sabato 29 luglio 2017

ALCHIMIA E ORO MONOATOMICO



Source Photo:http://www.allthegoldyoucaneat.com/blog/2014/02/17/what-is-ormus/

ORO MONOATOMICO

Al seminario di Alchimia e Spagyria (o Spagiria), tenutosi a Torino il 9 Maggio 2004 ed organizzato dalla Herboplanet in collaborazione con l’Ass.I.S.A. (Associazione Italiana di spagyria ed Alchimia) si è parlato delle recenti scoperte relative alle non usuali proprietà dell’oro monoatomico, del fatto che la materia possa trovarsi in due posti differenti allo stesso tempo e che particelle fra loro distanti anni luce possono essere collegate in assenza di contatto fisico. Si è parlato del fatto che nel libro “Genesis of the Grail Kings” (in Italia pubblicato col titolo “Le misteriosi origini del re dei Graal”) si parla d’oro monoatomico e fra le altre innumerevoli utilità vi è scritto che in futuro quest’oro monoatomico sarebbe stato impiegato in campo medico, ed esattamente nella cura del cancro. Queste particelle di polvere bianca hanno particolari caratteristiche antigravitazionali, capacità di superconduttività (quando l’elemento oro è nella sua forma monoatomica, è effettivamente in uno stato di alta velocità di rotazione e perciò si comporta come un super conduttore) e capacità di piegare letteralmente lo spazio-tempo. La scoperta di questa polvere bianca o ceramica con caratteristiche di superconduttività (un super conduttore è una sostanza che consente che l’energia o la conoscenza fluisca senza resistenza) e con un elevato spin (alta velocità di rotazione) è avvenuta di recente. Nell’oro monoatomico, due elettroni possono unirsi tramite la loro mutua interazione; questi paia d’elettroni ruotano ad altissima velocità con quantità di moto eguali ed opposte; uno ruota in senso orario, l’altro in senso antiorario. “L’oro monoatomico crea perciò un vortice di luce che sta ruotando o girando a spirale ad una velocità terribile con zero quantità di moto, un’onda di particelle nulle. Infatti quando elettroni che ruotano in senso opposto si accoppiano, non sono più veramente una particella od un’onda nello spazio tempo. Queste onde nulle esistono in uno stato oltre i vostri blocchi, eppure intersecano la realtà fisica. Portano sempre più luce attraverso il vostro corpo”. Questo è quello che l’Alchimia dice di questo oro monoatomico o polvere bianca, si, perché la scoperta è recente, ma già gli antichi popoli della Mesopotamia la chiamavano “shem-an-na”, gli Egizi descrivevano questa polvere come “mfktz” e Nicolas Flamel e così per tutti gli Alchimisti non era altro che la “Pietra Filosofale”. L’Alchimista Philaletes (diciassettesimo secolo) nel suo libro “Secrets Revelated” dice “La nostra pietra non è altro che oro assimilato al più alto grado di purezza e sottile fissazione……Il nostro oro, non più volgare, è lo scopo ultimo della Natura”. Sempre Philaletes ci dice che questa polvere si chiama pietra in quanto è fissa, stabile e quindi in grado di resistere all’azione del fuoco così come qualsiasi altra pietra; è un oro più puro di un oro purissimo, è stabile, non brucia, ma è una polvere. Anche Nicolas Flamel (quindicesimo secolo) noto Alchimista e quindi conoscitore di tutti i segreti dell’Alchimia, nel suo Ultimo testamento (22 Novembre 1416) scrive che quando il più nobile metallo (oro) era essiccato e fissato dava come risultante una polvere fine (polvere d’oro) e che questa polvere era la Pietra Filosofale. Prima di arrivare alla Pietra Filosofale vi è un’altra medicina molto conosciuta in Alchimia, l’Oro Potabile, anche questo è in grado come la pietra di curare malattie, di ringiovanire, di trasmutare l’argento in purissimo oro a 24 carati e, gli Alchimisti, dicono che in questo Aurum Celesta o Oro Potabile ci sia dell’oro monoatomico e quindi con un potere di superconduzione, un simile processo di superconduzione è la base della trasformazione dei fenomeni biologici, fisiologici e psicologici verso livelli vibrazionali più alti.

http://scienzasegreta.forumfree.it/?t=53127811

Nessun commento:

Posta un commento