martedì 5 aprile 2016

PAPA PIO II SULLA REPUBBLICA DI VENEZIA - Memoirs of a Renaissance




Ma cosa può importare ai pesci della Legge? "Esattamente come,tra le bestie brute,le creature acquatiche sono dotate dell'intelligenza più infima,così di tutta la razza umana,i Veneziani sono i meno onesti,i meno compassionevoli e meno dotati di senso della giustizia.Ed è naturale,poiche vivono sul mare e trascorrono le loro vite sull'acqua.utilizzano navi piuttosto che cavalli.Sono meno ben disposti nei confronti degli uomini di quanto lo siano nei confronti dei pesci e dei mostri marini.Desiderano apparire come Cristiani agli occhi del mondo.Ma essi in realta non pensano mai a Dio,se non nella forma di Stato,che considerano una divinità a tutti gli effetti.
Essi venerano la loro Repubblica come se fosse un Dio e non c'è niente altro di santo per loro, niente di sacro.
Essi considerano solo ciò che serve la loro Repubblica, unicamente ciò che può aumentare il loro dominio."Papa Pio II  Memoirs of a Renaissance 


Traduzione testo; Riccarda per Fuori di Matrix


Full text of "Pius II (Aeneas Silvius Piccolomini) the Humanist Pope"

L'ultimo viaggio 327

Venezia fu conquistata dalla Morea (Peloponneso) https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_di_Morea;i dazi della provincia valevano tremila Ducati l'anno, e la relativa situazione rendeva probabile il divenire il "centro del commercio mondiale", deve passare sotto il dominio veneziano sia in termini di legge che di governo; così Pio lavoro' senza illusioni per quanto riguardò Venezia, ma comprese anche come fosse dipendente dal suo aiuto e decise così di cooperare lealmente con lei (Venezia).
Venezia, tuttavia, non aveva il reale desiderio di una comune guerra contro la Turchia.
Il suo obiettivo era di deviare l'attenzione del Papa sulla campagna militare in terraferma, condotta dall'Ungheria in modo che lei potesse essere lasciata libera di controllare le operazioni navali.
I preparativi per l'equipaggiamento della flotta papale fornita dall'inviato veneziano a Roma con difficoltà e nel gennaio 1464 egli inizio' ad affermare apertamente che sarebbe stato molto meglio per il Papa non andare in Crociata di persona .
I documenti diplomatici del tempo ci costringono alla conclusione che le infinite trattative inerenti le navi che dovevano essere fornite da Venezia per il trasporto, le scuse puerili e gli interminabili ritardi, tutto faceva parte di un deliberato schema per raggirare il Papà rendendolo aiutante degli scopi della Repubblica.
Fu un inganno crudele, eppure era eminentemente caratteristico della politica veneziana.
Ma cosa può importare ai pesci della Legge? "Esattamente come,tra le bestie brute,le creature acquatiche sono dotate dell'intelligenza più infima,così di tutta la razza umana,i Veneziani sono i meno onesti,i meno compassionevoli e meno dotati di senso della giustizia.Ed è naturale,poiche vivono sul mare e trascorrono le loro vite sull'acqua.utilizzano navi piuttosto che cavalli.Sono meno ben disposti nei confronti degli uomini di quanto lo siano nei confronti dei pesci e dei mostri marini.Desiderano apparire come Cristiani agli occhi del mondo.Ma essi in realta non pensano mai a Dio,se non nella forma di Stato,che considerano una divinità a tutti gli effetti.
Essi venerano la loro Repubblica come se fosse un Dio e non c'è niente altro di santo per loro, niente di sacro.
Essi considerano solo ciò che serve la loro Repubblica, unicamente ciò che può aumentare il loro dominio."

Traduzione testo; Riccarda per Fuori di Matrix

Memoirs of a Renaissance Pope: The Commentaries of Pius II
http://www.forgottenbooks.com/readbook_text/Pius_II_Aeneas_Silvius_Piccolomini_the_Humanist_Pope_1000671740/365

https://archive.org/stream/piusiiaeneassilv00adycuoft/piusiiaeneassilv00adycuoft_djvu.txt

Foto web http://ecx.images-amazon.com/images/I/41JzNsV1dtL._SX367_BO1,204,203,200_.jpg

Nessun commento:

Posta un commento