mercoledì 2 settembre 2015

LE DIFFERENTI TIPOLOGIE DI ESSERI UMANI "QUELLI CHE VEDONO E GLI ZOMBIES"




Ci sono tre tipi di persone: quelli che vedono, quelli che vedono quel che altri quando qualcuno gli mostra cosa vedere e quelli che non vedono affatto.
Leonardo da Vinci

Ci sono tre tipi di persone: quelli che fanno accadere le cose, coloro che le guardano accadere, e quelli che si chiedono cosa succede."
Tony Robbins

Non basta guardare,bisogna guardare con gli occhi che vogliono vedere.
Galileo Galilei

La visione deve essere ascoltata, piuttosto che guardata.
Don Juan Matus


Gnosticismo, la suddivisione dell’umanità in ilici, psichici e pneumatici

Lo gnosticismo suddivide l’essere umano in 3 categorie: ilici, psichici, pneumatici.
Tale suddivisione è stata espressa, osservando l’interagire che l’uomo ha con sé stesso, con il mondo esterno, il modo di interpretarlo e la sua percezione dello spirito.
Infatti l’uomo in vita si relaziona con la materia e il proprio corpo (ilico) con il pensiero, le sensazioni e le emozioni, quindi con la sua mente e il suo cuore (psichico) e raramente quando se ne accorge per mezzo dell’intuito con lo spirito (penumatico).
L’essere umano non essendo aiutato ed educato fin da piccolo a conoscersi, generalmente sviluppa in modo disequilibrato, una di queste tre caratteristiche per relazionarsi con sé stesso e con il mondo, a discapito delle altre.
Secondo la tradizione gnostica antica, il grado di evoluzione dell’uomo è basato sulla capacità di percezione e il modo di relazionarsi che esso ha con la realtà interna ed esterna a sé stesso.


Ilici
Dal greco hyle (materia), sono le persone che percepiscono e si rapportano solo con la materia. Per loro esiste solo ciò che vedono e toccano. Essi sono dominati dagli istinti legati alla materia, per loro la vita è un questione di soldi, sesso e potere niente di più, quindi ogni loro pensiero e azione sono condizionati da questi tre elementi.
A causa di questi attaccamenti alla materia, gli ilici sono sordi ad ogni richiamo della divinità.

Psichici
Dal greco psyché (anima), sono gli uomini che percepisco e si rapportano con il mondo attraverso la mente e il cuore (sentimento, sensazioni ed emozioni). Essi intuiscono che vi è qualcosa oltre la materia, ma sono in costante attrito tra gli istinti che li legano alla materia e la percezione dello spirito. E’ grazie a questo attrito che emergono i corpi sottili dell’uomo, il quale attraverso pratiche ed osservazioni comprende il loro funzionamento, cercando durante la vita di dominare gli istinti che lo legano alla materia per liberarsi dagli attaccamenti. E’ compito dello psichico aumentare la propria vibrazione interna sciogliendo gli attriti, gli attaccamenti e gli inganni della dualità per diventare penumatico e incontre il la fonte divina.

Pneumatici
Dal greco πνεῦμα (pneuma) che si gnifica spirito. I pneumtici sono rari inidividui in contatto con la fonte divina (pleroma). Essi sono veri uomini liberi, poichè liberi da ogni condizionamento e non assoggettati a nessuna regola civile o forma di potere. I pneumatici sono uomini che hanno raggiunto l’unità e sono in contatto costante con lo spirito che permea ogni cosa, infatti non sentono più alcuna separazione tra loro e il mondo esterno, essi si sentono parte della totalità del creato percependola in sé stessi e in ogni cosa.
http://www.libero-arbitrio.it/spiritualita/gnosticismo-significato-gnosi/

La stragrande parte dell’umanità è costituita dagli Ilici (Hyle = terra).


Osservando le astuzie dell’importanza personale ed il modo omogeneo con cui contamina assolutamente tutti, i veggenti hanno diviso gli esseri umani in tre categorie: le orine, le scorregge e i vomiti. Tutti noi entriamo in una di queste.

Le orine sono caratterizzate dal loro servilismo; sono adulatori, appiccicosi e stucchevoli. E’ il tipo di gente che vuole sempre farti un favore, si prendono cura di te, ti anticipano, ti viziano; hanno tanta compassione! Ma in questo modo mascherano la verità che non hanno iniziativa propria e da soli non arrivano mai a niente.

Hanno bisogno del comando di qualcun altro per sentire che stanno facendo qualcosa. E, per loro sfortuna, danno per scontato che gli altri siano amabili come loro; perciò sono sempre dispiaciuti, delusi e piagnucolosi.

Le scorregge invece sono l’estremo opposto. Irritanti, meschini e autosufficienti, costantemente si impongono e interferiscono. Una volta che ti hanno preso non ti lasciano in pace. Sono le persone più sgradevoli che tu possa incontrare. Se sei tranquillo, arriva la scorreggia e ti avvolge nel suo tira e molla, ti usa più che può. Hanno un talento naturale per essere maestri e leaders dell’umanità. Sono di quelli che uccidono per conservare il potere.

I vomiti si situano tra queste due categorie. Neutrali, non si impongono né si lasciano guidare. Sono presuntuosi, esagerati ed esibizionisti. Danno l’impressione di essere chissà che cosa, ma non sono niente. E’ tutta vanità. Sono caricature di persone che credono troppo in sé stesse, ma se non gli si presta attenzione, si sciolgono nella loro insignificanza.

Armando Torres - Incontri Con Il Nagual, Conversazioni Con Carlos Castaneda
http://fuoridimatrix.blogspot.it/2014/05/limportanza-personale-e-lamor-proprio.html


"Don Juan aveva l'impressione che la forma energetica continuasse a trasformarsi nel tempo. Ogni veggente di sua conoscenza, lui incluso, vedeva che gli esseri umani aveva una forma che somigliava più a una palla o perfino ad una lapide mortuaria che ad un uovo. Ma, di tanto in tanto, e per motivi a loro ignoti, gli stregoni vedono qualcuno la cui energia è a forma di uovo. queste persone che hanno forma d'uovo, secondo don Juan, sono più affini alle persone vissute nei tempi antichi".
-Carlos Castaneda, L'Arte di Sognare


Possiamo dire, senza alcuna esagerazione, che tutte le differenze che si notano tra gli uomini si possono riportare a differenze nei livelli di coscienza dei loro atti.
Tutta la nostra visione del mondo cambia in relazione al nostro livello di consapevolezza.
Piu' alto esso e', piu' la comprensione del mondo e' vasta, piu' e' basso piu' essa scende fino al punto dell'identificazione, che vuol dire essere completamente focalizzati solo su una cosa; il massimo della limitazione percettiva.
Gurdjieff

La morte è l'ignoranza della vita: quanti uomini morti si aggirano tra i viventi.
Pitagora.


ESSI VIVONO NOI DORMIAMO (VIDEO)



https://www.youtube.com/watch?v=gMlDx6Jk_Ws

 "Seguimi e lascia che i morti seppelliscano i loro morti” 
(Mt 8,22)

Nessun commento:

Posta un commento