sabato 31 gennaio 2015

LE LACRIME VISTE AL MICROSCOPIO ASSUMONO FORME GEOMETRICHE DIVERSE IN BASE ALLE EMOZIONI.



Rose-Lynn Fisher si è chiesta se le sue lacrime di dolore fossero diverse rispetto a quelle di gioia, perciò ha iniziato a studiarle al microscopio. Ha così fotografato 100 diverse lacrime sue e di amici con un microscopio standard, in diversi tipi di situazioni:dalla lacrima per cipolle a quelle di dolore, frustrazione, rifiuto, a quelle da risata, sbadiglio, nascita, speranza, liberazione e molte altre.
Il risultato è stato soprendente!
Ogni tipo di lacrima è risultato assolutamente diverso dall’altra. Lacrime basali (che il nostro corpo produce per lubrificare gli occhi) sono drasticamente diverse dalle lacrime che scendono quando si taglia una cipolla. Così come le lacrime di gioia non sono nemmeno paragonabili a quelle di dolore.

LACRIME DI GIOIA



LACRIME DI CAMBIAMENTO



LACRIME DI DOLORE



LACRIME PROVOCATE DAL TAGLIO DELLA CIPOLLA


Ogni lacrima è costituita da molecole diverse. Le lacrime di commozione sono costituite, ad esempio, da ormoni e proteine, tra cui i neurotrasmettitori leucina ed encefalina, un antidolorifico naturale rilasciato quando siamo stressati.

LACRIME BASALI



LACRIME DURANTE UN INCONTRO TANTO DESIDERATO



LACRIME LIBERATORIE



Le varie figure geometriche ricordano gli studi di Masaru Emoto sull’acqua. I risultati degli esperimenti condotti da Masaru Emoto dimostrano che i cristalli dell’acqua modificano la propria struttura in relazione ai messaggi che ricevono. L’acqua sottoposta alle vibrazioni di parole e pensieri positivi forma dei cristalli bellissimi, l’acqua sottoposta alle vibrazioni di parole e pensieri negativi reagisce creando strutture amorfe e prive di armonia. Con un microscopio più avanzato si potrebbero vedere i cristalli della singola molecola d’acqua influenzati dai vari stati d’animo come Masaru Emoto ha mostrato nei suoi studi.

Come una goccia d’acqua nell’oceano, ogni lacrima è un microcosmo diverso da un altro.

 www.dionidream.com/lacrime-viste-microscopio-rivelano-sorpresa/

venerdì 30 gennaio 2015

OGNI MALATTIA HA UNA FREQUENZA.Il dr Rife guarì il cancro con le frequenze

Secondo il dr Royal R. Rife, ogni malattia ha una frequenza: certe frequenze possono prevenire lo sviluppo di una malattia, mentre altre invece la distruggono.
Secondo il dr Royal R. Rife, ogni malattia ha una frequenza. Egli trovò che certe frequenze possono prevenire lo sviluppo di una malattia, mentre altre invece la distruggono. Sostanze di piu’ alta frequenza, distruggono le malattie di una bassa frequenza.




L’inventore Nikola Tesla (1856 – 1943), un pioniere per la tecnologia elettrica, disse che se si potessero eliminare certe frequenze esterne che interferiscono con i nostri corpi, avremmo maggiore resistenza verso la malattia.
Ogni olio essenziale, per esempio, ha una frequenza, cosi come ogni organo e parte del nostro corpo. La frequenza di un olio essenziale, attrarrà una frequenza simile nel corpo. Frequenze basse diventano una spugna per l’energia negativa. La frequenza è cio’ che resta nel corpo, per mantenere gli effetti dell’olio , a lungo tempo.
Le basse frequenze operano dei cambiamenti fisici nel corpo. Le frequenze medie operano cambiamenti emozionali. Alte frequenze, nel corpo operano cambiamenti spirituali.
Le frequenze spirituali, spaziano da 92 a 360 Hz. (per esempio la frequenza delle ossa è 38-43). Il Dr. Robert O. Becker, nel suo libro
The Body Electric, spiega che la salute dell’individuo puo’ essere determinata dalla frequenza nel corpo della persona.
Un altro medico e scienziato, la cui ricerca è stata sepolta per un certo tempo ma che per fortuna è riuscita a ritornare in superficie grazie al lavoro di operosi sostenitori, è il dr Royal Raymond Rife, che sviluppo’ un generatore di frequenze a fine anni ’20 .


Rife trattò con successo 1000 pazienti a cui fu diagnosticato un cancro incurabile negli anni ’30. Gli vennero conferiti 14 premi ed un dottorato ad honorem. Dopo che alcun case farmaceutiche non riuscirono a comprare la sua ricerca ed attrezzatura, il suo ufficio venne messo a soqquadro, la sua ricerca e documentazioni vennero rubate e la macchina che guarì tutti i 1000 pazienti malati di cancro “incurabile”, venne distrutta.
Nel 1934, prima che avvenisse la distruzione, la University of Southern California nominò un comitato speciale di ricerca medica, il Special Medical Research Committee, per portare pazienti malati di cancro terminale dal Pasadena County Hospital al laboratorio e clinica di Rife a San Diego, per terapia. Il team includeva medici e patologi che erano incaricati di esaminare i pazienti per 90 giorni, se fossero stati ancora in vita.
Dopo 90 giorni di trattamento, il Comitato concluse che l’86.5% dei pazienti era stato completamente curato.
Fu cosi trovata una modalità di trattamento ed anche il restante 13.5% dei pazienti risposte positivamente nelle successive 4 settimane. Quindi il tasso di guarigione totale con l’uso della tecnologia Rife, raggiunse il 100%. ( http://www.rife.org/ )
Cio’ che Rife aveva sviluppato, fu una cura efficace al 100% per molte forme di cancro. Dunque perchè non ne sappiamo niente e perchè esistono così tante fondazioni di ricerca per il cancro?
Detta in parole povere, il perchè è per motivi economici della comunità medica ortodossa, che si appoggia sui fondi della ricerca contro il cancro. Tali fondi spesso giungono da aziende farmaceutiche, le cui fortune sarebbero danneggiate se fosse trovata una cura contro il cancro. (Va bene “cercare “ una cura, ma non bisogna trovarne una!)
Questa è una storia che illustra un altro grande tentativo da parte della comunità medica mainstream, di controllare oggidì le vite e le morti di cosi tanti milioni di persone.

“In tutte le culture ed in ogni tradizione medica prima della nostra, la guarigione era accompagnata dal muovere energia”
cosi disse Albert Szent-Gyorgyi, Nobel per la Medicina (1937) .
Cio’ che Rife dimostrò è che ogni disturbo salutistico ha una frequenza, che per contro risponde (va in risonanza) ad una specifica frequenza, ottimale per la sua guarigione-dissoluzione nel corpo.
Le persone che mantengono la loro frequenza ottimale, almeno del loro sistema immunitario, potranno prevenire lo sviluppo di sintomi e malattie Ovviamente va considerato che la maggior parte di noi, vive quotidianamente molto stress e difficoltà emotive, che abbassano la frequenza del corpo.
Tuttavia dovremmo regolarmente alzare la frequenza del corpo, con le giuste sostanze, compatibili a livello cellulare/energetico con il nostro essere, piuttosto che aspettare che scenda la frequenza del corpo ad un livello cosi basso, da diventare un ospitante gradevole per invasori microscopici…


Fonte: http://justalist.blogspot.it/2008/03/vibrational-frequency-list.html
Traduzione e fonte: Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net

http://terrarealtime.blogspot.it/2015/01/il-dr-rife-guari-il-cancro-con-le.html 

sabato 17 gennaio 2015

MONUMENTI E RISONANZE ACUSTICHE



MONUMENTI E RISONANZE ACUSTICHE

Da molti anni qualcuno studia le risonanze acustiche nei monumenti antichi, alla luce delle avanzate tecnologie a disposizione del mondo moderno.

Molto è stato scritto in vari libri riguardo a questo argomento. Testimoni oculari narrano di monaci tibetani in grado di sollevare e frantumare enormi blocchi di pietra, utilizzando il suono prodotto dai tamburi e dalle loro caratteristiche trombe lunghe tre metri.

Un ingegnere svedese, Henry Kjellson, scrisse su misteriose e sconosciute tecnologie, in alcuni libri come "Teknik Forntiden" e "Forsvunden Teknik", nei quali riportò un paio di queste esperienze. Scrisse di un medico svedese, che lui chiamò "Jarl", che nel 1939 poté assistere, a sud-ovest di Lhasa, come i monaci tibetani spostavano grossi blocchi di pietra a ben duecentocinquanta metri di altezza, dirigendoli dentro una caverna che si trovava su di una parete rocciosa davanti a loro.

"Utilizzavano tredici tamburi e sei lunghe trombe, poste a semicerchio a circa sessanta metri da una enorme pietra piatta interrata, la cui superficie era stata resa concava di una quindicina di centimetri. La pietra distava duecentocinquanta metri dalla parete di roccia. Dietro ogni strumento, intervallati di cinque gradi l’uno dall’altro, si erano disposti i monaci, dieci per ogni fila. Ognuno in un punto preciso indicato da un monaco che prendeva accurate misure sul terreno. I tamburi erano aperti dal lato rivolto verso la pietra. Tutti gli strumenti erano puntati verso il blocco da spostare che era stato posto sulla pietra piatta. Un monaco con un piccolo tamburo iniziò a battere il ritmo e gli altri strumenti si misero a modulare un suono ritmico, che aumentava di intensità gradualmente. Quattro minuti di attesa, immersi in un mormorio, un ronzio, che non riesci più a seguire nella sua velocità; poi il blocco inizia a ondeggiare, si solleva, mentre gli strumenti lo seguono nel movimento, accelera la sua velocità e si dirige, con un’ampia parabola, dentro la caverna ove atterra sollevando polvere e pietre. Un secondo blocco viene posto sulla pietra piatta e l’operazione si ripete. In tal modo ne vengono spostati sei ogni ora. Se il blocco acquista troppa velocità quando atterra nella caverna, si spezza. I residui vengono buttati giù dalla parete e si ricomincia".

Incredibile, ma la dovizia dei particolari forniti, le misure riportate, indicano che si tratta di una tecnologia che permette la levitazione sonica.

Sembra che il dottor "Jarl" abbia riportato in Inghilterra testimonianza fotografica di quanto visto e che il tutto sia stato confiscato e sparito nel nulla.

Non è la sola vicenda in merito riportata da Kjellson.

Sempre nel 1939 era presente ad una conferenza tenuta da tale Linauer, cineasta austriaco, il quale affermava di aver assistito in un monastero in Tibet, negli anni trenta, a fenomeni straordinari che rivoluzionavano le conoscenze fisiche.

Linauer parlò di un gong di tre metri e mezzo, composto da tre metalli. Al centro l’oro, intorno un cerchio di ferro, entrambi racchiusi in un anello di ottone. Quando veniva percosso, il gong emetteva un suono sommesso e breve.

Vi era anche un secondo strumento, simile ad una grossa cozza, anch’esso composto da tre metalli, largo un metro e alto due, che aveva sulla superficie delle corde in tensione. Non veniva suonato, ma, come gli riferirono i monaci, emetteva un onda di risonanza non udibile quando veniva percosso il gong.

Davanti a questi strumenti venivano posizionati un paio di schermi, in modo da formare uno strano triangolo e contenere l’onda prodotta nello spazio circoscritto. Nel momento in cui veniva prodotto il suono, un monaco poteva sollevare, con una sola mano, un gigantesco blocco di pietra.

I monaci dissero all’austriaco che con tale sistema avevano costruito la muraglia che delimitava il Tibet e con lo stesso sistema potevano disintegrare la materia fisica. Era un segreto tramandato fra i monaci che non potevano rivelarlo al mondo perché l’uomo lo avrebbe certamente male impiegato.

In tempi recenti è stato dimostrato che è possibile sollevare piccole pietre utilizzando vibrazioni sonore. La gravità attira le cariche positive e respinge quelle negative, per una ragione ancora ignota. La frequenza esatta causa la disintegrazione delle particelle dure della pietra provocando una carica negativa e facendo levitare la pietra. Gestendo la carica negativa, si può gestire la velocità, la direzione e la durata.

Sembra che questa sia la strada giusta da seguire, già seguita da qualcuno nel passato, altrimenti perché alcune colonne egizie risuonano come diapason giganti?

A Karnak, infatti, tre obelischi, ricavati dal granito rosa estratto da Assuan, a ben 180 chilometri di distanza, sono in grado di produrre una vibrazione. Quale sia la loro esatta funzione nessuno lo può dire con certezza, forse il pilastro con il quale si raffigurava il dio Amon. Nel Museo del Cairo è conservato quello che resta dell’obelisco di Hatshepsut, proveniente da Karnak; in origine doveva essere alto trenta metri, adesso ne restano solo una decina. Fino a pochi anni fa la guida lo avrebbe percosso per far udire ai visitatori la bassa risonanza che emetteva e che durava per molti secondi, oggi è stato ancorato col cemento e non emette più nessun suono.

Perché costruire obelischi che fossero in grado di emettere suoni bassi? (ndr. infrasuoni)

Risulta chiaro che vi era una profonda conoscenza delle proporzioni armoniche per spostare blocchi e perforarli, come affermano Cristopher Dunn ed Walter Emery; una conoscenza ereditata in epoca anteriore.

Alcuni templi egizi producono sonorità di bassa frequenza.

Gli antichi testi incisi sulle pareti ad Edfu parlano della sua costruzione avvenuta nel "Primo Tempo" e delle sacre cerimonie che vi si svolsero per "dare vita" al Tempio. Cosa significa "dare vita"? Mettere in moto un meccanismo? Per caso al suono di una nota, creando una frequenza?

Anche le pietre dell’Oseiron possiedono proprietà sonore. È noto che i monoliti di Stonehenge amplificavano i suoni prodotti durante le cerimonie che si svolgevano fra le sue pietre.

La risonanza di un corpo o di una costruzione è determinata dalla sua dimensione, dalla massa, dalla simmetria, dai componenti del materiale che possono influire sulla vibrazione per simpatia. Quest’ultima è un fenomeno sfruttato per praticare fori nel quarzo, utilizzando trapani ad ultrasuoni. Vi sono minerali che non rispondono perfettamente agli ultrasuoni e diventano difficili da lavorare.

La camera del Re della grande piramide è stata costruita basandosi sulle regole di Pitagora, che servono ad ottenere proporzioni armoniche in grado di produrre note musicali. Nel caso specifico sembra che sia il "Do" derivante dalla combinazione del "Re", "Sol" e "Mi".

Il primo a notare queste proprietà fu l'egittologo Sir William Flinders Petrie, nel 1881. Nella ricerca di una camera segreta decise di far sollevare il sarcofago di granito. L’operazione, pur con molti sforzi, riuscì e il blocco fu sollevato di venti centimetri. Quando Petrie lo percosse, come lui stesso affermò, "produsse un suono profondo di una bellezza straordinaria e soprannaturale". Indubbiamente le sue dimensioni e il suo volume erano fondamentali per ottenere la migliore risonanza armonica.

Anche Cristopher Dunn fece qualcosa di simile. Percosse il sarcofago per identificare il suono prodotto e più tardi riprodusse con la voce quella nota, scoprendo che la risonanza aumentava quando raggiungeva la nota superiore di un’ottava. Si accorse così che le parole pronunciate nell’Anticamera avevano trapassato le spesse mura della costruzione, rimanendo registrate nell’apparecchio situato nella Camera del Re, come fossero state proferite in quel punto.

Come abbiamo visto, dal Tibet giungono storie incredibili che narrano di un tempo in cui i nostri antenati erano a conoscenza di una tecnologia sonica impiegata nelle costruzioni, un valido aiuto nel lavoro manuale. Una tecnica simile a quella narrata dagli Indios di Tiahuanaco agli spagnoli. Circa ventimila anni fa la città Inca fu eretta da uomini capaci di sollevare pietre e trasportarle dalle cave situate sulle montagne, al suono di una tromba.
Erano gli uomini di Ticci Viracocha, alto di statura, con la pelle chiara, gli occhi azzurri, i capelli biondi e una folta barba. Egli muoveva le pietre utilizzando un fuoco celeste che le avvolgeva senza consumarle e permetteva di sollevarle con le mani.

Tra le rovine di Tihuanaco sono state trovati monoliti con sezioni a più strati, ad angolo retto, scavati nei fianchi, che si ipotizza potessero servire a definire l'esatta frequenza di risonanza dei blocchi di pietra.

Anche i Maya presentano racconti simili, dove una razza di nani riuscivano a posizionare le pietre al posto voluto utilizzando un fischio.

Alcuni racconti Greci parlano di un figlio di Zeus, Anfione, gemello di Zete, con il quale cinse di mura Tebe, utilizzando ciclopiche pietre che da sole si posizionarono una sull’altra al suono della sua lira. Si racconta che quando suonava lo strumento le pietre lo seguivano. La cosa più curiosa è che era stato istruito da Mercurio, l’Ermes greco, guarda caso il Thoth egizio tenutario di tutta la conoscenza.

Dagli scritti di Sanconiatone veniamo a conoscenza che quando gli uomini vivevano in armonia con gli Dei, durante la famosa età dell’Oro, uno degli dei, Taautus, il Thoth egizio, fondò la civiltà Egizia.

Era il tempo in cui Urano, chiamato anche Cielo, fondò la città di Biblo, "Betulla", "creando pietre che si muovevano come dotate di vita propria".

Innegabile però che nei territori Maya vi siano luoghi che presentano inspiegabili proprietà acustiche. A Chichen Itza, il sussurro emesso nel tempio situato a nord nello Sferisterio, simile ad un campo da gioco a cielo aperto, lungo centosessanta metri e largo sessantotto, può essere udito all’altro lato, nel tempio situato a sud, a centoquaranta metri di distanza.

Nel 1931 il direttore d'orchestra Leopoldo Stokowski, in collaborazione con Silvanus Morley, trascorse ben quattro giorni per cercare di carpire il segreto dell’acustica Maya senza riuscirvi. Spostarono il fonografo, con il quale suonavano le ultime incisioni di Stokowski e dell’orchestra Sinfonica di Filadelfia, in svariate posizioni per definire le superfici riflettenti, ma il segreto acustico è uno dei misteri irrisolti dell’America antica.

Sempre a Chichen Itza si trova il Castiglio, una piramide dalla forma particolare. Emettendo un leggero suono, o parlando a voce bassa restando alla sua base, l’eco prodotto alla sua sommità diviene un urlo acuto. Se una persona parla mentre si trova sulla sua cima, l’eco può essere udito a grande distanza, qualità riscontrata anche in un'altra piramide a Tical e in altri siti.

A Palenque tre persone che si trovassero sulla vetta delle tre piramidi esistenti nel luogo, potrebbero parlare fra loro come se fossero una accanto all’altra.

Un suono prodotto alla base della Piramide del Mago ad Uxmal, secondo le leggende locali eretta da una razza di nani che usavano spostare le pietre emettendo un fischio, riproduce alla sua sommità una specie di cinguettio.

Le guide di Tulum indicano il tempio che fornisce un prolungato sibilo quando cambia la velocità del vento e dichiarano che è utilizzato come segnale di pericolo in caso d'uragani e grandi tempeste.

L’esploratore Wayne Van Kirk ha scritto di aver avuto modo di osservare, grazie ad una guida del luogo, una specie di bossoli di cartucce in pietra, che una volta percossi davano dei suoni perfettamente sintonizzati, con i quali si poteva suonare un motivo.

Dobbiamo considerare che i Maya conoscevano molto di più di quanto viene loro accreditato e la produzione di quei suoni di uguale intensità, da est ad ovest, di giorno e di notte, è uno dei tanti eccezionali risultati ingegneristici, realizzati dalle antiche tecniche Maya migliaia d'anni fa. Tecniche che a tutt’oggi, architetti e archeologi, non sono ancora capaci né di riprodurre, né di spiegare.

Gli archeologi hanno considerato che tali risonanze sia prodotte dallo stato di rudere cui sono ridotti gli edifici, ma Manuel Sansores, che è stato impegnato nella loro ricostruzione, dichiara che se gli edifici fossero completi permetterebbero al suono di divenire più chiaro e forte.



L'USO DEL SUONO

In questa nuova ottica, la piramide non è una tomba ma una sorta di Tempio, ove queste risonanze furono intenzionalmente inserite nella struttura. Molte esotiche proprietà sono state ascritte al potere della Piramide, ma alcuni dei fenomeni sono causati da proprietà acustiche.

I suoni in questione sono stati studiati anche per il programma spaziale, per osservare gli effetti sugli individui. (Alfa ritmi subliminali)

Nel 1996 Paul Devereux e Robert Jahn elencarono un numero di antiche strutture, in Inghilterra e Irlanda, apparentemente destinate ad aumentare basse frequenze nei toni di voce. Al loro interno usavano cantare i Mantra per ottenere l’effetto. Emerge che gli antichi avevano il controllo di questi principi.

Inoltre, gli sciamani americani intagliano ossa e legno per fabbricare flauti che producono la stessa nota: un Fa Diesis.

Cosa dire del flauto ritrovato da Leopoldo Batres nella Piramide del Sole a Teotihuacan, andato ovviamente perduto, che produceva una scala musicale, a sette note, diversa da quella europea?

Una piccola curiosità: nel cartone animato Arsenio Lupin il famoso ladro scassa le casseforti usando una vibrazione modulata sul Fa Diesis, questo a conferma che la cosa è nota.

Dunley ribadisce che la composizione della sabbia, esaminata in un vano dietro la camera della Regina, datata da alcune fonti ad un epoca precedente la glaciazione, per il contenuto di metalli, reperibile a Sud di Giza e che altre fonti, come la Waseda University Giapponese, sembra provenire dal Sinai, sia composta dal 99% di quarzo.

Appare quindi l'intenzionalità nell'usare specifici materiali per ottenere delle risonanze. Il quarzo, infatti, è in grado di risuonare come una campana e generare energia costante.

Studi effettuati sugli effetti di suoni a bassa frequenza hanno appurato che gli infrasuoni (ritmi subliminali) alterano l’attività cerebrale e altre funzioni biologiche. La piramide potrebbe essere stata adoperata per alterare lo stato cerebrale e mutare il livello di coscienza.

Oggi sappiamo bene che esistono apparecchiature che, combinando luci e suoni, riescono a indirizzare le onde cerebrali su di una data frequenza. Non è richiesta nessuna pratica consapevole, il soggetto è passivo.

La gamma di frequenza è al livello basso dello spettro uditivo, inferiore alle frequenze udibili.

Le dimensioni del sarcofago sono tali da produrre un amplificazione acustica nella gamma vocale di bassa frequenza.

Il suono quindi è stato da sempre usato per creare, amplificare uno stato emotivo, come ho già accennato, vedi gli organi nelle cattedrali, la musica dei film, e in discoteca.

Nel nostro sistema "Solare", parola che qualcuno indica derivante dalle tre note Sol, La, Re, risulta che la superficie del Sole corrisponda a un "Do Diesis".

Nel sistema vi sono due ottave, una dal Sole a Mercurio, la seconda da Mercurio a Plutone.

Il "Fa Diesis" corrisponde al punto di cambiamento del registro del soprano se il Do della scala è a 256 Hz, l’accordatura per essere vera, deve essere fatta con il Do centrale a quella frequenza in quanto anche nel sistema solare vi è lo stesso concetto, cioè il Do musicale a 256 Hz è in "armonia" con l’ordine del macrocosmo del nostro sistema solare; nella "Tavola periodica degli Elementi", vi è lo stesso cambio di registro.

Come vi è un cambio di registro nella voce umana e nel sistema Solare, vi è una corrispondenza diretta fra geometria del sistema Solare e quella del sistema Musicale.

Tutta la materia, corpo umano compreso, è composta di atomi, che vibrano secondo determinate lunghezze d’onda. La malattia è una alterazione di queste frequenze; ne abbiamo dimostrazione anche con le apparecchiature Bio elettroniche di tutti i tipi.

Recenti studi, nel laboratorio Europeo di ricerca sulle particelle sub nucleari, hanno confermato che ogni particella sub nucleare è influenzata dalle variazioni lunari, terrestri e solari, alterazioni dei campi magnetici, macchie solari, terremoti, dai campi elettromagnetici, per cui abbiamo la dimostrazione che tutta la materia vivente è interagente con qualsiasi altra materia a livello sub atomico.

Si entra nel campo della Radioestesia, in merito alla quale ho scritto un intero capitolo in un libro che presto sarà a disposizione ai lettori di Edicolaweb.

Le misure del sarcofago e dell’intera piramide acquistano un senso.



L'ALTRA FUNZIONE DELLA PIRAMIDE

Se le teorie di Dunn e di Dunley sono esatte la piramide assume ben altro e più grande significato. Siamo in presenza di un tempio, o di un congegno che, sfruttando l’energia sonica prodotta da qualche particolare nota musicale, riusciva ad aprire una porta spazio temporale?

L’ipotesi è a dir poco affascinante ma potrebbe divenire inquietante se all’improvviso si dovesse rivelare come un meccanismo utilizzato per cambiare la frequenza delle onde cerebrali; una sorta di macchina per il lavaggio del cervello.

Il tutto mascherato da un rituale pseudo religioso; un procedimento trasformato dai sacerdoti in un rituale per tramandare l’antica conoscenza agli iniziati e tenere vivo il ricordo di un epoca nella quale gli Dei vivevano accanto agli umani.

Nel libro dei morti molti i riferimenti a rituali praticati dai sacerdoti, noto quello dell’apertura della bocca, attraverso il quale l’anima del defunto uscita dal corpo poteva giungere al cospetto di Osiride. I condotti della piramide sarebbero le strade che conducono al cielo al cospetto degli Dei, le famose "canne di fucile" puntate verso determinate stelle sede di quegli Dei che governarono l'Egitto nel Primo Tempo.

Cerimonie che si ripetono nel tempo e richiamano alla mente ricordi di storie ove si nascondono misteriose simbologie.

Hiram Abif, per esempio, era l’architetto del Tempio di Salomone. Riguardo alla sua morte si racconta che fu ucciso da due suoi operai perché non voleva rivelare i segreti di mastro muratore e della "parola segreta", ossia il nome di Dio.

I Templari, indagando riguardo alla vicenda che sapeva di metafora, trovarono i manoscritti degli Esseni di un antichissimo rituale risalente all’epoca dei primi Faraoni.

Si celebrava una cerimonia, quando il faraone era sul punto di morire, allo scopo di trasmettere il suo potere al successore. Si nota, nella storia, una partecipazione degli Hyksos, che si pensa fossero semiti, apparsi in Palestina e in Siria, che in seguito raggiunsero il controllo sull’intero Egitto. Verso la fine del periodo Hyksos vi fu uno scontro tra la dinastia legittima, rappresentata da Seqenenre ed Apepi I, sovrano degli Hyksos, noto col nome di Apophis, il maligno dio serpente egizio.

È Seqenenre a morire come l’architetto. Quando Emil Brugsh rinvenne la mummia del re dovette constatare che presentava la fronte spaccata, una frattura dell’orbita destra, del naso e lo sfondamento dell’osso mastoideo, fino alla prima vertebra del collo. Come era stato descritto nella storia riguardante Abif.

Simbolicamente tutto questo si ripete in una cerimonia massonica.

Quindi esistevano segreti relativi ad una cerimonia di iniziazione che comprendeva la morte simbolica dell’iniziato, seguita dalla sua resurrezione, strettamente collegata alla rettitudine morale, simbolizzata nell’edificio del Tempio, come in Egitto.

Manoscritti orientali parlano di un maestro di nome Yuz Asaph, che per alcuni corrisponderebbe allo stesso Gesù, sopravvissuto alla crocifissione, che viaggiò in oriente per portare il messaggio alle dieci tribù di Israele, identificate con il popolo Afgano e con gli abitanti della zona del Kashmir.

La tomba di Asaph si trova a Srinagar e si dice che contenga i resti di Gesù.

A questo punto il nostro viaggio ci porta in India, ai piedi dell’Himalaia, vicino al Kailash, nella Valle del Kashmir, alla porta del Tempio dei Giudei, ove si troverebbe l’impronta del Signore. Siamo davanti ad una porta che si apre davanti a impensati scenari, le cui strade si diramano in varie direzione verso l'infinito. Sono strade che portano a concludere che se alla base di tutto esiste una bassa frequenza, una serie di infrasuoni che producono vibrazioni simpatiche, si può cercare di fornire alcune spiegazioni riguardo ad alcuni fenomeni, o quantomeno ipotizzare che tali frequenze o vibrazioni siano il mezzo per provocare tali fenomenologie.

Le trasmissioni radio televisive, le comunicazioni telefoniche, utilizzano già queste onde di frequenza che viaggiano nell’etere, avvalendosi poi di satelliti e ripetitori che amplificano e trasmettono il segnale in ogni punto del pianeta.

Un radio messaggio inviato anni fa nello spazio per farci conoscere agli altri ipotetici abitanti dell’universo, sembra abbia già avuto una risposta sotto forma di Crop Circle.

Indirizzando determinate frequenze in un preciso punto si potrebbe far assumere, dall’erba o dalle spighe di grano, precise figure, interferendo con le onde elettromagnetiche del luogo e dei vegetali?

Abbiamo detto che queste onde, frequenze, o "vibrazioni simpatiche", possono influenzare e alterare le onde cerebrali, si può facilmente desumere, o forse qualcuno preferisce "ipotizzare", che utilizzando una frequenza si può trasmettere nella mente di una persona, sintonizzata sulla stessa lunghezza d’onda, immagini visibili solo dal soggetto interessato pur trovandosi in mezzo ad altri. Così si crea il noto fenomeno delle "visioni"?

Non è poi molto assurdo: ognuno di noi possiede certo una "frequenza personale", quella che è stata definita "bodyprint", le frequenza della vibrazione del nostro corpo, un impronta corporea personale che può essere monitorata attraverso un satellite.

La radioestesia pone in risalto tutto questo e fornisce una prova indiretta che questo corrisponde al vero, evidenziando che ognuno di noi reagisce in modo diverso al cambiamento climatico, al vento, al caldo, al freddo, alle radiazioni cosmiche, ai colori, ai suoni. Si è venuta a stabilire una nuova forma di riconoscimento, dal momento che si manifestano variazioni individuali nel nostro organismo, in relazione al campo elettromagnetico nel quale siamo immersi.

Concludendo, siamo circondati e viviamo in mezzo a "frequenze", solo trovando quella a noi più consona troveremo il perfetto equlibrio. Dobbiamo presupporre che gli antichi ne erano a conoscenza, come dimostrano i monumenti che ci hanno lasciato in eredità; forse essi avevano trovato la "giusta frequenza", quella che governa e regola l’intero universo e le forze che in esso interagiscono.



TECNOLOGIE MODERNE NEL PASSATO

Sia Sir William Flinders Petrie che Walter Emery ascrivono la costruzione delle piramidi ad una Nuova Razza sconosciuta dotata di una avanzata e raffinata tecnica. Questo in base anche ai resti anatomici rinvenuti e appartenenti ad individui dal cranio dolicocefalo, e dalla corporatura più grande dei nativi dell'epoca, come riportato nel libro di Emery "Archaic Egypt".

Una élite dominante di alta statura, che gli egizi hanno raffigurato nelle loro statue dedicate agli Dei. Emery li identifica con i seguaci di Horus, gli Shemsu Hor, menzionati anche nella stele di Torino, che avrebbero regnato in Egitto 13.420 anni prima dell'ascesa al trono di Menes, primo faraone ufficialmente riconosciuto. Erano i discendenti dei Netjeru che governarono nel Primo Tempo, in poche parole all'Età del Leone.

Petrie fece importanti scoperte riguardo ai metodi di lavorazione usati nell'antico Egitto. Le pietre di rivestimento della Grande Piramide erano state poste in opera con una precisione impensabile per quei tempi, lo spessore fra le sconnessure è di solo un millimetro fra una pietra e l'altra e contiene un sottile strato di cemento, o malta la cui origine rimane sconosciuta; se ne conosce la composizione chimica ma non può essere riprodotta.

Due campioni di questa malta sono stati esaminati all'università di Dallas e tredici nei laboratori di Zurigo usando un acceleratore. I risultati forniscono un'età fra 3.809 a.C. e 2.869 a.C., circa 400 o 500 anni più vecchia della data ufficialmente ascritta.

Per comprendere meglio la difficoltà del lavoro ricordiamo che ogni blocco pesa sedici tonnellate e occupa un’area di tre metri quadrati; situarli uno accanto all'altro con il cemento fra ognuno è un impresa impossibile.

Le pietre usate per le opere sono di roccia vulcanica, come basalto, granito e diorite e i segni dei tagli e delle perforazioni operate provano l'uso di una sofisticata e avanzata tecnologia. Petrie notò che il sarcofago della camera del re presentava tracce di una sega, che a volte aveva effettuato un taglio troppo profondo, levigato successivamente. I soliti segni erano presenti anche sul sarcofago della piramide di Chefren. Una sega lunga quasi tre metri non era stata rinvenuta in quella terra e quelle rinvenute, non potevano essere state idonee al lavoro, che presumeva l'uso di seghe con punte diamantate e in alcuni casi, vedi le ciotole di diorite, di un tornio.

Vi sono prove convincenti dell'uso di un trapano per produrre fori tubolari. Quindi usando punte provviste di gemme, diamanti o rubini, si praticavano fori profondi con un diametro dai 6 millimetri fino ai 12 centimetri.

Anche l’interno del sarcofago della Camera del Re venne scavato praticando serie di fori tubolari e successivamente levigato, come si può controllare dalle tracce ancora visibili dei fori più profondi.

Centinaia di vasi che provengono dagli scavi condotti a Naqada, risalenti al 3.500 a.C., composti da alabastri, porfidi, diorite, quarzo, insieme a altri manufatti di fine fattura, dai fianchi ricurvi e colli strettissimi, sono certamente prove dell'applicazione di tecnologie avanzate. Non si può modellare artigianalmente, né usando utensili di rame e abrasivi di sabbia, materiali il cui grado di durezza raggiunge il settimo livello della scala di Mohs.



TOM DANLEY E LE BASSE FREQUENZE

Un altro ingegnere pratico di acustica si è inserito per sviluppare il pensiero di Dunn, tale Tom Danley. Ha scritto un articolo, che si può rintracciare nel sito "The Giza: The Truth" http://www.ianlawton.com/gttindex.htm , sugli esami condotti all’interno della piramide effettuati dopo aver letto il libro di Dunn.

Danley ha lavorato per anni in un'azienda incaricata dalla NASA di condurre studi in campo acustico e vedere quali effetti producono sull’uomo. Si è recato in Egitto a misurare la risonanza acustica nelle piramidi. Ha utilizzato due sistemi di altoparlanti per i toni di prova, un sistema per frequenze superiori a 100 Hz, più un amplificatore di potenza, TEF 12, e un accelerometro.

Dai suoi studi risulta un tunnel sotto la Sfinge. Lui stesso, con un compagno, ha perlustrato la cavità posteriore del monumento. È un corridoio che si divide in due rami, uno sale in alto, l’altro scende fino a tre metri e mezzo in profondità; il pavimento una volta percosso suona a vuoto.

Nella Camera del Re, che ha uno spessore murale minimo di 61 metri, ha usato corrente alternata e un altoparlante per misurare le basse frequenze. Intorno a 90 Hz, dopo essere partito da 200, 20, ecc., modulando a 1.1 Hz/sec. veniva prodotta della vera energia. La parola inglese dice "trasferita".

Vicino a 30 Hz (infrasuini) una risonanza ha fatto correre tutti fuori dalla stanza. Hanno avuto paura accadesse qualcosa di terribile in seguito alla produzione di risonanze di alta qualità a basse frequenze. Potevano rimanere sepolti in seguito a crolli improvvisi prodotti dal suono.

Ha notato poi una cosa strabiliante. Assicura che il sarcofago ha esibito una svariata tipologia di risonanze corrispondenti a quelle ambientali. Una volta sdraiati al suo interno, pronunciando note con la "giusta frequenza", il volume appare molto più alto, ma non per coloro che si trovano vicino al sarcofago.

Si è infine accorto che il vento crea una vibrazione armonica compresa fra 16 e/o 50 Hz, di bassa frequenza, non udibile all’orecchio umano (infrasuoni), simile ad un accordo "Fa Diesis" che corrisponde al centro di risonanza della terra, cosa testimoniata dagli antichi scritti egizi e a cui fa riferimento Dunn.

Nella Piramide le frequenze sono presenti anche se non vengono prodotti suoni, alimentate dal vento che penetra attraverso i vani.

Quindi per Danley 2.500.000 di blocchi sono accordati sulla frequenza della terra Fa Diesis. Ci mette al corrente che sono in corso indagini da parte della Shor Foundation.

digilander.libero.it/amadeux/subliminale/pyramid.htm

mercoledì 14 gennaio 2015

IL CUORE NON E' UNA POMPA



Leggendo la lezione V del Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco, a un certo punto ci si trova di fronte a una affermazione dell’autore, Arnold Ehret, che la maggior parte dei lettori non accetta immediatamente, mentre altri persino la rifiutano categoricamente: IL CUORE NON E’ UNA POMPA.

Non è facile accettare tale asserzione per il semplice fatto che da sempre viene insegnato già da bambini che il cuore è una pompa, che spinge il sangue nelle arterie, fino ai più piccoli capillari poi passa nel sistema venoso e così via e tutto riprende da capo. E’ una credenza così consolidata nella nostra cultura e istruzione da essere diventata una certezza, e prima di leggere i libri di Ehret non avevo mai nemmeno pensato, né nessuno mai mi aveva detto il contrario, e se qualcuno me lo avesse detto con convinzione lo avrei considerato un tipo un po’ bizzarro.

Ehret lo dichiarava apertamente nelle sue conferenze a partire dal 1915 a Los Angeles e diversi suoi colleghi naturopati presero le distanze da lui, senza nemmeno tentare di valutare se le affermazioni di Ehret potessero essere vere. Alcuni scrissero anche dei libri includendo la maggior parte dei principi insegnati da Ehret ma si guardarono bene dal menzionarlo.

Negli anni ’20 Rudolf Steiner sosteneva la stessa cosa durante le sue conferenze, e negli anni ’30 vennero fatti degli studi per dimostrare che il cuore non è una pompa. Non ebbero seguito perché all’establishment medico ortodosso conveniva, e tuttora conviene, che si continuasse a considerare il cuore una pompa.

Per chi fosse interessato ho tradotto l’articolo seguente. Le figure indicate in più punti non ci sono perché non ho la pubblicazione cartacea e nel documento che ho tradotto sono state omesse. Dovessi un giorno trovarle verranno aggiunte.

Se incontrassi dei termini medici che non comprendi, cerca le definizioni in un dizionario o internet, ti eviterai irritabilità e nervosismo, o di abbandonare la lettura, come ho fatto io diverse volte prima di completare la traduzione e solo dopo aver compreso cosa stavo traducendo. D’altra parte i termini medici sono intenzionalmente ostici, per far credere che la materia sia difficile e che solo gli addetti ai lavori debbano occuparsene. E’ una specie di linguaggio come quello egizio riservato solo alla casta sacerdotale che il popolo non conosceva. Eventuali errori o granchi che possa aver preso sarebbe gradito che mi venissero segnalati.

(Il seguente articolo è stato pubblicato sul numero 1, Autunno-Inverno 1995 [Volume 5, # 1] di “Frontier Perspectives“, la rivista del Centro per le Scienze di Frontiera presso la Temple University di Philadelphia, Pa.)
Traduzione di Luciano Gianazza.
Il cuore non e’ una pompa:
Una confutazione della presupposizione della funzione cardiaca di propulsione per pressione

Ralph Marinelli1 ; Branko Fuerst2 Hoyte van der Zee3 ; Andrew McGinn4 ; William Marinelli5
Rudolf Steiner Research Center, Royal Oak, MI
Dept. of Anesthesiology, Albany Medical College, Albany, NY
Dept. of Anesthesiology and Physiology, Albany Medical College, NY
Cardiovascular Consultants Ltd., Minneapolis, MN. Department of Medicine, University of Minnesota, MN
Hennipen County Medical Center and Dept. of Medicine, University of Minnesota, MN
Sinossi

Nel 1932, Bremer di Harvard filmò nei primi stadi di un embrione il sangue che circolava per autopropulsione in flussi a spirale, prima che il cuore iniziasse a funzionare. Sorprendentemente, fu così impressionato dalla caratteristica a spirale del modello del flusso del sangue che non si rese conto che il fenomeno davanti ai suoi occhi aveva demolito il principio della propulsione per pressione. In precedenza, nel 1920, Steiner, del Goetheanum in Svizzera, aveva fatto notare in conferenze rivolgendosi a dei medici, che il cuore non è una pompa che costringe del sangue inerte a muoversi con la pressione, ma che il sangue ha una sua propria dinamica biologica, come si può vedere nell’embrione, e si dà un’ulteriore spinta con le forze “indotte” dal cuore. Inoltre affermava che la pressione non provoca la circolazione del sangue, ma è causata interrompendo la circolazione. La conferma sperimentale dei concetti di Steiner inerenti all’embrione e agli adulti viene presentata qui di seguito.
Introduzione

Il fatto che il cuore di per sé non è in grado di sostenere la circolazione del sangue era noto ai medici dell’antichità. Ricercarono possibili forze ausiliarie della circolazione del sangue nei vari tipi di “eterizzazione” e “pneumatizzazione” o “ensoulement” del sangue durante il suo passaggio attraverso il cuore ed i polmoni. Agli albori della scienza moderna e nel corso degli ultimi trecento anni, tali concetti divennero insostenibili. Il concetto meccanicistico del cuore come pompa idraulica prevalse e si stabilì saldamente intorno alla metà del XIX secolo.

Il cuore, un organo del peso di circa trecento grammi, si suppone che “pompi” circa otto mila litri di sangue al giorno a riposo e molto di più durante l’attività, senza fatica. In termini di lavoro meccanico, questo rappresenta il sollevamento di circa 45 chilogrammi all’altezza di un chilometro e mezzo! In termini di flusso capillare, il cuore eseguirebbe il compito ancora più prodigioso di “spingere” il sangue con una viscosità cinque volte superiore a quella dell’acqua in milioni di capillari con diametro spesso inferiore a quello dei globuli rossi stessi! Chiaramente, tali pretese vanno oltre la ragione e l’immaginazione. A causa della complessità delle variabili in gioco, non è stato possibile calcolare la vera resistenza periferica, neanche di un singolo organo, per non parlare di tutta la circolazione periferica. Inoltre, il concetto di una fonte centralizzata di pressione (il cuore) che genera alla sua sorgente una pressione al di là dei normali limiti, in modo tale che sufficiente pressione rimanga nei capillari più remoti, non è dei migliori.

La nostra comprensione e la terapia delle aree chiave di fisiopatologia cardiovascolare, come lo shock settico, l’ipertensione e l’ischemia miocardica sono ben lungi dall’essere complete. L’impatto della spesa di miliardi di dollari per la ricerca cardiovascolare utilizzando un presupposto erroneo è enorme. Riguardo a questo, gli sforzi per costruire un cuore artificiale soddisfacente non hanno ancora portato i loro frutti. Entro i confini del pensiero della biologia e della medicina contemporanee, la forza propulsiva del sangue rimane un mistero. Se il cuore in realtà non fornisce al sangue tutta la forza motrice necessaria, dove è la fonte della forza ausiliaria e qual è la sua natura? La risposta a questa domanda apporterà un nuovo livello di comprensione dei fenomeni della vita nelle scienze biologiche e fornirà ai medici la capacità di riscoprire l’essere umano che, troppo spesso, molti sentono di aver perso.
Panoramica

Impliciti nel concetto di propulsione per pressione nel sistema cardiovascolare sono i seguenti quattro concetti principali:
Il sangue è naturalmente inerte e deve quindi essere spinto per circolare.
C’è una combinazione casuale delle particelle composte nel sangue.
I globuli rossi sono sotto pressione in ogni momento.
Il sangue è amorfo e viene costretto a riempire i suoi vasi e quindi ne assume la forma.

Tuttavia, ci sono osservazioni che sfidano queste nozioni. Si è visto che il sangue ha una sua propria forma, il vortice, che determina la forma piuttosto che adattarla alla sezione vascolare e circola nell’embrione con la sua intrinseca dinamica biologica prima che il cuore cominci a funzionare. Proprio come in natura un vortice inerte pulsa in senso radiale e longitudinale, timidamente assumiamo che il sangue è anche libero di pulsare e non è soggetto alla pressione che limita il suo pulsare implicita nel concetto di propulsione della pressione. Il sangue non è azionato da una pressione, ma da un proprio moto biologico rafforzato dal cuore.

Quando il cuore comincia a funzionare, rafforza il moto del sangue con impulsi a spirale. Le arterie hanno una funzione sussidiaria che mimica quella del cuore fornendo ulteriori impulsi a spirale al sangue circolante. In tal modo le arterie si dilatano nel ricevere il sangue in entrata e si contraggono per fornire un impulso per aumentare la quantità di moto del sangue.
Storia

La storia della presupposizione della propulsione per pressione risale a Galileo e a Leonardo da Vinci. Il concetto del cuore che funziona come una pompa di pressione che pompa il sangue, ritenuto essere amorfo e inanimato, nei suoi vasi sanguigni e che ne assume la forma fu suggerito da Borelli1, uno studente e amico di Galileo, che osservando il cuore a spirale paragonò la sua funzione al fuoriuscire dell’acqua strizzando un panno umido. Borelli non ha confermato la sua congettura con esperimenti, ma è stata sostenuta da disegni ingannevoli del ventricolo sinistro trovati in seguito in un’opera di Leonardo. Nei quaderni di Leonardo la parete del ventricolo sinistro viene mostrata di spessore uniforme come uno si aspetta di trovare in una camera di pressione. (Vedi fig. 1-A).

Tuttavia, al contrario, lo spessore della parete del ventricolo sinistro varia del 1.800% circa, come abbiamo visto in dissezioni di cuori bovini. Lo spessore va da 0,23 centimetri all’apice a 4,3 centimetri nella zona equatoriale. La parete all’apice è così morbida e debole che può essere trafitta con il dito indice. La peculiare variabilità dello spessore della parete ventricolare non è in linea con l’idea del cuore come generatore di pressione. Tuttavia, si potrebbe concepire che una simile conformazione della parete ventricolare massimizzi l’inerzia del moto senza alcuna pressione statica all’apice del ventricolo. L’apice sottile, flessibile, a forma di cono e la sospensione dall’aorta suggeriscono la presenza di una funzione di torsione in particolare se si tiene conto dell’orientamento a spirale degli strati del muscolo miocardico (vedi fig. 1-B).

Il movimento rotatorio del cuore, delle arterie, e del sangue è stato misurato o rilevato da vari ricercatori2, 18, 19. Con lievi variazioni, il disegno erroneo nei Quaderni di Leonardo è stato utilizzato nella maggior parte dei testi di biologia, fisiologia e medicina nel corso delle ultime poche centinaia di anni, così come nella maggior parte dei testi di anatomia moderna negli ultimi decenni. Così, schizzi falsi sono serviti a testimoniare falsi presupposti. (Vedi fig. 1-C.)

William Harvey (1578-1657) frequentò l’Università di Padova, mentre Galileo era nella Facoltà della stessa. Sembra che stesse per decidere in favore del moto propulsivo secondo i suoi stessi esperimenti incentrati sul flusso del sangue e la propulsione per pressione, probabilmente sotto l’influenza di Borelli, che era focalizzato sul movimento del cuore. A quel tempo suggeriva un concetto del moto propulsivo: “L’atrio del cuore spinge il sangue nel ventricolo” e “il ventricolo proietta il sangue in movimento nell’aorta. ” “Il sangue viene proiettato da ogni pulsazione del cuore.” Altre volte ha usato espressioni che implicano un concetto di propulsione per pressione. “Il cuore spreme fuori il sangue.” “Il sangue viene spinto nell’aorta per contrazione del ventricolo.” In alcuni casi parla della pressione del sangue. Tuttavia, di volta in volta ha anche usato termini neutri, “il sangue viene trasferito, trasfuso, trasmesso e inviato” Successivamente dei ricercatori che hanno contribuito a stabilire con fermezza il concetto di propulsione per pressione sono i seguenti: Stephen Hales (1677-1761) che inserì un tubo di vetro nell’arteria di un cavallo e assunse che la colonna di sangue è stata bilanciata da pressione statica. Jean-Léonard-Marie Poiseuille (1799-1869) scoprì che la dilatazione delle arterie era in fase con l’espulsione effettuata dal ventricolo sinistro. Pertanto ipotizzò che la dilatazione fosse la risposta passiva alla pressione del sangue. Tra le altre cose sostituì un manometro a mercurio al manometro a sangue di Hales. Carl Ludwig (1816-1895) ha inventato il manometro grafico aggiungendo un galleggiante con penna e carta mobile al manometro al mercurio di Poiseuille, e inaugurò l’era della registrazione continua della pressione. Infine, Scipione Riva-Rocci (1896-1903) ha perfezionato lo sfigmomanometro nel 1903 e ha portato l’esame della pressione arteriosa nella pratica clinica.
Il problema e la proposta per la sua soluzione

La situazione problematica nella fisiologia cardiovascolare è stata espressa da Berne e Levy3 che ha scritto: “Il problema di esporre il flusso pulsante attraverso il sistema cardiovascolare in precisi termini matematici è praticamente insuperabile.” Un aspetto fondamentale di questo problema riguarda il fatto che la maggior parte della nostra conoscenza della dinamica cardiaca è stata dedotta da dati sulla pressione. Infatti la nostra conoscenza del sistema ha due fonti indipendenti: fatti determinati sperimentalmente e concetti logicamente dedotti dalla presunta propulsione per pressione. La situazione è talmente confusa che alcuni scienziati della vita prendono in considerazione la teoria del caos e la matematica per cercare di trovare coerenza nel sistema. Sarà mostrato che il caos deriva da un mix di fatti e congetture, e non dalla natura del fenomeno stesso.

Il nostro scopo è di dimostrare che la congettura di Borelli è errata e di proporre il concetto che il sangue viene spinto da una forma unica di moto. In primo luogo, l’arco dell’aorta non risponderebbe come previsto, se il sangue in esso fosse sotto pressione. L’aorta è un tubo ricurvo e tale è la forma di base dell’elemento sensibile alla pressione del manometro di Bourdon*, ampiamente utilizzato. Quando il tubo ricurvo del manometro di Bourdon è soggetto a pressione positiva, è costretto a raddrizzarsi, come si può vedere con una canna dell’acqua da giardino. Quando è invece soggetto a una pressione negativa, la curvatura del tubo aumenta. Durante l’eiezione sistolica (periodo in cui il sangue viene espulso dal ventricolo), la curvatura dell’aorta si vede che aumenta, significando che l’aorta non è sottoposta a una pressione positiva, ma a una pressione negativa4. Abbiamo dimostrato che questa pressione negativa è quella associata con il centro vuoto del movimento dei vortici di sangue. Quindi il movimento della aorta, se considerato come sensore di una pressione della stessa natura, contraddice l’assunto della propulsione per pressione. Naturalmente, le correnti a spirale del vortice hanno una pressione potenziale, così qualsiasi tentativo di misurare la pressione si tradurrà in una lettura positiva della pressione a causa del moto proprio interrotto.

Il movimento senza pressione applicata è movimento di moto proprio, come si osserva in modo così drammatico nei lunghi salti dei gatti che corrono. Questo moto proprio si manifesta anche in natura nel fluire dell’acqua nei fiumi, nell’avanzare dei tornado, e nei jet stream che sono in realtà spirali orizzontali di aria e di umidità che possono essere lunghe migliaia di miglia di lunghezza che si muovono come fiumi vorticanti nell’alta atmosfera. Una palla lanciata nella sua traiettoria, anch’essa si muove senza pressione.

E la pressione sanguigna che viene misurata? Il concetto in esame è qui il ben noto il rapporto forza/area:

pressione = forza/area (forza per unità di superficie)

La pressione è un rapporto aritmetico derivato dalla forza media del sangue in movimento, e, come tale, indica il fenomeno del sangue che si muove in modo indiretto. In un sistema di moto proprio la pressione è potenziale mentre l’oggetto è in movimento e si manifesta quando la velocità è ostacolata:

moto (massa x velocità) = impulso (forza x tempo)

Il sangue si muove con velocità diverse nei suoi flussi vorticosi. Al momento dell’impatto di un oggetto che si muove di moto proprio, la velocità diminuisce mentre appare la pressione di una certa grandezza.

Rudolf Steiner, scienziato e filosofo, ha sottolineato in diverse occasioni che il sangue si muove autonomamente5, e che la pressione non è la causa del flusso di sangue, ma il risultato di esso6. I medici del passato usavano metodi elaborati per descrivere la natura del polso arterioso e del battito del cuore o del battito dell’apice, che è l’impulso del cuore contro la parete toracica. Molti termini descrittivi, come fibrillazione da shock ipovolemico, collasso o polso a martello d’acqua per insufficienza aortica e “ansante” impulso apicale di ipertrofia ventricolare sinistra, trasmettono la comprensione intuitiva del vero e proprio meccanismo di azione del cuore.

Un tentativo di caratterizzare la funzione ventricolare sinistra mediante gli indici, come la velocità massima di contrazione (V max) e la variazione massima di pressione ventricolare sinistra nel tempo (dP/dt max) lascia intendere la sentita inadeguatezza del semplice concetto di propulsione per pressione.
Flusso e Pressione

Considerazioni

Quando una massa fluida è soggetta a una forza sotto forma di pressione, dapprima resisterà al movimento a causa della sua inerzia e viscosità. In un sistema azionato dalla pressione, la pressione si alza più velocemente di quanto il fluido si muova; la pressione raggiungerà il picco prima che la velocità del fluido raggiunga il suo picco. Tuttavia, quando si misurano contemporaneamente la pressione e il flusso nell’aorta, il picco del flusso precede nettamente il picco della pressione. Questo fenomeno è stato osservato già nel 1860 da Chauveau e Lortet e, come riportato da McDonald7, in contraddizione con la legge dell’inerzia nel concetto di propulsione per pressione. (Vedi fig. 2.) Mentre questo rapporto di fase in realtà conferma il principio di propulsione di moto proprio, tuttavia esso rimase una fonte di congetture per un considerevole periodo di tempo negli anni ’50 fino a quando non è stato “salvato”con l’aiuto di elaborati modelli matematici per i flussi oscillanti.

Un’osservazione in favore del concetto del sangue con il suo proprio moto è stato riferito da Noble8 nel 1968. Con misurazioni della pressione simultanea nel ventricolo sinistro e nella radice dell’aorta di un cane, ha dimostrato che la pressione nel ventricolo sinistro supera la pressione aortica solo durante la prima metà della sistole e che la pressione aortica è in realtà più elevata durante la seconda metà. Trovò paradossale che il sangue espulso dal ventricolo continui nell’aorta, nonostante l’aumento della pressione positiva. L’erroneo concetto di pressione ventricolare sinistra che superi la pressione aortica durante tutta la sistole proposto da Wiggers nel 1928 ancora è presente in molti testi moderni di fisiologia. (vedi fig. 3A e B), Noble ha proposto che questo tipo di modello di pressione potrebbe essere il risultato del flusso di moto proprio, ma questa idea è stata adombrata dal carrozzone della propulsione per pressione.

Il concetto di propulsione per pressione ha arruolato fisiologi e scienziati provenienti da diversi campi in una crociata che ha portato a numerose ipotesi e teorie sulla meccanica del sistema cardiovascolare. Il detto che “I Dinamisti del fluido nel XIX secolo erano suddivisi in ingegneri idraulici che osservavano cose che non potevano essere spiegate e matematici che spiegavano cose che non potevano essere osservate” è ancora valido al giorno d’oggi..
Osservazioni Embriologiche

Steiner6 mostrò che l’embriologia fornisce gli indizi per risolvere il problema della circolazione. In relazione a questo, Bremer9 effettuò una notevole serie di osservazioni sulla circolazione del sangue in un embrione di pulcino nei primissimi stadi di sviluppo prima della formazione delle valvole cardiache. Descrisse i due flussi di sangue con movimento in avanti a spirale di diversa velocità nello stadio in cui il cuore è un singolo condotto. Tuttavia, si è notato che il sangue ha una precisa direzione di flusso all’interno del condotto e si muove apparentemente senza un meccanismo di propulsione. Questi flussi si muovono a spirale lungo il proprio asse longitudinale e uno intorno all’altro. I flussi sembrano essere a considerevole distanza, non riempono i loro vasi sanguigni, e sembrano essere in segmenti discontinui.

In un film fatto da Bremer sul battito del cuore embrionale, si osserva che il sangue a spirale è ulteriormente rafforzato dal cuore pulsante senza creare turbolenza nel sangue. Questo suggerisce che il trasferimento di moto che si verifica tra il cuore e il sangue riguarda una fase, il sincronismo, il cuore deve in qualche modo sentire il movimento del sangue e rispondere ad esso, a sua volta con impulsi a spirale alla stessa velocità del sangue, sincronizzando il moto del sangue e il moto del cuore.

Si presume che gli strati del muscolo cardiaco abbiano lo stesso modello di distribuzione di velocità, come i flussi concentrici di un vortice libero per consentire al cuore e al movimento del sangue di accordarsi a differenti velocità. È significativo osservare che il movimento del cuore avviene con il minimo movimento interno della parete cardiaca. Che il fluire del sangue può essere osservato prima che il cuore entri in funzione è supportato da osservazioni sul fatto che la circolazione in un precoce embrione di pulcino si è mantenuta fino a circa 10 minuti dopo che il cuore era stato asportato10 . Inoltre, la mobilità intrinseca del sangue è stata evidenziata da Pomerance e Davies11 , che trovarono un embrione che visse a lungo senza cuore, ma nacque morto e gravemente sfigurato. Così la visione composita del sistema cardiovascolare embrionale ci dice che il sangue non viene spinto dalla pressione, ma si muove con una sua propria dinamica biologica e con il suo intrinseco modello di flusso.
Alternanze di Vortici di Liquidi e di Gas nel Sangue

L’esistenza di spazio apparentemente vuoto tra e all’interno del flusso a spirale di un liquido può essere spiegata come spazio riempito di gas o vapore. Tuttavia, questa ipotesi appare assurda se si considera che anche piccole bolle nella circolazione arteriosa possono provocare una embolia significativa. Ogni segmento di 100 cm di sangue arterioso contiene 0,3 ml di ossigeno libero fisicamente disciolto, 2,6 ml di anidride carbonica e 1 ml di azoto.

L’importanza della piccola quantità di ossigeno disciolto è riconosciuta solo in casi estremi di anemia quando diventa una notevole fonte alternativa di ossigenazione dei tessuti. Quando viene visto nei termini di una distribuzione altamente differenziata di componenti solidi, liquidi e vaporosi e/o gassosi del vortice composito, questa quantità di gas libero assume fondamentale importanza.

Il fatto che il gas sia elusivo nello sfuggente sangue liquido è molto allineato con la constatazione che il sangue, come vortici caratteristici di liquidi e gas, si muove di moto proprio senza alcuna pressione. Il vortice nei tornado è una configurazione molto stabile e coesa, con un centro vuoto, fortemente tenuta insieme da un sistema di forze centripete. Non ha le proprietà fisiche del gas amorfo sotto pressione che tende ad espandersi.

Per chiarire ulteriormente le nostre osservazioni, abbiamo escogitato un modello di ventricolo con un contenitore sigillato, a forma di cono rovesciato, un fiasco di vetro trasparente da mezzo litro pieno d’acqua. L’attrezzaggio consistette nell’installare due tubi all’interno del fiasco collegati a dei trasduttori per registrare il vuoto al centro del vortice e l’impulso di potenziale pressione nel moto dell’acqua vorticosa. Il segnale di pressione in funzione del tempo fu visualizzato sullo schermo dell’oscilloscopio e anche memorizzato sul computer per ulteriori analisi. Il “ventricolo” fu messo in funzione tenendolo in mano e dandogli un movimento oscillatorio e contemporaneamente circolare per creare un vortice. Per aumentare la visibilità, abbiamo riempito il contenitore con acqua colorata di blu di metilene.

Anche operazioni delle più energiche risultarono in quasi nessun movimento dell’acqua. Con alcuni esperimenti abbiamo determinato che, a meno che nel modello di ventricolo non ci fosse circa 1/3 del suo volume di aria, non era possibile formare un vortice. Questo ci ha portato alla conclusione che il gas altamente organizzato e a bassa densità nel plasma è una componente necessaria del vortice del sangue. Questo fa sorgere anche la questione di come elementi gassosi e fluidi possano rivelare le proprietà di locomozione della vita.

L’idea del vortice composito di globuli rossi-plasma-gas è in accordo con i “gap” nel flusso dei vasi embrionali. Per valutare quanto fosse valido il nostro modello di ventricolo, abbiamo misurato la pressione del suo impulso potenziale (pressione arteriosa come viene in genere misurata) nell’acqua vorticosa e nel vuoto al suo centro e rilevammo che erano rispettivamente +130 e -180 mm Hg. (vedi fig. 4.)

Inoltre, abbiamo costruito un “ventricolo” di vetro con attaccata una “aorta” e dimostrammo che fino al 50% del volume del liquido potrebbe essere espulso sottoponendolo a un impulso oscillante e rotatorio, senza il movimento verso l’interno della parete “ventricolare”.
Una Funzione Ben Nota del Vortice

E ‘noto che il modello del flusso sanguigno attraverso il cuore contribuisce in modo significativo alla dinamica delle valvole cardiache, come è stato dimostrato da numerosi studi che utilizzano cineradiografia di contrasto e, più recentemente, l’ecografia Doppler a colori. Taylor e Wade12 hanno confermato modelli di flussi di stabili vortici dietro le cuspidi delle valvole, mitrale e tricuspide, visualizzando il minutamente preciso contrasto del flusso immesso. Inoltre, la formazione di vortici nel seno aortico non solo è stata dimostrata nel modello del cuore, ma anche visualizzata con la mappatura della velocità per mezzo della risonanza tridirezionale.13 Senza la formazione di un vortice nel seno aortico, possiamo concepire che, con il sangue che spinge con impeto dal tratto di efflusso del ventricolo sinistro alla velocità da uno a due metri al secondo, le arterie coronarie sarebbero malamente irrorate, come avviene nei casi di grave stenosi aortica (restringimento), dove il flusso di sangue ad alta velocità non consente la formazione dei vortici normali sovravalvolari.
Evidenze di Moto Proprio nell’Adulto

Non solo il flusso di sangue è ben mantenuto nell’embrione prima della formazione delle valvole, non ci sono segnalazioni di adulti in cui entrambe le valvole tricuspide e polmonare infette siano state rimosse chirurgicamente e non sostituite da protesi valvolari, senza problemi significativi14. Werner15 tramite due ecocardiografie bidimensionali ha osservato che le valvole mitrale e aortica erano aperte durante la compressione toracica esterna e che le cavità cardiache erano passive e non cambiavano di dimensione.
Il Vortice Perpetuo nel Ventricolo

La tecnica ampiamente utilizzata della misurazione della gittata cardiaca con il metodo della termodiluizione è piena di deviazioni significative delle singole misurazioni. Questa tecnica si basa sul principio del sangue caldo che viene miscelato con il bolo di soluzione salina fredda nel ventricolo e individuando l’aumento della temperatura della miscela nell’arteria polmonare. Il valore finale viene ottenuto facendo la media dei risultati delle diverse misurazioni.

Misurando la conducibilità elettrica in varie località del ventricolo sinistro di un cane, Irisawa16 non fu in grado di mostrare una miscelazione uniforme della soluzione salina. Le rilevazioni sulla conducibilità hanno mostrato i flussi vorticosi di sangue di diverse concentrazioni saline dentro i ventricoli durante la sistole e la diastole (la fase di dilatazione o di espansione del muscolo cardiaco, che permette alle cavità del cuore di riempirsi di sangue), confermando ulteriormente il concetto dei modelli vorticosi altamente organizzati all’interno delle camere del cuore.

Brecher17 ha condotto un esperimento su un cane che ha evidenziato una regione della continua pressione negativa nel ventricolo osservando il flusso continuo di soluzione di Ringer da un vaso al di fuori del cuore attraverso una cannula posizionata nel ventricolo sinistro attraverso l’atrio del cuore. Questo conferma ulteriormente il nostro concetto della persistenza del vortice nel ventricolo con il suo centro di pressione negativa e il potenziale dell’impulso positivo di pressione nella sua vorticosa periferia per tutto il ciclo cardiaco. Così il cuore come organo minimo funzionale consiste non solo del suo tessuto, ma anche del vortice continuo di sangue, che provvede al vuoto perpetuo nel suo centro che probabilmente aiuta a richiamare indietro nel cuore il sangue dai capillari e dalle vene. La persistenza del vortice spiega agli ingegneri l’anomalia di una presunta pompa che conserva il 40% della sua carica ad ogni espulsione; una pompa dovrebbe espellere quasi il 100% del suo carico. Il concetto di pompa è assurdo, ciò che è presentato qui è geniale. Pettigrew2 ha trovato tre colonne di spirale di sangue nel ventricolo sinistro.
Corpuscoli del Sangue Orbitanti

In contrasto con il profilo della velocità parabolica assunta da sospensioni di particelle di piccole dimensioni sotto pressione in tubi rigidi di piccolo diametro, in un modello di flusso in vivo gli elementi cellulari del sangue si dispongono in modo tale che i più pesanti globuli rossi orbitano più vicini al centro con le più leggere piastrine in orbite più distanti circondate da un rivestimento di plasma alle pareti dei vasi sanguigni. Tale disposizione ordinata di configurazione di particelle del sangue vista in una sezione delle arterie nega un meccanismo di propulsione omnidirezionale per pressione e conferma la premessa vortice/moto.

Si può dimostrare questo fenomeno di differenziazione in termini di massa nel vortice facendo girare liberamente in acqua delle sfere scelte per comodità di stesse dimensioni (3 mm di diametro) e di colore diverso per peso diverso. Si vedrà che le sfere più pesanti orbiteranno più vicino al centro di rotazione. La velocità orbitale del vortice aumenta nella misura in cui le orbite si avvicinano al centro di rotazione. Al contrario, durante il tempo che una coppia di forza viene applicata per ruotare nel recipiente, creando un vortice forzato, tutte le sfere sono costrette a dirigersi verso la periferia, dove le velocità sono più elevate, come in una centrifuga.

Ad ulteriore conferma dell’esistenza in vivo del modello di velocità di un vortice indipendente, abbiamo sondato il flusso di sangue nella carotide posizionandovi un trasduttore Doppler a 900 Hz per rivelare il movimento vorticoso del sangue e elaborato gli echi Doppler attraverso un filtro passa banda variabile cercando modelli di frequenza (velocità) di distribuzione. Abbiamo rilevato echi da raggruppamenti di particelle a frequenze trasdotte da 400 a 650 Hz, da 650 a 900 Hz e inferiori a 200 Hz. Questi tre gruppi indicano tre diverse velocità e regioni orbitali. Osservazioni preliminari indicano una distribuzione altamente ordinata di componenti cellulari e di plasma del sangue.

Inoltre, quando si muovono attraverso le arterie più grandi, i globuli rossi sono in forma toroidale, con la loro massa alla periferia per massimizzare il momento di inerzia, e si presume che ruotino attorno al proprio asse individuale a causa del fenomeno del vorticismo (la creazione di micro-vortici tra gli strati vorticosi nel vortice principale che si muovono a velocità differenti). Così ci si può aspettare di scoprire che i miliardi di globuli rossi in realtà viaggiano nel proprio spazio unico come una prova ulteriore dell’ordine estremo del movimento del sangue.
Il tema ricorrente della Spirale

Il tema della spirale è evidente anche nella forma e nella funzione del cuore e dei vasi sanguigni. La muscolatura del cuore e delle arterie giù fino ai capillari è orientata a spirale, e sia il cuore che le arterie hanno movimento a spirale per aumentare la quantità di moto del sangue2, (18), 19. La letteratura su considerazioni anatomiche e fisiologiche del moto a torsione del cuore e dei vasi è completa ed è stata recentemente rivista2. Il fatto che l’orientamento delle cellule endoteliali arteriose segue da vicino i modelli di flusso del sangue è ben consolidata18, (19).

In un gruppo di pazienti sottoposti a chirurgia ricostruttiva vascolare delle estremità inferiori, Stonebridge e Brophy hanno osservato, con un esame angioscopico diretto, che la superficie interna delle arterie era organizzata in una serie di pieghe a spirale. Hanno osservato che le pieghe si verificano a causa del flusso sanguigno a spirale, che può essere più efficiente, richiedendo meno energia per guidare il sangue attraverso l’affusolato e ramificato sistema arterioso19. Hanno inoltre osservato il sangue vorticante con le fibre ottiche nella regione delle pieghe endoluminali. Riguardo a questo, gli appassionati sanno che le canne di fucile rigate, costringendo la pallottola a ruotare, rendono più stabile la sua traiettoria, e quindi più precisa nel raggiungere il suo bersaglio. Nei vasi il sangue “riga” i suoi condotti proprio allo scopo di rafforzare il suo impulso di torsione. Tuttavia, queste pieghe a spirale non si trovano nelle arterie asportate, sono dinamiche del tessuto vivente.
Conclusioni Fisiologiche

Il movimento autonomo a vortice discusso nel presente documento è inerente al movimento del sangue. Non è un disturbo accidentale locale spesso spiegato come turbolenza o correnti parassite, né un fenomeno localizzato, con un unico scopo funzionale come nella dinamica delle valvole cardiache. Da una visione più ampia si può prevedere che il sangue dovrebbe muoversi così, considerando che i fluidi in natura tendono a muoversi in modo curvilineo, che è il loro percorso con il minimo impiego di energia. L’espressione estrema di questa tendenza nella natura, in termini di ordine, stabilità e minor consumo di energia sono i tornado e le scie dei “jet”.
Potenziali Conseguenze Cliniche

Queste considerazioni dovrebbero favorire una comprensione più rapida del sistema cardiovascolare attraverso un riesame della grande quantità di preziosi dati sperimentali raccolti in tutto il mondo. Dal momento che abbiamo osservato che il sangue ha una forma altamente dinamica e ordinata, e un moto e un orientamento ordinato dei corpuscoli del sangue, dovremmo essere in grado di sviluppare dispositivi e tecniche per rilevare piccole deviazioni da norme di gruppo e singole, e quindi costituire una base per una diagnosi molto precoce delle malattie cardiovascolari, che resta la prima causa di morte negli Stati Uniti. Nuove e più efficaci terapie per le malattie cardiovascolari, si spera, potrebbero anche evolvere da questa nuova prospettiva sulla fisiologia cardiovascolare.
Nota finale

*Il manometro a tubo di Bourdon prende il nome dal suo inventore, Bourdon. Il suo elemento sensibile alla pressione è costituito da un tubo piegato circolarmente che è appiattito per aumentare la sua sensibilità alla pressione. Quando il tubo è sottoposto ad una pressione interna positiva tende a raddrizzarsi; quando è sottoposto ad una pressione interna negativa la curvatura aumenta. La deformazione del tubo è proporzionale alla pressione e viene trasmessa tramite collegamenti e ingranaggi a meccanismi che dirigono una lancetta su una scala graduata per indicare la pressione.
Ringraziamenti

Ringraziamo Larry W. Stephenson, MD, Chief of Cardiothoracic Surgery, Wayne State University School of Medicine e Beverly Rubik, Ph.D., per i loro commenti su questo lavoro.
Documento originale:

The Heart Is Not A Pump
Riferimenti
Borelli, De Motu Animalium. Rome, 1681.
Marinelli, R., Penney, D.G., et al. 1991. Rotary motion in the heart and blood vessels: a review. Journal of Applied Cardiology 6: 421-431.
Berne, R., Levy, M., 1986. Cardiovascular Physiology. St. Louis, MO: C.V. Mossy Co., p. 105.
Rushmer, R.F., D.K. Crystal. 1951. Changes in configuration of the ventricular chambers during cardiac cycle. Circulation 4: 211-218.
Steiner, R., 1990. Psychoanalysis and Spiritual Psychology. Hudson, NY: Anthroposophic Press, p. 126.
Steiner, R., 1920. Spiritual Science and Medicine. London, England: Rudolf Steiner Press, 24-25.
McDonald, D.,1952. The velocity of blood flow in the rabbit aorta studied with high speed cinematography. Journal of Physiology 118: 328-329.
Noble, M.I., 1968. The contribution of blood momentum to left ventricular ejection in dog. Circulation Res. 26: 663-670.
Bremer, J. 1932. Presence and influence of spiral streams in the heart of the chick embryo. American Journal of Anatomy, 49: 409-440.
Manteuffel-Szoege, L., 1969. Remarks on blood flow. J. of Cardiovasc. Surg. 10: 22-30.
Pomerance, A., Davies, M. 1975. Pathology of the Heart London, England: Blackwell Scientific Publications, pp. 538-39.
Taylor, D.E.M., J.D. Wade. 1973. Pattern of blood flow in the heart. Cardiovascular Research 7:14-21.
Kilner P.J., Z. Y. Guang, et al. 1993. Helical and retrograde secondary flow patterns in the aortic arch studied by three-directional magnetic velocity mapping. Circulation 88: 2235-2247.
Arbulu, A., I. Asfaw. 1981. Tricuspid valvulectomy without prosthetic replacement. J. Thorac Cardiovasc Surg 82: 684-691.
Werner, J.A., H.L. Greene, et al. 1981. Visualization of cardiac valve motion in man during external chest compression using two dimensional echocardiography. Circulation 63: 1417-1421.
Irisawa, H., M. F., Wilson, R.F. Rushmer. 1960. Left ventricle as mixing chamber. Circulation Research 8:183-87.
Brecher,G.A. 1956. Experimental evidence of ventricular diastolic suction. Circulation Research 4:513-18.
Lowell, L.B., L.S. Adamson. 1980. Relationship between blood flow direction and endothelial cell orientation at arterial branch sites in rabbits and mice. Circ. Res. 48: 481-488.
Stonebridge, P.A., C. M. Brophy. 1991. Spiral flow in arteries? The Lancet 338:1360-61.



Medicinenon.it e Arnoldehret.it sono due siti di Luciano Gianazza.

Medicinenon.it è da molti anni un punto di riferimento per chi vuole liberarsi della disinformazione e poi acquisire la corretta conoscenza.

ArnoldEhret.it è il sito ufficiale degli insegnamenti di Arnold Ehret, raccolti nei suoi libri, fra i quali Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco è un best seller internazionale. Arnold Ehret ha ritrovato il sentiero, di cui si era persa ogni traccia secoli fa, che porta all'alimentazione naturale dell'Uomo e alla salute perfetta in quanto ripristina la naturale capacità del corpo umano di disintossicarsi da tossine e veleni. In questo mondo avvelenato, il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco fornisce i fondamenti per un'alimentazione e stile di vita che sono essenziali per la buona riuscita dei vari protocolli di disintossicazione.

Tutti i libri originali di Arnold Ehret sono reperibili sul sito www.arnoldehret.it | Libri Luciano Gianazza

Dopo aver sperimentato i benefici degli insegnamenti di Ehret, ho deciso tradurre e pubblicare il suo capolavoro "Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco" per renderne possibile la lettura e la pratica al pubblico italiano. Era il dicembre 2005 e due anni dopo, nel 2007, il libro è stato riveduto e corretto e pubblicato nello stato dell'arte dalla Juppiter Consulting Publishing Co®. Nel 2013 è stata pubblicata la seconda edizione ampliata nella collana Ehretismo®. Nel frattempo l'opera di Arnold Ehret è stata completata con la traduzione e la pubblicazione degli altri suoi 5 libri. Molte persone hanno confermato con i risultati ottenuti mettendo in pratica il “Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco” la validità degli insegnamenti di Ehret.

THE FRENCH CONNECTION – FALSE FLAGS E IL CASO CHARLIE EBDO




Un nuovo anno porta risoluzioni, e per l’establishment, le risoluzioni sono piuttosto chiare: più del solito! Più false flags, più circo mediatico e notizie inscenate, all’infinito, alla nausea. Nel film del 1971 “The French Connection”, l’investigatore di New York “Popeye” Doyle (Gene Hackman) scopre un’operazione di traffico di droga della malavita che implica l’importazione di milioni di dollari in eroina per mezzo di un cartello francese che ha deciso di usare un personaggio dei media come un’inconsapevole facciata.



Oggi, tutti ci siamo resi conto che la pubblicazione satirica Charlie Ebdo è stata attaccata dai terroristi, con Al Qaeda che si prende la responsabilità per l’assassinio di molti personaggi del media. Mentre è forte la tentazione di arenarsi sui dettagli di questa situazione, dobbiamo sempre ricordarci gli schemi similari di eventi del genere nel recente passato che serviranno per far comprendere il più grande contesto di questo nuovo evento all’interno dell’infinita “guerra del terrore”.



 Naturalmente, la prima operazione che torna alla mente è Gladio, la famigerata NATO “sta dietro” alle operazioni in Europa durante la Guerra Fredda che utilizza gli attacchi terroristici e le sparatorie in luoghi pubblici (fra le altre cose) per far ricadere poi la colpa su gruppi socialisti e di sinistra. Pertanto, Gladio  rappresenta la parte cosiddetta “conservativa” delle operazioni di gestione della discussione contro la cosiddetta sinistra. Il caso Aldo Moro in Italia, per esempio, comportò la messa in scena dell’omicidio di un ministro socialista per mano di un fronte marxista creato dalla NATO. Le operazioni NATO/Gladio non sono mai cessate, come possiamo vedere negli stessi schemi al lavoro nei più recenti false flags.



L’intelligence francese lavora a stretto contatto con la NATO e altre agenzie di intelligence occidentali, ed è stata coinvolta nell’addestramento di reparti islamici radicali di Al Qaeda negli attentati per rovesciare Assad, per esempio. Il “Free Syrian Army”, notoriamente, è stato armato e fondato dalle élites delle potenze atlantiche fin dal 2012, quando il CFR ritenne necessario il maggior utilizzo di Al Qaeda e del FSA, fino al 2013, quando abbiamo visto il Senatore John McCain e altri incontrarsi con leaders di Al Qaeda in una nuova veste. Se ripensiamo agli eventi associati con il terrorismo francese ed europeo, le immagini convergono.



Nel 1995, Rachid Ramda, un membro delle organizzazioni islamiche radicali prevedibilmente chiamate “Islamic Salvation Front” e “Armed Islamic Goup”, hanno piazzato delle bombe nella metropolitana francese RER, uccidendo 8 persone. D’accordo con un’intervista con Liberacion.fr, Ramda parlò del suo passato coinvolgimento con le occidentali NGOs e Medici Senza Frontiere – entrambe classiche coperture di intelligence, facendo sorgere dubbi sul racconto ufficiale di Ramda come il tipico fondamentalista che finge di sostenere le così tante storie di terrore da parte dei principali media. Questo evento ricorda le affiliazioni NGO dei video delle vittime del cosiddetto ISIS, oltre a Tamerlan Tsarnaev.



Nel 2004, abbiamo visto un similare fiasco dei media con la provocazione stile agitprop (propaganda comunista espressa attraverso le arti) delle caricature di Mohammed nel film “Submission: Part I” del regista olandese Theo van Gogh’s, che portò alla morte per rappresaglia di van Gogh’s. E’ stata la conseguenza di un violento pareggio, con una cellula terroristica in The Hague. In seguito, nel periodo 2005-2010 abbiamo visto i giornali danesi creare una soap opera scandalosa con molte derisioni di Mohammed nel giornale Jyllands-Posten. Ci siamo anche ricordati della sospetta associazione del film “Mohammed” dell’attentato all’establishment occidentale che si collega al caso Benghazi che, curiosamente, è avvenuto nell’anniversario dell’11 settembre nel 2012. L’ex agente CIA Claire Lopez denunciò diversi dettagli estremamente sospetti riguardo a Benghazi che suggeriscono un false flag, come ad esempio il trasferimento di armi ad Al Qaeda in Libia, oltre alla sicurezza per la struttura data in appalto a Blue Mountain, un gruppo con legami di fratellanza musulmana.



A mio avviso, gli attacchi di ieri assomigliano all’attacco di Anders Breivik del 2011 che, stando a quel che si dice, vide coinvolto un terrorismo “di destra”  che ha architettato il massacro della Norvegia. Tuttavia, come spesso succede, Breivik ebbe svariati legami di establishment con le operazioni di intelligence occidentali, e dichiarò di essere un “Templare”, fornendo indizi di coinvolgimento massonico. Il richiamo alla mente di Breivik è dovuto alle strane connessioni di Francois Hollande con la Massoneria del Grande Oriente, un’estremistica, di sinistra, socialista e ateistica versione della Massoneria che è esistita in Francia dai tempi dei Giacobini e della Rivoluzione Francese. La cerchia di Holland è anche composta da membri del Biderberg Group, come Manuel Valls.

Breivik ha anche avuto un “manifesto” preconfezionato che apparve online, che porta ad ipotesi circa i suo i notevoli elementi di imitazione dal precedente “solitario fanatico” manifesto, come ad esempio il soggetto del testo MK ULTRA, il “Unabomber” Ted Kaczynski.

Breivik sembra essere una versione europea “di destra” del terrorismo islamico radicale capro espiatorio, mentre sopra questi inganni ci sono le agenzie di intelligence e le società segrete, loro stessi subordinati alle potenti entità internazionali come il Bilderberg e le banche.



Quello che comincia ad emergere è un consistente modello di agenzie di intelligence intrecciate ed interconnesse al livello di “eventi di terrorismo”, come ad esempio le loro attività che servono tutte lo stesso establishment posto al vertice. Quando consideriamo l’intelligence francese, le impronte digitali non sono diverse, così come l’intelligence francese ha avuto una lunga storia di false flags e oscuri rapporti  insieme alla loro controparte occidentale nella NATO. La Francia ha favorito l’addestramento dei ribelli collegati ad Al Qaeda insieme alle forze US e British in Giordania, per lungo tempo uno stato-marionetta della CIA.

Le armi e i pirati del deserto sono un punto fermo per le agenzie di intelligence occidentali che hanno bisogno di distrazioni o vogliono aumentare il teatro del terrore/sicurezza finalizzato ad dare la colpa per l’ennesima volta alla Siria e Assad, e per estensione, intromettersi in Russia.



L’intelligence francese pare abbia anche giocato un ruolo nell’assassinio di Diana secondo Gordon Thomas, nel suo libro Gideon’s Spies, il quale sostiene che  Henri Paul fosse manipolato dal Mossad per spiare Diana ma, in sostanza, il suo travagliato decesso è avvenuto in circostanze discutibili che portano al MI6 e all’intelligence francese. E’ risaputo che il MI6 era “in città” e i soldati della SAS possono essere stati i colpevoli.



Allo stesso modo, anche la sparatoria del 2014 in Canada ha gli stessi elementi tipici dei false flags, portandoci a chiedere – con così tante recenti sparatorie nelle quali sembra di individuare schemi similari, come i dettagli emersi dall’odierno caso Charlie Ebdo, probabilmente noteremo che le stesse connessioni diventano evidenti. Non dimentichiamoci anche l’assedio di Toulouse del 2012 e gli omicidi nella sinagoga che ancora coinvolgono un altro individuo, Mohamed Merah, che aveva precedenti penali piuttosto pesanti, proprio come lo sceicco pazzo dell’assedio di Sydney.



Già, ci sono elementi discutibili sui presunti video che sono passati sui principali media, dall’uomo in cima al palazzo che indossava un giubbotto antiproiettile come succede nella sparatoria presumibilmente in diretta nelle strade, al notevole vuoto di queste strade in pieno giorno. Ci sono anche discrepanze negli altri video che riguardano la sparatoria e le balistiche del tipo di pallottola, come l’agenzia di stampa 21st Century ha fatto notare.

Lo stesso Charlie Ebdo sembra che abbia pubblicato in anticipo quello che è successo, insinuando l’influenza dell’intelligence. I tiratori sembra anche che fossero a conoscenza dei dettagli riguardo al palazzo, a che ora si teneva il meeting settimanale, e come entrare nel palazzo, oltre a parlare un francese fluente e dimostrando un addestramento militare occidentale, che è strano per “Yemeni Al Qaeda” che i principali media hanno già definito come delinquenti. Oltre a questo, la Francia ha lavorato sul nuovo terrore inculcato per ampliare il teatro della sicurezza, e a questo proposito, le esercitazioni “domestiche” come motivo di copertura possono essere presenti.

Riassumendo, notiamo che il terrorismo europeo, e in particolare, gli eventi terroristici che vedono il coinvolgimento in qualche modo della Francia, mostrano tutti gli stessi schemi e il potere delle black op atlantiche, operazioni di blocco politico che sono state operative fin dai tempi della Guerra Fredda e di Gladio. Man mano che emergono nuovi dettagli, un chiaro disegno prende forma circa il nuovo assedio, ma sono fiducioso sul fatto che possiamo aspettarci tutti gli stessi delinquenti e lo stesso cast di personaggi che recitano come in uno spettacolo di varietà che è la guerra globale al terrorismo. Il piano della strategia della tensione del neocon establishment si è a lungo schierato per uno "scontro di culture" fra gli stati "Giudaico-Cristiani" e la cultura islamica per destabilizzare e ricostituire il Medio Oriente sulla lunga marcia verso il grande gioco del Fabian Inglese di governo tecnocratico globale.


Traduzione: Nadia Baldi