistallo che vi si conforma. Piuttosto doveva essere nell’intenzione del comandante dell’astronave in questione di lasciare un peculiare segno sul terreno in modo che fosse servito – mettiamo – a qualche predestinato terrestre di interpretarlo in qualche modo. Sono io allora il predestinato? Resta il fatto che veramente queste mie deduzioni, esclusivamente geometriche, mi bastano per procedere a metterle in relazione con le note nozioni che ho esaminato in precedenza.

3.3 Ipotesi dello scopo dell’UFO di Marliens: attivare il nucleo eterico al centro della Terra
Ora è il caso di rivedere le concezioni dell’“ottava sfera” di Rudolf Steiner, l’argomento trattato nel capitolo 2, in particolare sulla missione di Javhè, uno spirito della forma espulso dalla Terra e dimorante sulla Luna.

Egli – è detto da Steiner – che provvederà a far si che la Luna rientri nella Terra. Sino a quel momento potrà contrastare l’azione di Lucifero ed Ahrimane presi per far sparire l’attuale evoluzione, per fargli prendere tutt’altro corso. Ma tale azione non esclude che vi possa essere una vittoria da parte degli spiriti ostacolatori.

Successivamente nello stesso capitolo c’è una dettagliata relazione dell’FBI sugli UFO. Tra l’altro viene dichiarato che le astronavi extraterrestri proverrebbero da un pianeta “etereo” situato sullo stesso piano della terra ma posto ad un livello di vibrazione più elevato. In particolare, per quel che
ora interessa evidenziare su questa relazione, è utile rivedere tutta la descrizione della natura degli UFO e dei loro occupanti. Dalla lettura del documento emerge quanto segue:
Parte dei dischi volanti possiedono equipaggio mentre altri sono sotto controllo remoto.
La loro missione è di pace. Essi contemplano e meditano sull’assestamento di questo piano.
Questi visitatori sono simili agli umani ma presentano un aspetto molto più grande in quanto a dimensioni.
Non è gente disincarnata del pianeta terra, essi provengono dal loro mondo.
Essi non provengono da altri “pianeti” così come concepiti nella mente umana, ma da un pianeta eterico “interpenetrato” nella Terra non percettibile dall’uomo.
I corpi dei visitatori si materializzano automaticamente all’entrata nella nostra frequenza vibratoria e nella nostra densa materia.
I dischi volanti possiedono una sorta di energia radiante, o un raggio, che può facilmente neutralizzare qualsiasi attacco avversario. Essi inoltre possono rientrare dentro il corpo eterico in base alla loro volontà e sparire istantaneamente dalla nostra vista senza alcuna traccia.
La regione da cui provengono non è il “piano astrale”, ma corrisponde al LOKA e al TALAS.
Probabilmente non può essere raggiunto via radio, ma probabilmente può esserlo dai radar, se si crea un sistema di segnale a cui corrisponda quel tipo di “apparato”.
Questi “piatti” sono di forma ovale e sono composti da un metallo o una lega resistente al calore, che tutt’oggi è sconosciuta. Di fronte a questo piatto vi è un pannello di controllo. Il retro contiene gli armamenti, che consistono essenzialmente in un dispositivo di energia e da cui può essere generato un fascio in caso di emergenza.

Illustrazione 7: Impronta UFO di Marliens. Probabile geometria di una piattaforma a due giroscopi. I due triangoli aurei in relazione all’atterraggio dell’UFO a Marliens. Si simula che la Terra sia delimitata dal cerchio di raggio OP

A questo punto, immaginando che l’UFO di Marliens rientri nel genere della lista delle astronavi note all’FBI e, perciò secondo la descrizione suddetta, il fatto che i loro equipaggi, supposti di natura eterica, si prefiggano missioni di pace, può essere che si tratti della stessa missione delle forze lunari di Javhé di cui parla Rudolf Steiner in merito alla questione dell’“ottava sfera”. Ma questa ipotesi non è scontata perché si potrebbe pensare che si tratti anche delle forze luciferiche e ahrimaniche avverse.

Resta da vedere la relazione di queste due cose con la sfera del nucleo e sub-nucleo al centro della terra, come tesi da comprovare sulla scorta della geometria giroscopica dell’UFO di Marliens trattato nel capitolo 3.2. Ma già si fa luce sulla probabile geometria di una piattaforma a due giroscopi che è emersa dall’illustr. 4, perché si scopre che la legge matematica cui essa è informata si rifà alla sezione aurea.

L’illustr. 7 ce la mostra in modo inequivocabile, simulando che la Terra sia delimitata dal cerchio di raggio OP, considerato che l’orientamento verso il Nord dell’UFO di Marliens è risultato lo stesso dell’asse y1-y1 dell’ellisse interno inclinato. Il primo triangolo equilatero PAB è aureo e così lo è anche il triangolo F1CD equilatero che ha per vertice uno dei fuochi dell’ellisse di asse y0-y0.

Come scoperta è molto interessante, ma occorre sapere anche quale ipotetica concezione scientifica può derivare dalla rilevata regola aurea di cui sono informati i due triangoli equilateri. Nulla di tanto trascendentale se ci si ricorda delle tante ipotesi messe in piedi da studiosi nel tempo sul conto della Grande Piramide di Giza in Egitto, senza contare le ipotesi sostenute da chi per primo si è occupato dell’impronta di Marliens, per esempio l’autore del libro “Giza la porta dell’Egitto”, di cui al § 5.

Tempo addietro me ne sono occupato ed ho formulato una convincente ipotesi sul piano matematico, che poi mi ha permesso di fare ipotesi di natura scientifica non tanto diverse da quelle di altre correnti e che sarà utile per il caso dell’UFO di Marliens in studio.

4. Il potere della Grande Piramide

4.1 Una parabola per il mistero della Grande Piramide

Illustrazione 8: Schema della piramide di Cheope. Geometria con l’ausilio di una piramide particolare, il tutto all’insegna della sezione aurea.

La Grande Piramide fu concepita secondo canoni suggeriti dalle credenze religiose esoteriche vigenti al suo tempo. Nulla che scandalizzi immaginare che il manufatto sia una sorta di pietra filosofale e per questo fu informata al canone della sezione aurea per conferirle l’armonia col cosmo. Altrimenti
come poteva il defunto faraone Cheope, ritenuto un dio in terra, navigare col dio Ra per raggiungere il regno dei morti? Occorreva che la barca solare, da intravedersi nella piramide unita ad una parabola della quale si parlerà (naturalmente si tratta di emblemi metafisici), fosse veramente speciale. Ma, di conseguenza, era necessario che essa fosse idonea per procedere per il “viaggio del giorno e della notte”, cosa che comportava anche che essa fosse congegnata anche come corpo di luce oltre che di pietra. Di qui nulla che scandalizzi immaginare il complesso piramidale unito ad una parabola sottostante, così come è stata considerata dal punto di vista della geometria, (illustr. 8) e particolarmente come uno speciale cristallo somigliante alle note gemme preziose che si incastonano sugli anelli e collane.

Dati geometrici dell’illustr. 8, utilizzando la concezione del rapporto aureo:

ya = √ [2 / (1 + √5)] = 0,786151377…
xa = ya² / 2 = 0,309016994…
phi = 38,17270763…°
180° – 4phi = 27,30916948…°
yi = tang (180° – 4 phi) = 0,516341175…
xi = yi² / 2 = 0,133304104…
d = 0,080615621…

La luminosità è un requisito fondamentale delle gemme preziose e le loro studiate sfaccettature moltiplicano i giochi di luce scomposta nei suoi colori, cosiddetti dell’iride, all’interno per sprigionarsi in modo sfolgorante all’esterno (illustr. 9).

Illustrazione 9: Taglio di una pietra preziosa. Gioco di luce con la scomposizione nei colori dell’iride.

Nulla che meravigli, dunque, vedere la piramide di Cheope come uno speciale cristallo e costatare subito una particolare proprietà dovuta a un ipotetico raggio di luce che interagisce in esso. Dall’illustr. 10 si può capire di che si tratta.

Il raggio IP è normale alla parabola e si imbatte sulla parete C’B’ riflettendosi in Q della parete opposta C’A’. Prosegue da qui la riflessione luminosa in modo verticale fino in fondo sulla parabola in R. Si sa che tutti i raggi verticali confluenti su una parabola si rifletto convergendo nel fuoco relativo, che nel nostro caso è il punto F. Naturalmente si è capito che il punto I di partenza del supposto raggio luminoso è unico in modo che la sua inclinazione riferita alla verticale sia 180° – 4 phi come indicato sull’illustr. 10. Phi è il semi-angolo al vertice della piramide. Il simbolo di phi è φ.

Illustrazione 10:Piramide di Cheope. Sezione trasversale.

Nessun commento su questo raggio salvo a vedere ora il raffronto con lo spaccato della piramide di Cheope (illustr. 10), in cui si vedono i vari elementi che vi fanno parte: la tomba del re e della regina, la Grande Galleria ed altro. Ed ecco il fatto meraviglioso che spiega il titolo di questo capitolo: Una parabola per il mistero della Grande Piramide! Due cose in una: il fuoco F della parabola di arco A’OB’, su cui è posta la piramide A’B’C’, coincide con un certo punto della tomba della Regina e il raggio verticale QR della ipotetica luce, all’interno della piramide in questione, coincide con l’asse della tomba del Re.

Il mistero però resta comunque, ma tutto il presente lavoro di geometria, se non altro, è servito ad aprire un varco per poter intuire cose nuove. Tuttavia c’è modo di far progredire un certo ragionamento che porterebbe a capire come potrebbe funzionare l’apparato tombale in questione, la cui rappresentazione monumentale può servire, naturalmente, come modello simbolico, al di là di ribadire la credenza di cultori di esoterismo, un apparato per dare nuova vita al faraone Cheope per il quale è stato concepito. Consideriamolo perciò come un certo immaginario processore rimandato al futuro da far evolvere.

La Tomba del Re fa parte di una struttura composta da elementi granitici che nell’insieme è chiamata Zed. In particolare interessa la disposizione della parte superiore a questa camera, perché è costituita da cinque ranghi di travi disposte una accanto all’altra e ognuna, pesa poco più di 70 tonnellate. Si tratta di elementi che si suppongono capaci di produrre energia elettrica per effetto piezometrico, come spiegherò di seguito.

Illustrazione 11

Illustr. 11: Effetto piezoelettrico: applicando una forza a certi materiali viene prodotta una tensione elettrica.[8]

Dunque, sappiamo che il granito è composto in gran parte di quarzo, che è piezoelettrico, un particolare fenomeno elettromeccanico. Ossia quando questo materiale è sollecitato da forte pressione, o comunque quando vibra, per esempio in seguito a una percossa, compaiono delle cariche elettriche sulla superficie.

Illustrazione 12: Lo Zed.

Il passo è breve, a ragione di ciò, per intravedere nell’enorme apparato dello Zed una batteria di produzione di energia elettrica, e questo potrebbe spiegare la natura specifica del raggio verticale passante per questo manufatto (illustr. 12).

Altrimenti non si fa luce sulla supposta energia segnalata dal particolare andar di vieni del raggio in questione, passante per lo Zed, non avendo modo di alimentarsi.

Potrebbe essere la camera della Regina questa fonte, ma avendo scoperto la funzione di centrale elettrica dello Zed, si può pensare che sia la Regina l’utilizzatrice dell’energia che confluisce in lei per dar luogo – mettiamo – alla rigenerazione vitale. Di qui il percorso attraverso un condotto orizzontale, poi quello della Grande Galleria e finalmente verso la camera del Re (illustr. 10).

Nella camera della Regina è ricavata su una parete una nicchia che ha la sagoma simile a quella della sezione trasversale della Grande Galleria, e questo li mette in relazione diretta. In più nell’anticamera della camera del Re vi sono delle saracinesche in pietra come a voler far capire che la natura del ipotetico flusso vitale, proveniente dalla Regina confluendo al Re abbia a che vedere con l’acqua, chiaro segno di vita.

Illustrazione 13: Lo scettro di Osiride e dei faraoni.

Mi fa pensare a questa spiegazione in che modo le ossa si rigenerano, giusto in stretta relazione ai materiali piezoelettrici. Il modo in cui molti organismi viventi usano la piezoelettricità è molto interessante: le ossa agiscono come dei sensori di forza. Applicando una forza, le ossa producono delle cariche elettriche proporzionali alla loro sollecitazione interna. Queste cariche stimolano e causano la crescita di nuovo materiale osseo, rinforzando la robustezza della struttura ossea in quelle zone in cui la deflessione interna è più elevata. Ne risultano strutture con minimo carico specifico e, pertanto, con eccellente rapporto peso/resistenza. [9]

Però un’altra cosa è possibile suggerire come riscontro ideografico fra i geroglifici egizi, con il raggio energetico verticale poc’anzi analizzato. Mi viene da intravederlo nello Scettro o Wзs nella mano del dio dei morti Osiride e di altri dei egizi, nonché in quella dei faraoni assisi sul trono (illustr. 14).

La cima di questo scettro termina con una forcina di traverso particolarmente sagomata che può benissimo riferirsi alla parete della piramide dove il raggio si riflette; mentre la parte terminale è munita di un’altra forcina a due punte che può riferirsi ad un doppio potere legato allo scettro che potrebbe trovare riscontro nel bipolarismo dell’ipotetica elettricità del raggio verticale che passa per lo Zed, precedentemente trattato. L’illustr. 13 mostra la concezione progredita della funzione dello Scettro o Wзs.

Illustrazione 14: Affresco della cappella funeraria di Thutmose III (sec. XV a.C.).

Di altro, è interessante costatare che, osservando gli ideogrammi riportati sull’affresco della cappella funeraria di Thutmose III dell’illustr. 14, si nota che lo Scettro, oltre a quello impugnato dal faraone, è anche rappresentato (in alto, sullo Scettro del faraone) a fianco dell’ideogramma dello Zed (lo stesso della Camera del Re della Grande Piramide) e da altri segni importanti.

Fra questi c’è una sorta di ciotola (presente in 9 esemplari), dal significato di cesto, che può benissimo correlarsi con la parabola esibita e così convalidare in cascata il resto delle argomentazioni sostenute sin qui. Un dettaglio importante fra i tanti della nutrita rappresentazione di geroglifici e ideogrammi, è il gonnellino dell’offerente davanti al faraone che ha la chiara foggia della piramide di Cheope. Non solo, ma la fascia pendente dalla cintola coincide con l’asse passante per lo Zed della piramide.

Prima di addentrarci nella disamina dei suddetti geroglifici e ideogrammi, in particolare la Chiave di Iside o Ankh e il Dy che vi si accompagna frequentemente, come si vede nell’illustr. 14, ci occuperemo meglio della geometria della piramide di Cheope per porre in evidenza ciò che è stato accennato all’inizio, la Sezione aurea. L’Ankh è a forma di croce e superiormente c’è un anello a forma di uovo capovolto e il Dy, accanto o sopra, è un triangolo isoscele munito di un altro triangolino al centro della base.

4.2 L’ Ankh e il Dy dell’antico Egitto

Illustrazione 15: Lemniscata di Bernoulli.

Chi non ha stimato rivelatrice di, chissà, quali arcani poteri la nota Chiave di Iside, o Ankh, nelle mani di dei e re dell’antico Egitto? Ma c’è dell’altro su questo ideogramma che forse vale la pena stimare importante, considerato che esso è quasi sempre rappresentato accanto ad un altro ideogramma conformato a triangolo isoscele acuto, più o meno di eguali proporzioni, conosciuto col nome arcano di Dy.

Lo abbiamo visto e trattato attraverso l’illustr, 14 dell’affresco della cappella funeraria di Thutmose III . Il mio personale “senso delle cose”, mi suggerisce di procedere sulle tracce di questi strani segni pieni di fascino. Per il caso dell’Ankh ho scelto, come geometria di riferimento, una particolare curva, la « Lemniscata di Bernoulli », che mi è sembrata ideale per estrapolarne il possibile “segreto” matematico relativo.

La « Lemniscata di Bernoulli » (da lemniscato: lemnisco, corona, palma) è il nome di una particolare ovale di Cassini. Si tratta del luogo dei punti di un piano per i quali il prodotto delle distanze PF’, PF da due punti fissi F’, F (illustr. 15) è costante e precisamente è uguale al quadrato della semi-distanza dei due punti; è una quartina razionale bi-circolare con un punto doppio nodale e tangenti ortogonali nel punto medio del segmento AB; ha equazione cartesiana: (x2 +y2) = 2 a (x2 –y2); e polare: ρ = a √ ( cos 2θ).

Siamo ora in grado di pervenire alla geometria da me immaginata della Croce di Iside, nota come Ankh e per questo si disegnano due leminiscate messe a croce così come si vede attraverso l’illustr. 23 successiva. E questa di seguito è la descrizione del percorso grafico:
Una delle curve delle due lemniscate, quella in alto identifica l’anello a forma di uovo capovolto;
si traccia un cerchio passante per i fuochi delle due curve di Cassini (con r = 1 √ 2);
sapendo che il semiangolo angolo al vertice della piramide di Cheope è 38,17270763…°, che è conforme il rapporto aureo corrispondente √ 1/φ = 0,786151377…, si ha modo di pervenire disegnarla e così identificare i punti di incontro sul cerchio tracciato prima. Le apoteme delle quattro piramidi di Cheope poste in croce corrispondono ai tre bracci della Croce di Iside, così come si vede nell’illustr. 16.

Illustrazione 16: Ideogramma dell’Ankh egizio in chiave geometrica.

Abbiamo sotto mano ora la Croce di Iside e resta da capire come fare per ottenere una supposta geometria del Dy.

Sulla scorta del fatto che entrambe vengono sempre indicate una insieme alle altre, si deve immaginare che la matrice dell’Ankh, or ora disegnata, sia la stessa per il Dy. Infatti è così.

Dunque, ridisegnando la Lemniscata di B. (illustr. 17), premesso che a = 1, si congiungano F’, P e P’, ottenendo così un triangolo isoscele. In seno a questo triangolo si congiungano poi P con O che individua il valore della tangente goniometrica dell’angolo calcolato precedenza al § 3.

Infatti sviluppando l’equazione polare della «Lemniscata di B.» si verifica, come di seguito, che il valore supposto è giusto.

Da: ρ = a √ (cos 2θ) si perviene al valore di θ = 25°, 91364623… che permette di verificare, appunto, l’esattezza di F’O = FO = 1 / √ 2. Riguardo al triangolo isoscele F’PP’, il semiangolo al vertice F’ si calcola con la formula arctg PF/F’F che dà come risultato 13°, 6545848…

Illustrazione 17: Il supposto triangolo isoscele del Dy, visto adagiato sul lato.

Niente di più facile dedurre che quest’angolo conduce all’individuazione del semiangolo al vertice della piramide di Cheope. Infatti l’angolo in questione si ottiene in questo caso così: Φ = 1⁄2 (90° – 13°, 6545848…) = 38°, 17270762. In tal modo si viene a configurare un triangolo isoscele che è senza dubbio lo stesso abbondantemente presente nel repertorio degli ideogrammi egizi sotto il nome Dy.

5. Cardiochirurgia eterica delle forme. L’UFO cardiochirurgo

Si è capito, a questo punto che l’UFO di Marliens, con tutta probabilità, si era proposto di innestare un certo cuore eterico in seno alla Terra, anch’essa eterica naturalmente. Ora per capire bene su che base si esplica questo misterioso e inesplicabile presunto intervento chirurgico, occorre prima d’altro riprendere in mano la geometria desunta dalla piramide di Cheope trattata nel capitolo precedente. Il grafico dell’illustr. 18, che ora mostro, è l’ulteriore elaborazione della geometria già esibita per la piramide di Cheope e che pone in risalto, ancora di più, altri particolari geometrici. Si tratta della geometria dipendente dalla peculiare posizione centrale della tomba della Regina nella piramide di Cheope da cui ha origine.

Illustrazione 18: Geometria della conica aurea desunta dalla piramide di Cheope. Colonna dell’energia eterica che si concentra nel punto F, centro aureo della conica secondo i diversi punti nodali disposti su tre cerchi.

Si sa che la piramide di Cheope è all’insegna della sezione aurea, la stessa piramide può essere considerata anche all’insegna di pi greco, ma con un lieve scostamento. Ma questa relazione come è possibile se i due numeri si discostano tanto? Invece lo è se si considera la radice quadrata dell’inverso della sezione aurea, (che si chiama sezione argentea) da un lato, e la quarta parte di pi greco dall’altro lato. Fate i conti e vi persuaderete che la differenza fra i due non è poi tanto, ma sempre in modo relativo. Ora questa relazione è di grande importanza se si considera il fatto di dover avere a che fare con un cuore che deve pulsare fra due valori, se pur intravisto per via matematico-geometrica, ovviamente di quello di cui si sono occupati come cardiochirurghi quelli dell’UFO di Marliens. Non potendo ipotizzare altro sul conto del genere di ipotetica energia eterica di cui si avvaleva l’UFO di Marliens. Di qui il passo è breve per supporre che si tratta veramente di concezioni inconcepibili sul piano materiale ma su un supposto piano di materia “sottile” – mettiamo – di natura eterica, sì, appunto.

Illustrazione 19: Geometria dell’impronta dell’UFO di Marliens. Tre coniche aure dettate dalla posizione F del fuoco e centro della conica ABV. In cascata si perviene alle successive coniche fino a individuare il punto C del “cuore eterico”, scopo cardiochirurgico del sistema dell’UFO.

Ora mi preme far luce completa sulla geometria dell’impronta dell’UFO di Marliens. Farò vedere che si dimostra da sola come un’ideale sistema nelle mani di immaginari cardiochirurghi capaci di disporre (o prelevare?) un certo “cuore eterico”, poiché funziona come pilotata dalla geometria della conica aurea, del genere “cheopiana”.

In sintesi, supportati dall’illustr. 19, vediamo come si esplica la geometria dell’impronta dell’UFO di Marliens. Tre coniche aure dettate dalla posizione F, fuoco e centro della conica ABV. In cascata si perviene alle successive coniche fino a individuare il punto C del “cuore eterico”, scopo cardiochirurgico del sistema dell’UFO. E poi a dar certezza alle interazioni delle tre coniche all’interno della geometria giroscopica dell’impronta dell’UFO in esame, vi sono diversi punti nodali che ho posto in evidenza.

A questo punto sembra esaurito ciò che mi proponevo di mostrare sin dall’inizio, ossia la relazione dell’UFO di Marliens con le concezioni espresse sul conto della “terza sfera” supposte dal filosofo austriaco Rudolf Steiner concilianti con le argomentazioni edotte in materia di UFO dell’FBI, di un tutto trattato nel capitolo 2. Per quanto concerne invece la relazione che mi ero riproposto di mostrare, ossia tra il “cuore nascosto” al centro della nostra Terra, scoperto dal fisico cinese Xiaodong Song, di cui al primo capitolo, pur intuendo la forte relazione del preteso intervento “cardiochirurgico” dell’UFO di Marliens, avvenuto sul piano eterico, non si ha modo di risalire alla sua dimensione che risulterebbe essere di circa 1200 km. Ma è una cosa che verrà trattata nella seconda parte di questo scritto in cui ho modo di mostrare addirittura una mia ipotesi di Terra Magneto-Eterica in cui si armonizza meravigliosamente la suddetta geometria dell’impronta dell’UFO di Marliens del grafico dell’illustr. 10.

Mi sovviene la quartina I,45 del famoso profeta francese del 1500, autore della Centurie:

« Settario di sette, grande pena al delatore,
Bestia in teatro, alzato il velo scenico,
Del fatto antico onorato l’inventore.
Per sette il mondo confuso e scismatico. »[10]

Si capisce chi sia la Bestia, ossia la nostra Terra in forma eterica, ma di una etericità non sufficientemente percepita dai chiaroveggenti.

Brescia, 16 marzo 2015

Gaetano Barbella


[2] Non mancano, in questa direzione, prove delle mistica cristiana che confermerebbero la suddetta parvenza metallica di apparizioni mariane, come quella Medjugorje che ebbero inizio a partire dal 24 giugno 1981. Si tratta di testimonianze tratte dal fascicolo “Le apparizioni della Madonna di Medjugorje” a cura di Gianfranco Fagiuli edito da Peruzzi. Gianfranco Fagiuli, intervistando Ivanka, una dei tre veggenti ai quali apparve la Madonna, pose alcune domande e fra queste chiese: « Che sensazione provi quando tocchi la Madonna? ». E Ivanka senza difficoltà rispose così: « La tocco con il palmo della mano, la punta delle dita. Tocco il suo abito e il suo mantello ed è come se toccassi un metallo. ». Si aggiungono alle suddette esperienze mariane di Medjugorje certe visioni di santi del cristianesimo, per esempio quelle di Anna Katharina Emmerick (Coesfeld, 8 settembre 1774 – Dülmen, 9 febbraio 1824). Tra le visioni della monaca tedesca hanno spazio anche alcune profezie apocalittiche sul destino della chiesa. Una di queste inquadra una misteriosa “donna in armi” in stretta aderenza alla visione della Madre di Dio: « “Vidi un’apparizione della Madre di Dio, che disse che la tribolazione sarebbe stata molto grande… ». Successivamente c’è, infatti, la visione che la lega, secondo me, all’ipotesi di una sua natura immateriale “metallica”: « “Verranno tempi molto cattivi, nei quali i non cattolici svieranno molte persone. Vidi anche la battaglia. I nemici erano molto più numerosi, ma il piccolo esercito di fedeli ne abbatté file intere [di soldati nemici]. Durante la battaglia, la Madonna si trovava in piedi su una collina, e indossava un’armatura. Era una guerra terribile. Alla fine, solo pochi combattimenti per la giusta causa erano sopravvissuti, ma la vittoria era la loro” (22 ottobre 1822) ». ilfoglio.it 



[5] Questa descrizione è stata tratta dal libro citato in precedenza, “Giza la porta dell’Egitto” di Guy Gruais e Guy Mouny, edito da Armenia. In quanto all’autore suddetto, sul tema dell’UFO di Marliens, non si è distaccato dalle stesse concezioni di coloro che lui ha citato nel libro, portando avanti delle ipotesi geometriche che, purtroppo restano tali, prive di effettivo fondamento tali da risultare convincenti.


[7] Enciclopedia della scienza e della tecnica. Vol. V, p. 623. Ediz. Arnoldo Mondadori.

[8] hbm.com


[10] Testo originale della quartina: « Secteur de sectes grand peine au delateur, / Beste en theatre, dresse le ieu scenique, / Du faict antique annobly l’inventeur, / Par sectes monde confus et schismatique. ».



Gaetano Barbella é uno studioso eclettico dotato di singolari capacità intuitive che, unito ad una considerevole abilità dell’uso di “riga e compasso”, fanno di lui un singolare ricercatore. Egli è un diplomato geometra ma è stato continuamente incline a erudirsi da autodidatta, tanto da disporlo allo studio, in particolare, nel campo delle espressioni dell’arte e dell’architettura. Nel caso di questi scritti si rivela un attento studioso di argomenti dal tratto esoterico. Su queste linee ha scritto molti saggi pubblicati sul web, tramite il suo blog e su diversi altri. Nel 2010 ha scritto un Ebook edito dalla Macro Edizioni, “I due Leoni Cibernetici”, in cui viene mostrata una singolare ipotesi sull’annosa “quadratura del cerchio”. Gaetano Barbella vive a Brescia con la famiglia sin dal 1969.

Fonte: