martedì 29 dicembre 2015

IL VANGELO ESSENO DELLA PACE



Foto Web https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/e7/99/83/e799835561909df5068c0131f4918105.jpg
Il Vangelo esseno della pace

E allora molti malati e storpi vennero da Gesù, chiedendogli: «Se tu conosci tutte le cose, dicci perché soffriamo questi dolorosi tormenti, perché non siamo come tutti gli altri uomini?

Maestro risanaci, rendici forti, non lasciarci più vivere nella nostra miseria.

Sappiamo che hai il potere di sanare ogni specie di male, dunque liberaci da Satana e da tutte le sue grandi afflizioni. Maestro abbi compassione di noi».
E Gesù rispose: «Felici voi che siete affamati di verità, perché io vi sazierò con il pane della saggezza.
Felici voi che bussate alla mia porta, perché vi aprirò la porta della vita; Felici voi che volete sottrarvi al potere di Satana, perché vi condurrò nel regno degli angeli di nostra Madre, dove il potere di Satana non può entrare».
Ed essi chiesero sorpresi: «Chi è nostra Madre, e quali sono i suoi angeli? dov'è il suo regno?».
«Vostra Madre è in voi e voi siete in lei. Lei vi ha generato, lei vi dà la vita. Fu lei a edificare il vostro corpo e un giorno lo restituirete a lei.
Sarete felici quando conoscerete lei e il suo regno e accoglierete i suoi angeli rispettando le sue Leggi. lo vi dico in verità, chi farà questo non vedrà malattia. Perché il potere di nostra Madre è al di sopra di tutto, esso, governando i nostri corpi e tutte le cose viventi, annienta Satana e il suo regno.
Il sangue che scorre in noi è nato dal sangue di nostra Madre Terra.
Da quel suo sangue che scende dalle nuvole, scaturisce dal suo grembo, mormora nei ruscelli di montagna, scorre ampio nei fiumi della pianura, riposa nei laghi, infuria possente nei mari in tempesta.
L'aria che respiriamo è nata dal respiro di nostra Madre Terra. Da quel suo respiro che è azzurro nelle altezze dei cielo, sussurra sulle vette delle montagne, bisbiglia tra le foglie della foresta, ondeggia nei campi di mais, sonnecchia in fondo alle vallate e brucia nel deserto.
La durezza delle nostre ossa è nata dalle ossa di nostra Madre Terra. Da quelle rocce e quelle pietre che s'innalzano spoglie verso i cieli sulle sommità delle montagne, che sono come giganti addormentati ai fianchi delle alture e che, come monumenti posti nel deserto, sono nascoste nelle profondità della terra.
La tenerezza della nostra carne è nata dalla carne di nostra Madre Terra. Da quella sua carne che cresce gialla e rossa nei frutti degli alberi e ci alimenta dai solchi dei campi.
Le nostre viscere sono nate dalle viscere di nostra Madre Terra e sono nascoste ai nostri occhi come le profondità invisibili della terra.
La luce dei nostri occhi e l'udito dei nostri orecchi sono nati entrambi dai colori e dai suoni di nostra Madre Terra, che ci circondano come le onde dei mare circondano un pesce e come il soffio dei vento circonda un uccello.
Vi dico, in verità, che l'uomo è Figlio di Madre Terra e da lei il Figlio dell'Uomo riceve tutto il suo corpo, proprio come il corpo di un neonato è generato dal grembo di sua madre.
Vi dico, in verità, che voi siete tutt'uno con Madre Terra, lei è in voi e voi siete in lei. Siete nati da lei, vivete in lei e tornerete a lei.
Rispettate dunque le sue leggi, perché nessuno può vivere a lungo né essere felice se non onora sua Madre Terra rispettando le sue leggi.
Perché il vostro respiro è il suo respiro; il vostro sangue è il suo sangue; le vostre ossa sono le sue ossa; la vostra carne è la sua carne; le vostre viscere sono le sue viscere; i vostri occhi e i vostri orecchi sono i suoi occhi e i suoi orecchi.
lo vi dico, in verità, che se mancherete di osservare una sola delle sue leggi e se danneggerete un solo membro dei vostro corpo, allora sarete totalmente persi nei vostri dolorosi tormenti e ci saranno pianto e stridore di denti.
lo vi dico, che se non rispetterete le leggi di vostra Madre voi non sfuggirete alla morte; ma colui che sarà fedele alle leggi di sua Madre godrà della fedeltà di sua Madre verso di lui.
E lei guarirà tutte le sue ferite e lui non si ammalerà mai. Lei gli darà lunga vita proteggendolo da tutte le afflizioni; dal fuoco, dall'acqua e dal morso dei serpenti velenosi. Perché nostra Madre ci ha dato la vita e ce la conserva. Lei ci ha dato il nostro corpo e nessuno, se non lei, lo risanerà.
Chi ama sua madre e dimora vicino al suo seno sarà felice.
Perché nostra Madre ci ama anche quando ci allontaniamo da lei; e quanto più ci amerà quando ritorneremo a lei?
lo vi dico, in verità, che il suo amore è immenso, è più grande delle più grandi montagne e più profondo dei mari più profondi. E lei non abbandonerà mai coloro che la amano. Come la chioccia protegge i suoi pulcini, la leonessa i suoi leoncini e la madre il suo neonato, così Madre Terra protegge il Figlio dell'uomo da tutti i pericoli e da tutti i mali.
Perché vi dico, in verità, che mali e pericoli innumerevoli attendono i Figli degli Uomini. Belzebù, principe di tutti i demoni e fonte di ogni male, è in agguato nel corpo di tutti i Figli degli Uomini.
Egli è morte, è signore di ogni male e, camuffato da un aspetto seducente, tenta e insidia i Figli degli Uomini. Egli promette ricchezze e potere, palazzi splendidi, ornamenti d'oro e d'argento e una moltitudine di servi; promette celebrità e gloria, fornicazione e libidine, ingordigia e grandi bevute di vino; promette una vita dissoluta, pigra e frivola, seducendo ognuno con ciò a cui è più incline.
E quando i Figli degli Uomini saranno diventati schiavi di tutte queste vanità e abominazioni allora, in pagamento di ciò, egli carpirà loro tutto ciò che Madre Terra aveva fornito loro in abbondanza: il loro respiro, il loro sangue, le loro ossa, la loro carne, le loro viscere, i loro occhi e orecchi. E il respiro dei Figlio dell'Uomo diventerà corto e soffocato, affannoso e maleodorante come quello delle bestie impure.
E il suo sangue diventerà torbido e fetido come l'acqua dei pantani e si raggrumerà oscurandosi come la notte della morte.
E le sue ossa diventeranno rigide e nodose, gli si accorceranno e si spaccheranno come ciotoli che cadono sulla roccia.
E la sua carne ingrasserà, si annacquerà, si corromperà e marcirà generando croste e foruncoli abominevoli. E le sue viscere si riempiranno di sporcizia ripugnante e coleranno rivoli di putrefazione; e moltitudini di vermi abominevoli ne faranno la loro abitazione. E i suoi occhi si indeboliranno progressivamente fino a che saranno circondati completamente dalla oscura notte; e i suoi orecchi si ottureranno, generando un silenzio di tomba. E infine il Figlio dell'Uomo che avrà errato perderà la vita. Perché egli, non rispettando le leggi di sua Madre, accumula peccati su peccati.
Quindi gli saranno ritirati tutti i doni di Madre Terra: il respiro, il sangue, le ossa, la carne, le viscere, gli occhi, gli orecchi e infine la vita con la quale Madre Terra aveva coronato il suo corpo.
Ma se il Figlio dell'Uomo che avrà errato correggerà i suoi peccati tornando a Madre Terra, osserverà le sue leggi e si libererà dalle grinfie di Satana resistendo alle sue tentazioni, allora Madre Terra accoglierà il suo Figlio peccatore con nuovo amore. e gli manderà i suoi angeli affinché lo servano. lo vi dico, in verità, che quando il Figlio dell'Uomo resisterà a quel Satana che dimora in lui e si ribellerà al suo volere, in quello stesso momento compariranno al suo fianco gli angeli di sua Madre i quali, sostenendolo con tutto il loro potere, lo libereranno completamente dal potere di Satana.
Perché nessun uomo può servire due padroni, o serve Belzebù e i suoi demoni o serve nostra Madre Terra e i suoi angeli. 0 l'uno o l'altro; o serve la morte o serve la vita. lo vi dico, in verità, che quanti rispetteranno le leggi della vita senza deviare verso i sentieri della morte saranno felici. Perché in loro si accresceranno le forze della vita ed essi sfuggiranno alle afflizioni della morte».
E intorno a lui tutti ascoltavano meravigliati, perché le sue parole erano cariche di potere ed egli insegnava in maniera diversa dagli scribi e dai sacerdoti.
E, malgrado il sole fosse già tramontato, essi non tornavano alle loro case ma, sedendosi intorno a Gesù, chiesero: «Maestro quali sono queste leggi della vita? resta ancora con noi, spiegacele. Vogliamo ascoltare il tuo insegnamento per guarire e diventare giusti».
E Gesù, sedendosi tra di loro, continuò: «Vi dico, in verità, che nessuno può essere felice se non rispetta la legge». E quelli risposero: «Ma noi tutti rispettiamo le leggi di Mosè, il nostro legislatore, così come sono riportate nelle sacre scritture».
E Gesù riprese: «Non cercate la legge nelle vostre scritture, perché la legge è vita mentre la scrittura è cosa morta. Vi dico, in verità, che Mosè ricevette le sue leggi da Dio non in forma scritta ma attraverso la parola vivente.
La legge è la parola viva dei Dio vivente, è rivolta ai profeti vivi ed è indirizzata agli uomini viventi. La legge è scritta in tutto ciò che vive, la ritroviamo nell'erba, nell'albero, nel fiume, nella montagna, negli uccelli del cielo e nei pesci dei mare; ma dobbiamo cercarla soprattutto in noi stessi perché vi dico, in verità, che a Dio si avvicinano più le cose viventi che non la scrittura, che è priva di vita. Dio creò tutte le cose viventi affinché esse attraverso una parola sempre viva possano insegnare all'uomo le leggi del Dio vero.
Dio non scrisse le sue leggi sulle pagine dei libri ma nel nostro cuore e nel nostro spirito. Esse sono nel nostro respiro, nel nostro sangue, nelle nostre ossa, nella nostra carne, nelle nostre viscere, nei nostri occhi, nei nostri orecchi e in ogni particella del nostro corpo.
Esse sono presenti nell'aria, nell'acqua, nella terra, nelle piante, nei raggi del sole, nelle profondità e nelle altezze. Tutte queste cose vi parlano per farvi comprendere il linguaggio e la volontà del Dio vivente. Ma voi chiudete gli occhi per non vedere e,vi otturate le orecchie per non sentire. lo vi dico, in verità, che mentre la scrittura è opera dell'uomo, la vita e tutte le sue schiere sono opera del nostro Dio. Perché dunque non ascoltare la parola di Dio scritta nelle sue opere? e perché studiare le scritture morte, che sono il lavoro delle mani dell'uomo?».
«Come potremo leggere le leggi di Dio se non nelle scritture? dove sono scritte? leggicele tu, perché noi sappiamo leggere soltanto le scritture che abbiamo ereditato dai nostri avi. Spiegaci di quali leggi parli affinché, ascoltandoti, noi possiamo guarire e diventare giusti».
E Gesù proseguì: «Voi non comprendete le parole della vita perché siete nella morte. Le tenebre oscurano i vostri occhi e le vostre orecchie sono sorde. Perciò vi dico che non trarrete alcun beneficio dallo studio delle scritture morte se con le vostre azioni rinnegherete colui che vi ha dato quelle scritture.
lo vi dico, in verità, che Dio e le sue leggi non sono in ciò che fate; non sono nell'ingordigia e nelle sbronze, né nel vivere sregolati e nella libidine, non sono nella brama di ricchezze né nell'odio verso i vostri nemici. Poi che tutto ciò è lontano dal vero Dio e dai suoi angeli; tutto ciò proviene dal regno delle tenebre e dal signore di tutti i mali.
E tutte queste cose le portate in voi stessi, perciò la parola e il potere di Dio non entrano in voi, perché nel vostro corpo e nel vostro spirito dimorano ogni sorta di male e ogni genere di abominazione. Dunque se volete che la parola dei Dio vivente e il suo potere entrino in voi non contaminate il vostro corpo e il vostro spirito; perché il corpo è il tempio dello spirito e lo spirito è il tempio di Dio. Purificate quindi il tempio, affinché il suo Signore possa dimorarvi occupando un posto degno di lui.
E per proteggervi dalle tentazioni dei corpo e dello spirito provenienti da Satana riparatevi sotto il mantello celeste di Dio.
Rinnovate voi stessi e digiunate perché vi dico, in verità, che Satana e le sue afflizioni possono essere allontanati soltanto dal digiuno e dalla preghiera. Andate soli e digiunate non mostrando a nessuno il vostro digiuno. Il Dio vivente vedrà e la sua ricompensa sarà grande.
E digiunate fino a che Belzebù e tutti i suoi mali vi avranno lasciato e fino a che vi avranno raggiunto tutti gli angeli di nostra Madre Terra per servirvi.
Perché vi dico, in verità, che se non digiunerete non vi liberete mai da Satana e da tutti i malanni provocati da lui; digiunate e pregate con fervore cercando la guarigione attraverso il potere dei Dio vivente.
E quando digiunate evitate i Figli degli Uomini e cercate gli angeli di nostra Madre Terra, perché chi cerca troverà.
Cercate l'aria fresca della foresta e dei campi e là troverete l'angelo dell'aria. Toglietevi scarpe e vestiti sopportando in tutto il vostro corpo I'abbraccio dell'angelo dell'aria. Quindi respirate a lungo e profondamente, affinché l'angelo dell'aria possa entrare dentro di voi.
lo vi dico, in verità, che l'angelo dell'aria allontanerà dal vostro corpo tutte le sporcizie che lo contaminano sia esternamente che internamente. E così tutte le cose impure e maleodoranti si allontaneranno da voi come il fumo delle fiamme si solleva e si disperde nel mare dell'aria.
Poi che vi dico, in verità, che l'angelo dell'aria è santo perché pulisce tutte le cose sporche e dona un odore gradevole a tutte le cose maleodoranti. Nessun uomo può avvicinarsi a Dio se l'angelo dell'aria non lo lascia passare. Dobbiamo veramente rinascere tutti dall'aria e dalla verità perché il nostro corpo respira l'aria di Madre Terra mentre il nostro spirito respira la verità dei Padre Celeste.
«E dopo l'angelo dell'aria cercate l'angelo dell'acqua. Toglietevi scarpe e vestiti sopportando in tutto il vostro corpo l'abbraccio dell'angelo dell'acqua. Abbandonatevi completamente tra le sue braccia accoglienti e con lo stesso ritmo con cui muovete l'aria con il respiro muovete anche l'acqua con il corpo. lo vi dico, in verità, che l'angelo dell'acqua allontanerà dal vostro corpo tutte le sporcizie che lo contaminano dentro e fuori.
E tutte le cose impure e maleodoranti scorreranno via da voi, proprio come le sporcizie dei vestiti lavati in acqua svaniscono disperdendosi nella corrente dei fiume. Vi dico, in verità, che l'angelo dell'acqua è santo perché pulisce tutto ciò che è sporco e dona un odore gradevole a tutte le cose maleodoranti. Nessun uomo può avvicinarsi a Dio se l'angelo dell'acqua non lo lascia passare. Dobbiamo veramente rinascere tutti dall'acqua e dalla verità, perché il nostro corpo si bagna nel fiume della vita terrena mentre il nostro spirito si bagna nel fiume della vita eterna. Poi che da Madre Terra riceviamo il nostro sangue e dal Padre Celeste riceviamo la verità.
«E non pensate che sia sufficiente che l'angelo dell'acqua abbracci il vostro corpo solo esternamente. Vi dico, in verità, che l'impurità dentro di voi è molto più grande dell'impurità esterna; e chi si pulisce fuori e resta sporco dentro è simile alle tombe, che fuori appaiono bene imbiancate ma dentro sono piene di ogni sorta di orrida sporcizia e abominazione. Perciò vi dico, in verità, sopportate il battesimo dell'angelo dell'acqua anche dentro di voi, affinché possiate liberarvi di tutti i vostri peccati passati e affinché anche internamente possiate diventare puri come la spuma dei fiume che gioca nel sole.
Cercate dunque una zucca rampicante che abbia lo stelo della lunghezza di un uomo; svuotatela dei contenuto e riempitela con l'acqua dei fiume scaldata dal sole. Appendetela al ramo di un albero e fate entrare l'estremità dello stelo della zucca nella vostra zona anale in modo che l'acqua possa scorrere in tutte le vostre viscere.
Poi inginocchiatevi dinanzi all'angelo dell'acqua e pregate il Dio vivente affinché perdoni tutti i vostri peccati passati; quindi pregate l'angelo dell'acqua affinché liberi il vostro corpo da tutte le impurità e le malattie. Infine lasciate defluire l'acqua dal vostro corpo affinché trascini fuori tutte le maleodoranti sporcizie di Satana. E voi vedrete con i vostri occhi e annuserete con il vostro naso le sozzure e le abominazioni che contaminavano il tempio dei vostro corpo, come pure tutti i peccati che dimoravano in esso, tormentandovi con ogni sorta di dolore.
Vi dico, in verità, che il battesimo dell'acqua vi libererà da tutto ciò. Dunque, durante il vostro digiuno, rinnovate ogni giorno il battesimo dell'acqua fino al giorno in cui vedrete scaturire dal vostro corpo un'acqua pura come la spuma dei fiume. Allora tuffatevi nella corrente dei fiume e là, tra le braccia dell'angelo dell'acqua, rendete grazie al Dio vivente per avervi liberato dai vostri peccati.
E, grazie a questo santo battesimo con l'angelo dell'acqua, voi rinascerete a nuova vita perché da allora in poi i vostri occhi vedranno e le vostre orecchie sentiranno. E dopo il vostro battesimo non peccate più, affinché gli angeli dell'aria e dell'acqua possano dimorare eternamente in voi e servirvi per sempre.
E in seguito, se dovesse restare in voi qualche traccia dei vostri peccati passati o qualche impurità, cercate l'angelo della luce dei sole. Toglietevi scarpe e vestiti e sopportate in tutto il vostro corpo l'abbraccio dell'angelo dei sole. Poi respirate lungamente e profondamente affinché l'angelo dei sole acceda anche dentro di voi.
E l'angelo della luce dei sole allontanerà dal vostro corpo tutte le cose sporche e maleodoranti che lo contaminavano dentro e fuori. E tutte le cose fetide e tutte le sporcizie scompariranno da voi, come le tenebre della notte svaniscono davanti allo splendore dei sole nascente. Poi che vi dico, in verità, che l'angelo della luce dei sole è santo perché pulisce tutte le cose sporche e dona un odore gradevole a tutte le cose maleodoranti. Nessuno può avvicinarsi a Dio se l'angelo dei sole non lo lascerà passare.
Dobbiamo veramente rinascere tutti dal sole e dalla verità, perché il nostro corpo si riscalda alla luce dei sole di Madre Terra mentre il nostro spirito si riscalda alla luce di verità dei Padre Celeste.
Gli angeli dell'aria, dell'acqua e della luce dei sole sono fratelli. Essi sono dati al Figlio dell'Uomo perché lo servano e affinché egli possa andare sempre da uno all'altro.
Quindi il loro abbraccio è santo. Essi sono figli indivisibili di Madre Terra, non separate dunque ciò che terra e cielo hanno unito. Fate in modo che questi tre angeli vi abbraccino ogni giorno e fateli restare con voi durante tutto il vostro digiuno.
Perché vi, dico, in verità, che il potere dei demoni, tutti i peccati e tutte le impurità si allontaneranno in fretta da un corpo tutelato da questi tre angeli. Tutti i demoni maligni, tutti i peccati passati, tutte le impurità e le malattie che contaminano il tempio dei vostro corpo fuggiranno da voi come ladri che abbandonano una casa incustodita all'arrivo dei padrone, uno dalla porta, uno dalla finestra e un terzo dal tetto, ognuno da dove si trova e come può. Quando gli angeli di Madre Terra entreranno nei vostri corpi, facendo in modo che il padrone dei tempio ne rientri in possesso, allora tutti i cattivi odori e le acque corrotte si allontaneranno in fretta attraverso il vostro respiro, la vostra pelle, la vostra bocca e attraverso le vostre parti intime e private. E voi queste cose le vedrete con i vostri occhi, le annuserete con il vostro naso e le toccherete con le vostre mani.
E quando tutti i peccati e tutte le impurità si saranno allontanate dal vostro corpo il vostro sangue diventerà puro come il sangue di nostra Madre Terra e come la spuma dei fiume che gioca alla luce dei sole. E il vostro respiro diventerà puro come l'alito dei fiori profumati; la vostra carne diventerà pura come la polpa dei frutti che rosseggia tra le foglie degli alberi, la luce dei vostri occhi diventerà chiara e luminosa come il sole che splende nel cielo sereno. E allora tutti gli angeli di Madre Terra vi serviranno. E il vostro respiro, il vostro sangue e la vostra carne diventeranno tutt'uno con il respiro, il sangue e la carne di madre Terra, affinché anche il vostro spirito possa diventare tutt'uno con lo spirito dei Padre celeste. Perché in verità, nessuno può arrivare al Padre Celeste se non attraverso Madre Terra; così come nessun neonato può comprendere l'insegnamento dei padre prima che sua madre l'abbia allattato, curato, lavato, cullato e allevato. Finché il bimbo è piccolo il suo posto è con sua madre e dovrà ubbidire a lei. Ma quando sarà cresciuto il padre lo porterà con sé a lavorare nei campi e il bambino tornerà da sua madre solo all'ora di pranzo e di cena. E suo padre lo istruirà al fine di renderlo esperto nel suo lavoro. E quando il padre vedrà che il figlio comprende le sue istruzioni e fa bene il suo lavoro gli affiderà tutte le sue proprietà, in modo che esse appartengano al suo figlio diletto e affi
nché il figlio possa continuare il lavoro di suo padre. lo vi dico, in verità, che il figlio che accetta e segue il consiglio di sua madre sarà felice. E cento volte di più sarà felice quel figlio che accetta e segue anche il consiglio di suo padre, perché vi è stato detto: «Onorate il padre e la madre affinché i vostri giorni sulla terra siano lunghi». Ma io, Figli degli Uomini, vi dico: «Onorate Madre Terra e rispettate le sue leggi affinché i vostri giorni su questa terra siano lunghi e onorate il Padre Celeste affinché possiate ottenere la vita eterna nei cieli».
Perché il Padre Celeste è centinaia di volte più grande di tutti i padri di seme e di sangue e Madre Terra è più grande di tutte le madri dei corpo. E il Figlio dell'Uomo è, agli occhi dei suo Padre Celeste e di sua Madre Terra, più caro di quanto siano cari i bambini agli occhi dei loro padre di seme e di sangue e della loro madre dei corpo.
E le parole e le leggi dei nostro Padre Celeste e di nostra Madre Terra sono più sagge delle parole e delle volontà di tutti i padri di seme e di sangue e di tutte le madri dei corpo. E l'eredità dei nostro Padre Celeste e di nostra Madre Terra, cioè l'eterno regno della vita terrena e celeste, ha più valore di tutte le eredità dei vostri padri di seme e di sangue e delle vostre madri dei corpo.
E i vostri veri fratelli sono tutti coloro che seguono la volontà del nostro Padre Celeste e di nostra Madre Terra e non i vostri fratelli di sangue. lo vi dico, in verità, che i vostri veri fratelli nella volontà dei Padre Celeste e di Madre Terra vi ameranno mille volte di più dei vostri fratelli di sangue.
Infatti dai giorni di Caino e Abele, quando i fratelli di sangue trasgredirono il volere di Dio, non c'è più fraternità di sangue e i fratelli agiscono verso i fratelli come agirebbero verso degli estranei. Perciò vi dico, amate i vostri fratelli nella volontà di Dio e amateli mille volte di più dei vostri fratelli di sangue.
Perché il nostro Padre Celeste è Amore Perché nostra Madre Terra è Amore Perché il Figlio dell'Uomo è Amore
E per mezzo dell'amore che il Padre Celeste, la Madre Terra e il Figlio dell'Uomo diventano uno. Perché lo spirito dei Figlio dell'Uomo è nato dallo spirito dei Padre Celeste e il suo corpo è nato dal corpo di Madre Terra. Dunque diventate perfetti come lo sono il corpo di Madre Terra e lo spirito dei Padre Celeste; e amate il vostro Padre Celeste come egli ama il vostro spirito e amate Madre Terra come lei ama il vostro corpo; e amate i vostri veri fratelli come li amano il vostro Padre Celeste e vostra Madre Terra.
E allora il vostro Padre Celeste vi darà il suo santo spirito e Madre Terra vi darà il suo santo corpo; e, grazie all'amore che riceveranno dal Padre Celeste e da Madre Terra, i Figli degli Uomini si ameranno l'un l'altro come veri fratelli e diventeranno tutti i consolatori l'uno dell'altro; e allora scompariranno dalla terra tutto il male e tutto il dolore e ci saranno amore e gioia; e sulla terra sarà come nei cieli e verrà il regno di Dio. E allora verrà il Figlio dell'Uomo per ereditare, in tutta la sua gloria, il regno di Dio.
E allora i Figli degli Uomini condivideranno la loro eredità divina: il regno di Dio. Perché essi vivranno in Madre Terra e nel Padre Celeste e Madre Terra e il Padre Celeste vivranno in loro. Poi, con il regno di Dio, verrà la fine dei tempi; perché l'amore dei Padre Celeste darà a tutti la vita eterna nel regno di Dio, perché l'amore è eterno, l'amore è più forte della morte.
Anche se parlo la lingua degli uomini e degli angeli, se non ho amore, sono come un ottone che risuona o un cembalo che tintinna. Anche se conosco il futuro, tutti i segreti e tutta la saggezza e anche se ho una fede forte come una tempesta che solleva le montagne, se non ho amore, non sono nulla.
E anche se offro tutti i miei beni per nutrire i poveri e ardo dello splendore dei Padre Celeste, se non ho amore, non ne traggo alcun beneficio. L'amore è paziente e gentile; l'amore non è invidioso e non opera il male, non è sgarbato né egoista, è lento all'ira, non immagina la malizia, non gioisce all'ingiustizia ma si rallegra della giustizia.
L'amore difende tutto, confida in tutto, spera tutto, sopporta tutto, non cessa mai. Ma le lingue svaniranno e la conoscenza scomparirà, perché noi ora possediamo una parte di verità e una parte di errore, ma quando si arriverà alla pienezza della perfezione quello che è una parte sarà cancellato. Quando l'uomo è bambino parla come un bambino, ma quando diventa uomo mette via le cose da bambino. Noi ora vediamo come attraverso un vetro e comprendiamo attraverso oscuri vocaboli.
Ora conosciamo una parte, ma quando saremo al cospetto di Dio non conosceranno solo una parte ma secondo quanto ci insegnerà lui. E allora ci resteranno tre cose: la fede, la speranza e l'amore, di queste la più grande è l'amore.
Ora io vi sto insegnando nel linguaggio vivente dei Dio vivente e per mezzo dello spirito santo dei nostro Padre Celeste. Fra di voi non c'è ancora nessuno che sia in grado di intendere tutto ciò che dico. Chi vi spiega le scritture vi rivolge il discorso morto di un uomo scomparso e vi parla per mezzo dei suo corpo malaticcio e mortale; è per ciò che tutti possono comprenderlo, perché tutti gli uomini sono malati, tutti sono nella morte. Nessuno scorge la luce della vita; i ciechi conducono altri ciechi lungo gli oscuri sentieri dei peccati, delle malattie e delle sofferenze e infine, tutti cadono nella fossa della morte.
lo sono stato mandato a voi dal Padre per far brillare dinanzi a voi la luce della vita. Infatti la luce illumina se stessa e le tenebre ma le tenebre conoscono solo se stesse e non conoscono la luce. Avrei ancora molte cose da dirvi ma voi non siete ancora in grado di apprenderle, perché i vostri occhi sono assuefatti alle tenebre e la piena luce dei Padre Celeste potrebbe accecarvi. Dunque seguite prima di tutto le leggi di Madre Terra di cui vi ho parlato; poi, quando i suoi angeli avranno purificato e rinnovato i vostri corpi rinforzando i vostri occhi, potrete sopportare la luce dei nostro Padre Celeste. Quando sarete in grado di fissare il sole di mezzogiorno con occhi saldi, allora potrete guardare verso la luce abbagliante dei Padre Celeste che è centinaia di volte più luminosa di centinaia di soli. Ma come potreste dirigere lo sguardo verso la luce accecante dei Padre Celeste se non potete sopportare neanche lo splendore dei sole fiammeggiante? Credetemi, la luce dei sole diventa come la fiamma di una candela se la paragoniamo al sole della verità dei Padre Celeste. Abbiate dunque fede, speranza e amore e io vi dico, in verità, che voi non perderete la vostra ricompensa.
Se crederete alle mie parole voi crederete colui che mi ha mandato, che è il signore di tutto e a cui sono possibili tutte le cose, perché ciò che è impossibile all'uomo è possibile a Dio. Se confiderete negli angeli di Madre Terra e rispetterebbe le sue leggi la vostra fede vi sosterrà e voi non vedrete mai malattia. E confidate anche nell'amore dei Padre Celeste perché chi spera in lui non sarà ingannato e non vedrà mai la morte.
Amatevi l'un l'altro, perché Dio è amore e così gli angeli sapranno che voi praticate i sentieri di Dio., E allora tutti gli angeli si avvicineranno a voi e vi serviranno e Satana con tutti i suoi peccati, le sue sporcizie e le sue malattie scompariranno dal vostro corpo. Andate dunque, fuggite i peccati, ravvedetevi e battezzatevi, affinché possiate rinascere e non peccare più.
Poi Gesù si alzò, ma tutti restavano seduti perché ognuno sentiva il Potere delle sue parole; poi tra le nuvole apparve la luna piena e il suo splendore avvolse Gesù. E i suoi capelli scintillavano ed egli, pur essendo fermo in mezzo a loro, fluttuava nell'aria al chiarore della luna.
Nessuno si muoveva né si udiva la voce di alcuno; e nessuno seppe mai quanto tempo era passato, perché il tempo si era fermato.
Poi Gesù, sollevando le mani verso di loro, disse: «La pace sia con voi». E si allontanò come un soffio di vento che ondeggia tra le foglie degli alberi.
E il gruppo che era seduto indugiò per lungo tempo, poi, uno dopo l'altro, si alzarono in silenzio, come risvegliati da un lungo sogno. Ma nessuno voleva andarsene ed era come se le parole di colui che li aveva lasciati risuonassero ancora nelle loro orecchie; era come se stessero ascoltando qualche musica celestiale.
Infine qualcuno disse timidamente: «Come si sta bene qui!» e un altro: «vorrei che questa notte durasse per sempre» e altri continuarono: «Egli è veramente il messaggero di Dio perché ha acceso la speranza nei nostri cuori». Nessuno voleva tornare a casa e andavano dicendo: «Non andrò a casa, dove tutto è oscuro e non c'è gioia; perché dovremmo andare dove nessuno ci ama?».
Essi parlavano in questo modo perché più o meno tutti erano poveri, o zoppi, o ciechi, o mutilati, o mendicanti, o senza casa, erano disprezzati per la loro condizione ed erano sopportati solo per pietà nelle case dove trovavano rifugio. Ma anche alcuni che avevano casa e famiglia dicevano: «Anche noi resteremo con voi».
Perché ognuno sentiva che le parole di colui che era andato legavano quella piccola compagnia con fili invisibili; e ognuno si sentiva rinascere. E, anche se la luna era ormai scomparsa tra le nuvole, essi vedevano aprirsi dinanzi a loro un mondo splendente e in tutti i loro cuori sbocciavano fiori meravigliosi e di meravigliosa bellezza: i fiori della gioia.
E quando all'orizzonte apparvero in tutto il loro splendore i raggi dei sole, tutti sentirono che quello era il sole dei nascente regno di Dio. E tutti andavano incontro agli angeli di Dio con espressioni di gioia. E molti impuri e malati, seguendo le parole di Gesù, cercavano le rive dei torrenti, si toglievano scarpe e vestiti, digiunavano e offrivano il loro corpo all'abbraccio degli angeli dell'aria, dell'acqua e della luce dei sole. E gli angeli di Madre Terra si impadronivano dei loro corpi abbracciandoli sia dentro che fuori. E tutti vedevano allontanarsi in fretta dal loro corpo i mali, i peccati e le impurità.
E il respiro di qualcuno divenne fetido come l'alito espulso dalle viscere e dall'interno di qualche altro uscivano vomito e bava impura e maleodorante. E tutte quelle sporcizie si allontanavano in alcuni attraverso la bocca, in altri dal naso, in altri ancora dagli occhi e dagli orecchi.
E molti avevano sulla pelle e in tutto il corpo un sudore disgustoso e abominevole; e su molte membra si formavano foruncoli infiammati che eruttavano abbondantemente e in molti casi l'urina era concentrata e densa come il miele delle api; in altri era rossastra o scura, oppure calcarea quasi come la sabbia dei fiumi. E molti espellevano dalle loro viscere dei gas puzzolenti come l'alito dei demoni. E il loro tanfo diventò talmente forte che nessuno poteva sopportarlo.
E quando essi si battezzarono l'angelo dell'acqua entrò nei loro corpi e così si allontanarono tutti i loro peccati passati; e fu come quando un torrente scroscia dalla montagna: si precipitarono a uscire dal foro corpo una gran quantità di abominazioni solide e liquide.
E il suolo dove scorrevano le loro acque si contaminò e il tanfo divenne così forte che nessuno poteva restare nelle vicinanze.
E i demoni lasciavano le loro viscere sotto forma di moltitudini di vermi che brulicavano nella melma delle loro impurità e si contorcevano di rabbia impotente dopo che l'angelo dell'acqua li aveva espulsi dalle viscere dei Figli degli Uomini.
Poi il potere dell'angelo della luce dei sole discendeva su di loro ed essi perivano dimenandosi disperatamente, come calpestati dall'angelo dei sole. E tutti erano tremanti di terrore alla vista di tutte le abominazioni di Satana dalle quali gli angeli li avevano salvati e resero grazie a Dio che aveva mandato i suoi angeli per liberarli.
E alcuni erano tormentati da dolori forti e che non accennavano a placarsi, così, non sapendo che fare, qualcuno decise di andare a chiamare Gesù perché essi desideravano ardentemente la sua presenza. E mentre due di loro si accingevano a cercarlo, ecco che lo videro arrivare dalla riva del fiume; e i foro cuori si riempirono di gioia e speranza quando udirono il suo saluto: «la pace sia con voi!».
E avrebbero voluto fargli molte domande ma, nella loro sorpresa, non seppero da dove cominciare e non venne loro in mente nulla. Allora Gesù disse, foro: «Sono arrivato perché sò che avete bisogno di me». E uno di essi gridò: «E vero Maestro, vieni a liberarci dai nostri tormenti».
E Gesù si rivolse a loro con parabole: «Voi siete come il figliol prodigo che mangiò e bevve per molti anni passando i suoi giorni nella dissolutezza e nel libertinaggio insieme ai suoi amici. E ogni settimana, a insaputa dei padre, accumulava nuovi debiti sperperando tutto in pochi giorni.
Chi gli prestava il denaro lo accontentava sempre sapendo che suo padre aveva molte ricchezze e pagava sempre con pazienza i debiti dei figlio. E il padre ammoniva il figlio con gentilezza ma questi non ascoltava mai le sue parole e invano il padre lo supplicava affinché lasciasse la sua assidua e ininterrotta dissolutezza per andare a sorvegliare il lavoro dei suoi servi nei campi. E il figlio prometteva sempre di farlo qualora egli avesse pagato i suoi vecchi debiti, ma il giorno seguente ricominciava. E la vita dissoluta dei figlio continuò per più di sette anni. Ma alla fine il padre perse la pazienza e non volle più pagare i debiti dei figlio. «Se continuo a pagare» disse «i peccati di mio figlio non avranno fine». Allora i creditori delusi, nella loro rabbia, presero il figlio in schiavitù affinché con il suo lavoro quotidiano restituisse il denaro ricevuto in prestito.
E allora per il figlio cessarono il mangiare, il bere e gli eccessi quotidiani; e annaffiava i campi coi sudore della sua fronte dalla mattina alla sera e tutte le sue membra erano doloranti per quel lavoro non abituale. Viveva di pane secco e per ammorbidirlo non aveva che le sue lacrime. E dopo tre giorni egli, provato dal caldo e dalla fatica, disse al suo padrone: «Non ce la faccio più a lavorare perché tutti i miei arti sono doloranti, per quanto tempo ancora vuoi tormentarmi?».
«Finché non avrai saldato tutti i tuoi debiti coi tuo lavoro... sarai libero quando saranno passati sette anni!». E il figlio disperato continuò >piangendo: «Ma non potrò sopportare neanche sette giorni, abbi pietà di me perché tutte le membra mi bruciano e mi dolgono». Ma il malvagio creditore gli gridò: «Affrettati nel lavoro! perché se per sette anni hai potuto passare giorni e notti nella dissolutezza ora per sette anni dovrai lavorare. Non ti perdonerò fino a che non avrai pagato i tuoi debiti fino all'ultima dracma!». E il figlio, disperato e con gli arti doloranti, dovette far ritorno nei campi per lavorare. E quando venne il settimo giorno quello dei Sabato durante il quale nessuno lavora nei campi, egli poteva a stento reggersi in piedi per la stanchezza e il dolore. Allora, radunando quel che restava delle sue forze, fl figlio raggiunse barcollando la casa dei padre e si gettò ai suoi piedi dicendo: «Padre credimi e perdona per l'ultima volta le mie offese verso di te.
Ti giuro che non vivrò mai più da libertino e che diventerò il tuo figlio obbediente in tutte le cose. Liberami dalle mani dei mio oppressore; padre guardami, osserva i miei arti sofferenti e non indurire il tuo cuore». Allora gli occhi dei padre si velarono di lacrime ed egli abbracciò suo figlio dicendo: «Rallegriamoci perché oggi mi è concessa una grande gioia: ho ritrovato il mio figlio diletto che era perduto». E lo rivestì con gli abiti migliori e festeggiarono per tutto il giorno. E il mattino seguente il padre donò a suo figlio una borsa piena di argento per pagare ai creditori tutti i suoi debiti. E al ritorno dei figlio il padre gli disse: «Figlio mio, vedi com'è facile incorrere in sette anni di debiti con una vita dissoluta e come è difficile pagarli con sette anni di duro lavoro?».
«Padre, è veramente duro persino pagarli in sette giorni!». E suo padre lo ammoni dicendo: «Solo per questa volta ti è concesso di pagare in sette giorni i tuoi debiti di sette anni, perché il resto ti è perdonato; ma in futuro cerca di non incorrere più in debiti, infatti ti dico, in verità, che solo tuo padre perdona i tuoi debiti, perché sei suo figlio. Ma con chiunque altro avresti dovuto lavorare duramente per sette anni, com'è stabilito dalle nostre leggi».
«Padre mio, d'ora in poi sarò il tuo figliolo affezionato e ubbidiente e non contrarrò più debiti perché sò quanto è duro pagarli».
Ed egli si recava ogni giorno nei campi di suo padre a sorvegliare il lavoro dei suoi operai e, ricordando il suo duro lavoro, evitava di farli lavorare troppo duramente. E così passavano gli anni e grazie alle sue cure i beni dei padre si incrementavano incessantemente perché sul suo lavoro c'era la benedizione paterna.
E pian piano egli restituì al padre una somma dieci volte maggiore di quella che dissipò in sette anni. Allora il padre, vedendo che suo figlio faceva buon uso dei suoi operai e delle sue proprietà, gli disse: «Figlio mio, vedo che le mie cose sono in buone mani, così ti affido tutto il mio bestiame, la mia casa, le mie terre e i miei tesori. Questa sarà la tua eredità, continua a incrementarla affinché io possa gioirne.
E quando il figlio ricevette l'eredità di suo padre condonò tutti i debiti dei debitori che non potevano pagare, perché non aveva dimenticato che anche il suo debito era stato condonato quando egli non poté pagarlo. E Dio lo benedisse con lunga vita, con molti figli e con abbondanti ricchezze perché era gentile con tutti i suoi operai e con tutti i suoi animali».
Quindi Gesù si rivolse alla folla dei malati dicendo: «lo mi esprimo con parabole affinché voi comprendiate meglio la parola di Dio. I sette anni spesi mangiando, bevendo e nella vita dissoluta sono i peccati dei passato; il creditore malvagio è Satana; i debiti sono le malattie; il duro lavoro sono i dolori e il figliol prodigo siete voi stessi. Pagare i debiti significa scacciare da voi i demoni e le malattie ripristinando la salute dei vostro corpo. La borsa piena d'argento che ricevete dal padre è il Potere che hanno gli angeli di liberarvi; il padre è Dio. I possedimenti dei padre sono la terra e i cieli; gli operai dei padre sono gli angeli. Il campo dei padre è il mondo, quel mondo che diventerà regno dei cieli quando i figli degli uomini lavoreranno insieme agli angeli dei Padre Celeste.
Dunque vi dico che per il figlio è preferibile essere ubbidiente a suo padre e sorvegliare il lavoro degli operai di suo padre nei campi anziché indebitarsi con il creditore malvagio, faticando e sudando in servitù per ripagare tutti i suoi debiti. E allo stesso modo, per i Figli degli Uomini, è preferibile ubbidire alle leggi dei loro Padre Celeste lavorando insieme ai suoi angeli nel regno suo, anziché diventare debitori di Satana Signore della morte, di tutti i peccati e di tutte le malattie e soffrire nei dolori, sudando fino a ripagare tutti i loro peccati. lo vi dico, in verità, che i vostri peccati sono gravi e sono molti. Voi avete ceduto per tanti anni alle seduzioni di Satana.
Siete stati golosi, ubriaconi e frequentatori di prostitute; avete moltiplicato i vostri debiti passati. Ora dovete restituire e il pagamento è duro e difficile; dunque non siate impazienti già al terzo giorno, come il figlio prodigo, ma aspettate pazientemente fino al settimo. giorno che è santificato da Dio e poi recatevi al cospetto dei nostro Padre Celeste con cuore umile e ubbidiente affinché egli possa perdonare i vostri peccati e tutti i vostri debiti dei passato. lo vi dico, in verità, che il Padre Celeste ci ama infinitamente perché soltanto lui ci concede di pagare in sette giorni i debiti di sette anni. A quei debitori di sette anni di peccati e malattie che pagano onestamente perseverando fino al settimo giorno il Padre Celeste perdonerà tutti i debiti dei sette anni.
«E se noi pecchiamo per sette volte sette anni?» chiese un malato che soffriva atrocemente. «Anche in quei caso il Padre Celeste perdonerà tutti i vostri debiti in sette volte sette giorni».
«Felici saranno quanti perseverano fino alla fine, perché i demoni di Satana scrivono tutte le vostre azioni peccaminose in un libro: il libro dei vostro corpo e dei vostro spirito. Vi dico, in verità, che dal principio dei mondo non c'è azione peccaminosa che non sia stata scritta alla presenza dei Padre Celeste. Perché voi potrete sfuggire le leggi dei vostri re, ma nessuno dei Figli degli Uomini potrà sfuggire le leggi dei suo Dio. E quando sarete alla presenza di Dio Satana testimonierà contro di voi attraverso le vostre stesse azioni e Dio vedrà i vostri peccati scritti nel libro dei vostro corpo e dei vostro spirito rattristandosi nel suo cuore.
Ma se vi pentirete dei vostri peccati e digiunando e pregando cercherete gli angeli di Dio allora, per ogni giorno in cui voi persevererete nel digiuno e nella preghiera, gli angeli di Dio cancelleranno dal libro dei vostro corpo e dei vostro spirito un anno di azioni peccaminose. E quando anche l'ultima pagina dei vostri peccati sarà stata cancellata voi sarete al cospetto di Dio e Dio si rallegrerà nel suo cuore dimenticando tutti i vostri peccati. Egli vi libererà dalle grinfie di Satana e dalla sofferenza; vi ospiterà nella sua casa e ordinerà a tutti i suoi servi, cioè agli angeli, di servirvi.
Egli vi darà una lunga vita e voi non vedrete mai la malattia. E se da quei momento in poi invece di peccare occuperete i vostri giorni compiendo buone azioni, allora gli angeli di Dio scriveranno tutte quelle buone opere nel libro dei vostro corpo e dei vostro spirito. Vi dico, in verità, che dal principio dei mondo non c'è buona azione che non sia stata scritta davanti a Dio. Perciò voi potrete attendere invano ricompense dai' vostri re e dai vostri governanti, ma le vostre buone azioni non perderanno mai la ricompensa di Dio.
E quando sarete alla presenza di Dio i suoi angeli testimonieranno per voi attraverso le vostre stesse buone opere; e Dio le vedrà scritte nel vostro corpo e nel vostro spirito e gioirà nel suo cuore. Ed egli benedirà il vostro corpo, il vostro spirito e ogni opera vostra e vi concederà in eredità il suo regno terreno e celeste affinché voi possiate avere in esso la vita eterna. Chi potrà entrare nel regno di Dio sarà felice, perché non vedrà mai la morte».
E le sue parole furono seguite da un gran silenzio. E grazie a esse quanti erano scoraggiati presero nuova forza e continuarono a pregare e a digiunare. E il primo che riprese a parlare si rivolse a Gesù: «io persevererò fino al settimo giorno». E un altro disse: «io persevererò anche fino a sette volte sette giorni». E Gesù rispose loro: «Saranno felici coloro che persevereranno fino alla fine, perché essi erediteranno la terra».
E fra di loro c'erano molti malati tormentati da gravi dolori, essi Potevano a malapena strisciare ai piedi di Gesù. E gli dissero: «Maestro, i dolori ci tormentano fortemente, dicci cosa dobbiamo fare». E, mostrando a Gesù i loro piedi dalle ossa contorte e nodose, continuarono: «Né l'angelo dell'aria né l'angelo dell'acqua né l'angelo dei sole riescono a Mitigare i nostri dolori, anche se ci siamo battezzati, digiuniamo e preghiamo seguendo alla lettera le tue parole».
«Vi dico, in verità, che le vostre ossa saranno risanate. Non vi scoraggiate ma cercate il guaritore delle ossa: l'angelo della terra; poi che è da lui che le vostre ossa furono prese ed è a lui che torneranno».
Ed egli indicò con ]amano il punto della sponda dei fiume dove l'acqua corrente e il calore dei sole ammorbidivano la terra formando un fango cretoso. «Affondate i vostri piedi nel fango affinché l'abbraccio dell'angelo della terra possa assorbirne tutte le impurità e tutte le malattie. E voi', grazie all'abbraccio dell'angelo della terra vedrete svanire Satana e finiranno i vostri dolori. E i nodi delle vostre ossa si scioglieranno, esse si raddrizzeranno e scompariranno tutte le vostre pene».
E, sapendo che sarebbero guariti, i malati seguivano le sue parole. E altri malati soffrivano forti dolori ma ciò nonostante persevereranno nel digiuno; e le loro forze si erano affievolite, li tormentava un gran caldo e se tentavano di alzarsi dal loro giaciglio per andare da Gesù le loro teste cominciavano a girare come se fossero risucchiate da un vortice di vento; e se cercavano di mettersi in piedi ricadevano a terra.
Allora Gesù li raggiunse e si rivolse a loro in questo modo:«Voi soffrite così perché il vostro corpo è tormentato da Satana e dalle sue malattie; ma non temete perché il suo potere su di voi finirà presto. Satana infatti è come un uomo irascibile che, durante l'assenza dei vicino, si è introdotto nella sua casa con l'intenzione di saccheggiare i suoi beni. Ma qualcuno ha avvertito il padrone che, nel frattempo, torna a casa di corsa.
E il vicino malvagio, che ha ormai radunato tutto ciò che più gli piaceva, vede tornare in fretta il padrone di casa e adirato dal fatto che non può portare via ogni cosa tenta di guastare e danneggiare tutto con l'intento di privare anche l'altro delle cose che sarebbero piaciute a lui. Ma il padrone di casa rientra immediatamente e, prima che il vicino malvagio compia il suo proposito, lo prende e lo scaccia dalla casa.
In verità vi dico, Satana è entrato proprio così nei vostri corpi che sono l'abitazione di Dio; ed egli tiene in suo potere tutto ciò che vorrebbe rubare: il vostro respiro, il vostro sangue, le vostre ossa, la vostra carne, le vostre viscere, i vostri occhi e i vostri orecchi. Ma con il vostro digiuno e la vostra preghiera voi avete avvertito il signore dei vostro corpo e i suoi angeli. E ora Satana vede il ritorno dei vero signore dei vostro corpo e sa che ciò significa la fine dei suo potere; allora, nella sua rabbia, egli raduna un'ultima volta le sue forze cercando di distruggere il vostro corpo prima dell'arrivo dei padrone.
~ per questo che Satana vi tormenta così fortemente, perché sente che la sua fine è prossima.
Ma non tema il vostro cuore, perché presto appariranno gli angeli di Dio per rioccupare la loro dimora e per riconsacrarla tempio di Dio; essi afferreranno Satana e lo cacceranno dal vostro corpo insieme a tutte le sue malattie e a tutte le sue impurità. E voi sarete felici perché sarete ricompensati per la vostra perseveranza e non vedrete mai più malattia».
E tra i malati ve ne era uno particolarmente tormentato da Satana; il suo corpo era magro come uno scheletro e la sua pelle gialla come una foglia cadente; era così debole che non poteva neanche strisciare con le mani verso Gesù e allora lo invocava da lontano: «Maestro, abbi pietà di me, perché dal principio dei mondo non ci fu uomo che soffre come soffro io ora; so che sei veramente mandato da Dio e sò che se vuoi puoi cacciare Satana dal mio corpo immediatamente. Non è forse vero che gli angeli di Dio obbediscono al messaggero di Dio? Vieni Maestro, scaccia Satana dal mio corpo ora, perché egli infuria rabbiosamente dentro di me e la mia sofferenza è grande».
E Gesù gli rispose: «Satana ti tormenta così fortemente perché tu digiuni già da molti giorni e non gli paghi più il tuo tributo; non lo nutri più con quelle abominazioni con le quali finora hai contaminato il tempio dei tuo spirito. Tu tormenti Satana con la fame e lui, nella sua collera, tormenta te. Ma non temere perché ti assicuro che Satana sarà distrutto prima che sia distrutto il tuo corpo; infatti mentre tu preghi e digiuni il tuo corpo è protetto dagli angeli di Dio e il potere di Satana non può danneggiarlo; la rabbia di Satana è impotente di fronte agli angeli di Dio».
Ma tutti si avvicinarono a Gesù e lo supplicarono esclamando: «Maestro, abbi compassione di lui perché soffre più di tutti noi e temiamo che egli non viva fino a domani se tu non scacci in fretta Satana da lui».
E Gesù rispose loro: «La vostra fede è grande; sia fatto secondo la vostra fede. Presto vedrete davanti a voi lo spaventoso volto di Satana e il potere dei Figlio dell'uomo, perché io scaccerò da lui il potente Satana con la sola forza dell'innocente agnello di Dio che è la più debole creatura dei Signore. infatti lo spirito santo di Dio rende il debole più potente dei forte».
E Gesù munse una pecorella che pascolava tra i cespugli, poi versò quel latte sulla sabbia scaldata dal sole e disse: «Il potere dell'angelo dell'acqua è già entrato in questo latte


Tratto dal Vangelo Esseno Della Pace di Gesù.

Si ringrazia la Pagina Facebook Pachamama per il testo.






venerdì 18 dicembre 2015

GOG E MAGOG Paesi bombardati durante la Presidenza di Obama










NON VOGLIO INNERVOSIRE O FAR PREOCCUPARE LA GENTE – Ma oggi stavo spulciando fra gli antichi testi greci ed ebraici che riuniscono il corpo principale del LIBRO DI EZECHIELE nella Bibbia. La maggior parte dei capitoli della Bibbia sono tratti da fonti greche, e, francamente, i testi originali sono spesso frammentati ed esistono diverse versioni degli stessi testi – e ci sono molti errori di traduzione e molte contraddizioni nella Bibbia. Tuttavia, detto ciò, e tenendo presente che ci sono molti errori di traduzione, oggi ho mi sono reso conto che i capitoli 38 e 39 del Libro di Ezechiele sembra combacino ESATTAMENTE con gli eventi in Siria che sono accaduti nelle ultime 72 ore:


la RUSSIA (che è definita la terra di MAGOG - https://en.wikipedia.org/wiki/Gog_and_Magog -) ha appena avuto il permesso da Obama di far volare i suoi caccia nello spazio aereo siriano. Il motivo principale è che Putin ha promesso di voler aiutare Obama e bombardare l’ISIS. Peraltro, quando quei jets russi, coordinati dal MI6 e dalla CIA hanno volato sugli attuali obiettivi bombardati, hanno trovato i “Ribelli Siriani” (ie: AlQaeda) che stavano tentando di rovesciare il Presidente Assad e impadronirsi del petrolio e dei giacimenti di gas della Siria.



In poche parole, Obama e Buckingham Palace stavano bombardando esattamente gli stessi Paesi che sono elencati nel Libro di Ezechiele – gli stessi Paesi per i quali è stata profetizzata l’insurrezione contro Israele.


Ovviamente, Putin non può essere d’accordo. Lui è una ex spia del KGB. Il Cremlino è la creazione dei banchieri ebrei-bolscevichi di New York che originariamente hanno finanziato Leon Trotsky e Lenin – l’intero “Regime Comunista” era orchestrato da Londra, e Putin è l’ultima marionetta – in ogni caso, non vuol dire che non si sia creata una spaccatura fra l’aristocrazia Russa e quel che restava della reale famiglia Romanov e Buckingham Palace – questa situazione siriana che vediamo oggi ha il potenziale per evolversi in una totale guerra regionale.

Ricordate solo che Putin ordinò alle truppe di sparare a sangue freddo alle persone in Maidan Square in Ucraina, e conseguentemente, alla Russia sono state comminate molte sanzioni – per esempio, per le questioni d’affari russe non si può usare Mastercard o Visa, e non è possibile esportare alimenti in Russia.
(Come Fuoridimatrix,riguardo alla notizia sopra citata,in cui si dice che Putin ha dato l'ordine di Sparare in Piazza Maidan ,ci riserviamo il beneficio del dubbio,e di verificare la notizia,in quanto le fonti sono contrastanti)


Putin attualmente sta dialogando con Germania e Francia probabilmente cercando di organizzare qualche tipo di strategia per bombardare insieme la Siria – ma prevedo che Putin ingannerà Obama e inizia il bombardamento delle forze americane e inglesi – dovremo aspettare e vedere cosa succede questa settimana.


Comunque, tornando al soggetto del Libro di Ezechiele, i capitoli 38 e 39 sembrano descrivere esattamente gli eventi odierni – con una “Guerra Santa” in Siria, che coinvolge Russia e Turchia – e questi eventi sono strettamente connessi alla leggenda dell’ANTICRISTO che molti testi musulmani dicono emergerà dalla Turchia o dalla Siria.


Gog and Magog (/ɡɒɡ/; /ˈmeɪɡɒɡ/; Hebrew: גּוֹג וּמָגוֹג Gog u-Magog; Arabic: يَأْجُوج وَمَأْجُوج Yaʾjūj wa-Maʾjūj) sono nomi a volte di individui e a volte riferiti a intere nazioni. Ci sono anche leggende di due mostri incatenati ai ponti della City of London chiamati GOG and MAGOG – e due statue di questi “mostri” sono collocate al Palazzo Municipale dove il massone – Mayor of London invita a cena intermediari finanziari e politici. Il simbolismo della leggenda di quel Palazzo Municipale della City of London è che i banchieri nella City of London controllano Gog e Magog con la loro finanza – è un modo simbolico di dire che i merchant bankers controllano gli eventi mondiali attraverso il finanziamento della guerra.


Ora, andando oltre, biblicamente, fin dall’epoca medioevale, Gog e Magog furono identificati con il perduto popolo tribale ebraico che si era stabilito in Austria e Germania, così come i Kazari – che interessano perché il nome della famiglia reale di JOHN KERRY è “HOHN” e la sua famiglia ha una storia di nomadismo simile a molte famiglie Ashkenazi tedesco-ebraiche – e John Kerry (che è un cugino della famiglia Bush) è stato in prima linea nel provocare la guerra in Siria.

Gog e Magog si riferisce anche a gente Mongola – e i Mongoli, storicamente, hanno anche contratto matrimoni misti con molte famiglie ebree nel corso delle ere. Nell’Islam, si riteneva che Gog e Magog fossero tribù turche dell’Asia Centrale e/o Mongoli – e la mia ricerca suggerisce che l’attuale situazione in Siria si avvicina molto agli eventi predetti dal Libro di Ezechiele e dal Libro delle Rivelazioni.


Nel libro di Ezechiele, “Gog” è il nome di un individuo e Magog è il nome della sua terra; in Genesi 10, Magog è una persona, e nella Rivelazione Gog e Magog sono entrambi nazioni che provocano gravi guerre e conflitti – i testi attualmente dicono “le nazioni nemiche del mondo”.


Penso sia molto bello e ovvio che il popolo siriano sia attualmente coinvolto nelle “chele” di un’azione militare: da un lato hanno sete di sangue di Buckingham Palace che è smanioso di impadronirsi delle riserve petrolifere siriane. Dall’altro lato, la Siria ha a che fare con Israele, che ha almeno 600 testate nucleari e vuole espandere i suoi confini e ricreare l’antico “Regno di Gerusalemme” che è una vasta area che inghiotte il nord dell’Egitto, l’Iraq e la maggior parte della Siria.

Il terzo libro degli Oracoli delle Sibille (che può essere stato scritto davvero dalla Regina di Saba) modifica il significato originale per cui “Gog” è una persona, che proviene da una terra conosciuta come “Magog” (che con ogni probabilità oggi è la RUSSIA) e notiamo che, più tardi, nei profetici testi biblici “Gog da Magog” diventa “Gog e Magog”.


Ad ogni modo, il vero lato interessante di tutto ciò è che quando Herbert Walker Bush Sr. si unì alla confraternita Skull & Bones (https://en.wikipedia.org/wiki/Skull_and_Bones) a Yale, gli fu attribuito un titolo occulto – che è “Magog”.


I nomi occulti segreti sono abitualmente assegnati a vari membri della società segreta Skull & Bones. Ai Membri vengono anche attribuiti nomi per i giochi di ruolo per certe occasioni, come ad esempio “Long Devil” per il più alto membro e “Boaz” (https://en.wikipedia.org/wiki/Boaz) per ogni membro che è capitano di una squadra universitaria di football – questi vengono perlopiù definiti nomi “occulti” e sono usati nei libri Grimoire (https://en.wikipedia.org/wiki/Grimoire) di magia nera e anche nella Massoneria.

Bonesman (https://en.wikipedia.org/wiki/Skull_and_Bones#Bonesmen) Henry Luce (https://en.wikipedia.org/wiki/Henry_Luce) era chiamato “Baal” (https://en.wikipedia.org/wiki/Baal) – come in Lord Baal, che è uno dei quattro principali principi dell’Inferno come descritto nel Libro delle Ombre (https://en.wikipedia.org/wiki/Book_of_Shadows).



George H. W. Bush fu battezzato “Magog” mentre si metteva in una vecchia bara vittoriana masturbandosi in una tipica cerimonia di iniziazione. In diverse mitologie bibliche e presunte storie, Magog è un comandante militare al servizio di Satana, mandato per distruggere i seguaci di Gesù (che include Musulmani e Cristiani).



L’ex Presidente francese Jacques Chirac (Massone) disse che nel 2003 il Presidente George Bush jr. gli telefonò e gli chiese di inviare truppe francesi in Iraq per fermare (esattamente): “Gog e Magog”, i “demoniaci agenti dell’Apocalisse della Bibbia”. L’evento è confermato. Nel 2003, Thomas Römer, professore di teologia all’Università di Losanna, ricevette una telefonata dagli Elisei di Parigi e dall’ufficio personale di Chirac. Il segretario di Chirac voleva sapere di più riguardo a “Gog e Magog” – “chi sono?”.



Agli inizi del diciannovesimo secolo, i rabbini Chasidic (https://en.wikipedia.org/wiki/Hasidic_philosophy) identificarono l’invasione della Russia da parte di Napoleone come “La Guerra di Gog e Magog”, perché la Russia è sempre stata associata con “Magog” come nome di un luogo. Nella storia cristiana, Eusebio identificò Gog e Magog come i Romani e il loro imperatore. Pertanto, non sono il primo a dire che la guerra odierna si accorda a quanto contenuto nel Libro di Ezechiele.


Tuttavia, considerando che gli Inglesi stanno bombardando la Siria usando i missili BRIMSTONE che, dopo l’aggiunta dell’elemento alchemico, vengono chiamati SULPHUR – che è strettamente collegato alle leggende del diavolo, e che i droni BAE sono chiamati TARANIS che è il dio pagano i cui seguaci erano soliti adorare bruciando i loro figli come un sacrificio di “olocausto”, la situazione odierna ha molte connotazioni bibliche – specialmente da quando Magog (vedi RUSSIA) ha intrapreso la guerra, seguendo Obama e bombardando veramente le roccaforti sostenute da CIA e MI6.

Cristopher Everard
Fonte: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10201032144121721&set=a.1179223136677.19518.1711111543&type=3&theater


Traduzione: Nadia Baldi


Gog e' la Turchia(Mesec e Tubal) ,dal Libro di Ezechiele 38:3Video approfondimenti https://www.youtube.com/watch?v=0Cq340CtbW4


38 Ezechiele

Contro Gog
1 Mi fu rivolta questa parola del Signore: 2«Figlio dell'uomo, volgiti verso Gog nel paese di Magòg, capo supremo di Mesec e Tubal, e profetizza contro di lui.
Annuncerai: 3Così dice il Signore Dio: Eccomi contro di te Gog, capo supremo di Mesec e Tubal; 4io ti aggirerò, ti metterò ganci alle mascelle e ti farò uscire con tutto il tuo esercito, cavalli e cavalieri, tutti ben equipaggiati, tutti muniti di spada, truppa immensa con scudi grandi e piccoli. 5La Persia, l'Etiopia e Put sono con loro, tutti con scudi ed elmi. 6Gomer e tutte le sue schiere, la casa di Togarmà, le estreme regioni del settentrione e tutte le loro schiere. Popoli numerosi sono con te.
7Sta' pronto, fa' i preparativi insieme con tutta la moltitudine che si è radunata intorno a te: sii a mia disposizione. 8Dopo molto tempo ti sarà dato l'ordine: alla fine degli anni tu andrai contro una nazione che è sfuggita alla spada, che in mezzo a molti popoli si è radunata sui monti d'Israele, rimasti lungamente deserti. Essa è uscita dai popoli e tutti abitano tranquilli. 9Tu vi salirai, vi giungerai come un uragano: sarai come un nembo che avvolge la terra, tu con tutte le tue schiere e con i popoli numerosi che sono con te. 10Così dice il Signore Dio: In quel giorno ti sorgeranno in mente dei pensieri e concepirai progetti malvagi. 11Tu dirai: «Andrò contro una terra indifesa, assalirò quelli che abitano tranquilli e se ne stanno sicuri, che abitano tutti in luoghi senza mura, che non hanno né sbarre né porte», 12per depredare, saccheggiare, mettere la mano su rovine ora ripopolate e sopra un popolo che si è riunito dalle nazioni, dedito agli armenti e ai propri affari, che abita al centro della terra.
13Saba, Dedan, i commercianti di Tarsis e tutti i suoi leoncelli ti domanderanno: «Vieni per saccheggiare? Hai radunato la tua gente per venire a depredare e portare via argento e oro, per rapire armenti e averi e per fare grosso bottino?». 14Perciò profetizza, figlio dell'uomo, e annuncia a Gog: Così dice il Signore Dio: In quel giorno, quando il mio popolo Israele dimorerà del tutto sicuro, tu ti leverai,15verrai dalla tua dimora, dagli estremi confini del settentrione, tu e i popoli numerosi che sono con te, tutti su cavalli, una turba grande, un esercito potente. 16Verrai contro il mio popolo Israele, come un nembo per coprire la terra. Alla fine dei giorni io ti manderò sulla mia terra perché le nazioni mi conoscano quando per mezzo tuo, o Gog, manifesterò la mia santità davanti ai loro occhi. 17Così dice il Signore Dio: Non sei tu quegli di cui parlai nei tempi antichi per mezzo dei miei servi, i profeti d'Israele, i quali, in quei tempi e per molti anni, profetizzarono che io ti avrei mandato contro di loro? 18Ma quando Gog giungerà nella terra d'Israele - oracolo del Signore Dio - divamperà la mia collera. 19Nella mia gelosia e nel mio furore ardente io vi dichiaro: In quel giorno ci sarà un grande terremoto nella terra d'Israele: 20davanti a me tremeranno i pesci del mare, gli uccelli del cielo, gli animali selvatici, tutti i rettili che strisciano sul terreno e ogni uomo che è sulla terra: i monti franeranno, le rocce cadranno e ogni muro rovinerà al suolo.
21Contro di lui, su tutti i monti d'Israele, chiamerò la spada. Oracolo del Signore Dio. La spada di ognuno di loro sarà contro il proprio fratello. 22Farò giustizia di lui con la peste e con il sangue: riverserò su di lui e le sue schiere, sopra i popoli numerosi che sono con lui, una pioggia torrenziale, grandine come pietre, fuoco e zolfo. 23Io mostrerò la mia potenza e la mia santità e mi rivelerò davanti a nazioni numerose e sapranno che io sono il Signore.

http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&Citazione=Ez%2038&Versione_CEI74&Versione_CEI2008=3&Versione_TILC&VersettoOn=1&mobile


La terra popolata

10 Questa è la discendenza dei figli di Noè: Sem, Cam e Iafet, ai quali nacquero figli dopo il diluvio.

2 I figli di Iafet: Gomer, Magog, Madai, Iavan, Tubal, Mesech e Tiras.

3 I figli di Gomer: Askenaz, Rifat e Togarma.

4 I figli di Iavan: Elisa, Tarsis, quelli di Cipro e quelli di Rodi.

5 Da costoro derivarono le nazioni disperse per le isole nei loro territori, ciascuno secondo la propria lingua e secondo le loro famiglie, nelle loro nazioni.

6 I figli di Cam: Etiopia, Egitto, Put e Canaan.

7 I figli di Etiopia: Seba, Avìla, Sabta, Raama e Sàbteca.

I figli di Raama: Saba e Dedan.

8 Ora Etiopia generò Nimrod: costui cominciò a essere potente sulla terra.

9 Egli era valente nella caccia davanti al Signore, perciò si dice: «Come Nimrod, valente cacciatore davanti al Signore». 10 L'inizio del suo regno fu Babele, Uruch, Accad e Calne, nel paese di Sennaar. 11 Da quella terra si portò ad Assur e costruì Ninive, Recobot-Ir e Càlach 12 e Resen tra Ninive e Càlach; quella è la grande città.

13 Egitto generò quelli di Lud, Anam, Laab, Naftuch, 14 Patros, Casluch e Caftor, da dove uscirono i Filistei.

15 Canaan generò Sidone, suo primogenito, e Chet 16 e il Gebuseo, l'Amorreo, il Gergeseo, 17 l'Eveo, l'Archita e il Sineo, 18 l'Arvadita, il Semarita e l'Amatita. In seguito si dispersero le famiglie dei Cananei. 19 Il confine dei Cananei andava da Sidone in direzione di Gerar fino a Gaza, poi in direzione di Sòdoma, Gomorra, Adma e Zeboim, fino a Lesa. 20 Questi furono i figli di Cam secondo le loro famiglie e le loro lingue, nei loro territori e nei loro popoli.

21 Anche a Sem, padre di tutti i figli di Eber, fratello maggiore di Jafet, nacque una dicendenza.

22 I figli di Sem: Elam, Assur, Arpacsad, Lud e Aram.

23 I figli di Aram: Uz, Cul, Gheter e Mas.

24 Arpacsad generò Selach e Selach generò Eber. 25 A Eber nacquero due figli: uno si chiamò Peleg, perché ai suoi tempi fu divisa la terra, e il fratello si chiamò Joktan.

26 Joktan generò Almodad, Selef, Ascarmavet, Jerach, 27 Adòcam, Uzal, Dikla, 28 Obal, Abimaèl, Saba, 29 Ofir, Avìla e Ibab. Tutti questi furono i figli di Joktan; 30 la loro sede era sulle montagne dell'oriente, da Mesa in direzione di Sefar.

31 Questi furono i figli di Sem secondo le loro famiglie e le loro lingue, territori, secondo i loro popoli.

32 Queste furono le famiglie dei figli di Noè secondo le loro generazioni, nei loro popoli. Da costoro si dispersero le nazioni sulla terra dopo il diluvio.
https://www.biblegateway.com/passage/?search=Genesi+10&version=CEI



venerdì 27 novembre 2015

LA LINEA ENERGETICA DELLE TRE BASILICHE/ABBAZIE DELL'ARCANGELO MICHELE



Questi tre santuari sono congiunti fra loro da una potentissima linea energetica che, per chi sa testare, si può riscontrare esattamente in un punto preciso delle tre basiliche, ad esempio alla sacra di S. Michele di Torino è situata sulla sinistra della chiesa, subito dopo l’entrata e a pochi metri davanti ad una nicchia del muro che racchiude una statua o scultura (non ricordo il soggetto), il punto energetico si distingue, per gli esperti, da una minuscola piastrella del pavimento in sasso che è di colore più chiaro, se ci si posiziona su quel punto si percepisce nitidamente la potente energia che passa e si congiunge alle altre due fonti energetiche in Puglia e in Francia… si consiglia comunque di non rimanere più di 7 minuti all’interno di tale vibrazione.

TAV – Alta Velocità in Val di Susa (Torino – Lione): un attacco brutale e ben programmato, ben al di là dell’aggressione alla natura ed alla salute fisica….
Val di Susa : cosa rappresenta questo luogo nella geografia sacra del mondo?
Un punto fondamentale degli equilibri energetici europei. Un “chakra” importantissimo è situato all’imboccatura della Val di Susa, da cui si dipartono “nadi”, canali energetici che vanno a creare un asse importantissimo verso Nord-Ovest e verso Sud-Est. Quali sono i punti “noti” di questo asse? I tre meravigliosi santuari dedicati a San Michele Arcangelo. In un allineamento pressoché perfetto, la Sacra di San Michele – lo splendido edificio sacro medioevale all’imboccatura della Val di Susa in Piemonte – è al centro di una precisa direttrice che va dal santuario dedicato a Michele di Monte Sant’Angelo, sul Gargano in Puglia, fino a quello sull’isola incantata di Mont Saint Michel, nel Nord-Est della Francia.

Una visione spirituale
Chiunque in buona fede si voglia informare seriamente su quello che sta avvenendo in Val di Susa, si renderà facilmente conto del fatto che i valligiani hanno ragioni da vendere. Il progetto del TAV se attuato non porterà “progresso”, ma distruzione, devastazione e malattie.

Ad una indagine attenta ai valori spirituali in gioco emerge tuttavia un quadro ancora più fosco, di grande emergenza: non sono in gioco solamente i soldi degli ingordi, e l’ambiente e la salute degli abitanti della Val di Susa. Ma qualcuno sta cercando di portare avanti una operazione tendente a colpire direttamente le forze interiori di una grande fetta della popolazione europea. Non solo quelle dei cari e simpatici valligiani, ma quelle di tutti i piemontesi, degli abitanti di una vasto arco delle Alpi, e delle regioni che si protendono attraverso tutta la Francia verso Nord, e tutta l’Italia verso Sud.

Una operazione che parte da molto in alto nelle gerarchie delle piramidi che portano avanti le strategie oscure. Un qualcosa di così importante che il fronte del potere politico, finanziario, economico, dei mass media – largamente influenzato e diretto dai vertici oscuri – sostiene in modo insolitamente compatto e granitico… senza apprezzabili sbavature.

Menti oscure, schiere di mercenari del potere e del denaro, centurie di coscienze spente e freddamente calcolatrici, solidali contro il cuore generoso di alcune migliaia di valligiani. Pressoché soli…

Uno dei tanti scenari sui quali si svolge il confronto è quello che può definirsi una vera e propria “lotta per i luoghi santi”. Cosa sono questi “luoghi santi”?
La Terra è un essere vivente e intelligente, che è fatto, come noi, di parti materiali e di parti più sottili, ma importantissime per la sua esistenza e per il sostegno che danno alla nostra vitalità ed alla nostra anima. Il nostro corpo è attraversato da una rete di invisibili centri vitali uniti da infiniti canali di energie. Quelli che le medicine orientali usano da millenni. E che la medicina occidentale ha dimenticato ma è ora costretta a riscoprire un po’ alla volta, se vuole smetterla di combinare disastri.
Nelle tradizioni orientali si chiamano “chakra” i centri, i vortici vitali, e “nadi” i canali energetici che li uniscono.

La terra funziona allo stesso modo. La crosta terrestre è costellata di importantissimi “chakra” e “nadi”. Gli spiriti più avanzati dell’umanità, gli “iniziati” di tutti i tempi hanno sempre avuto la conoscenza, e spesso la visione, di questa geografia sottile, ma fondamentale, della Terra. Grotte sacre, montagne sacre, foreste sacre, laghi e fiumi sacri… E poi vari tipi di energie: positive, negative, ambivalenti…
Lungo i canali e sui centri vitali sono sorti dolmen, menhir, cerchi di pietre, piramidi, templi, cattedrali… Erano e sono luoghi speciali, che favoriscono il contatto tra gli uomini e le dimensioni superiori.

Questa rete, in gran parte dimenticata negli ultimi secoli di materialismo, si sta ora riattivando, man mano che gli uomini risvegliandosi riscoprono le particolarità di certi luoghi. Questo sta già avvenendo in embrione, ma ben di più avverrà in futuro, quando sempre più uomini capiranno di avere a disposizione delle importanti reti di luoghi energetici di cui avvalersi per supportare la propria crescita spirituale. Dei luoghi capaci di riequilibrare l’aggressione portata alla natura umana dalle forze oscure attraverso i farmaci, l’alimentazione devitalizzata, i vortici di violenza e di odio, le droghe, la continua eccitazione dei sensi inferiori…
Una rete abbastanza intatta da aiutare l’uomo ad essere un libero creatore di situazioni nuove, belle, giuste, buone… frutto dell’amore.

E allora le forze oscure, quelle che vogliono ostacolare l’evoluzione interiore del’umanità, cosa hanno deciso di fare? Sono partite per tempo a cercare in tutti i modi di “spegnere”, di devitalizzare i chakra, di sclerotizzare le arterie delle energie vitali per lo spirito.

Nessuno ne parla, ma questa aggressione è in corso da anni. Interventi di tutti i tipi, con tonnellate di metallo, colate di cemento, gallerie, prodotti sintetici “morti” e ostili, gallerie, deforestazioni, selve di antenne, viadotti, perforazioni petrolifere, spesso appositamente indirizzate per depotenziare e deformare la geografia sacra.
Vengono effettuati interventi per spegnere cattedrali, come Chartres o Santa Maria di Collemaggio, per annullare antichi luoghi di iniziazione. Vengono colpiti luoghi sacri naturali o costruiti dagli antichi iniziati. Viene persino usato il “martello” del turismo di massa per abbattere con folle inconsce e disattente il livello vibrazionale di certi luoghi, come le piramidi, le cattedrali gotiche, o i grandi templi… Una strategia composita e ben studiata.

I tre principali santuari dedicati a Michele: Mont Saint Michel (tra Normandia e Bretagna), Sacra di S. Michele in Val di Susa e Monte Sant’angelo sul Gargano
Luoghi sacri, luoghi di energie fortissime. Che gli antichi conoscevano e usavano e che gli uomini del “risveglio” torneranno ad usare.

E proprio quella spiritualità che nella tradizione ebraico-cristiana si chiama Michele, che prima si è chiamata Mercurio, Hermes, Toth…, è lo spirito guida dell’operazione “risvegli”.

Ma vediamo meglio cosa significa questo discorso di Michele in Val di Susa.

La crosta terrestre ha nelle sue profondità delle forze enormi, concentrate in certi luoghi, che gli antichi conoscevano bene e chiamavano forze della Dea Madre, della Madre Terra. Statue femminili nere, adorate in caverne o cripte, la rappresentavano: raffigurazioni sacre di tante divinità tra cui l’egizia Iside, e poi le madonne nere cristiane. A sancire l’alleanza positiva tra uomini e queste forze. Ma gli antichi le chiamavano anche forze del “drago”, facendo riferimento al fatto che erano forze enormi, ma “selvagge”, utilizzabili sia per il bene che per il male, a seconda delle intenzioni umane.

In epoche antiche gruppi di iniziati ispirati dal mondo spirituale decisero che per un lungo tratto dell’evoluzione umana bisognava che certe forze del drago di un importante asse energetico europeo fossero equilibrate, tenute sotto controllo e rivolte al bene. E che di questo equilibrio positivo si giovassero le popolazioni europee.

Questo il motivo per cui degli edifici speciali, costruiti e “attivati” in modo del tutto particolare, furono eretti sopra montagne sacre piene di forze del drago, talvolta oscure. Santuari di Michele, che nella sua funzione tipica “tiene a bada le forze del drago”, per usarle in positivo e per lasciare liberi gli uomini di evolversi. Questo illustrano i quadri e le statue di San Michele.

Il chakra centrale della Val di Susa non è fatto solamente del monte dove è posta la Sacra , ma di una serie di altri rilievi carichi di forze importanti, trai quali uno in particolare assume un ruolo centrale nella geografia sacra: il monte Musinè (asinello in dialetto).

E’ un luogo dalle energie fortissime, uno dei principali in Europa. Le forze spirituali del drago hanno conformato un sottosuolo pieno di energie enormi, selvagge, che si manifestano in conformazioni rocciose insolite e piene di materiali “forti”, nocivi se liberati. Che sono la manifestazione di forse spirituali altrettanto nocive su altri piani. Ma il monte è anche un’antenna volta verso incredibili energie positive cosmiche. Da sempre apparizioni continue di luminescenze colorate, globi luminosi… Luogo di leggende di maghi e di draghi d’oro, di riti e di graffiti misteriosi fin dall’antichità più remota. Luogo di avvistamenti “ufo” tra i più citati, fin dai tempi pionieristici di Kolosimo. Persino la vegetazione che vi cresce è differente da tutto il resto della zona.

E’ il punto focale che probabilmente più di ogni altro ha creato quella base energetico-spirituale che ha fatto di Torino la città esoterica per eccellenza, nel bene e nel male. Come è tipico delle forze del drago…
Una zona fortissima quindi, al centro di un asse europeo spirituale fondamentale, forse il principale. Tenuta in equilibrio per secoli dalla spiritualità rappresentata da Michele, con le forze del drago domate e sepolte nel sottosuolo, in attesa della grande epoca dei “risvegli”.

E allora le forze oscure, quelle di altissimo livello nelle piramidi del Male, cosa hanno pensato di fare?
Hanno mosso le loro forze mercenarie, dai livelli locali fino a quelli centrali europei, per una operazione strategica. Un progetto mirante ad alterare antichi equilibri per renderli inutilizzabili a fini positivi: scavare una enorme galleria nelle viscere della montagna sacra, per sconvolgere il “chakra” Musinè, portando alla luce forze oscure e potenti dalle profondità della Terra. Per liberarle dall’influsso positivo delle correnti cosmiche e della vicina presenza benefica della Sacra di San Michele. E poi affondare ulteriormente il bisturi di morte scavando un percorso di distruzione sul “nadi” che punta a Mont Saint Michel.

E’ il tentativo di portare un colpo al cuore della geografia sacra europea. Tale da appesantire le atmosfere psichiche, creare una cappa di piombo in una vasta zona del nostro continente: il tentativo di creare un vero e proprio “infarto” nella circolazione delle energie a disposizione di tutti noi per i nostri risvegli.

L’operazione è così importante che tutti i terminali politici, economici, finanziari e mediatici, dei poteri oscuri sono compatti nel sostenerla. Anche se la popolazione locale è solidale nel respingerla. Lo fa per la propria salute, messa a rischio dall’uranio e dall’amianto che verranno portati in superficie, lo fa per salvare una natura già tanto colpita nel passato. Lo fa perché il cuore dei valligiani, che è inconsciamente in contatto con la realtà spirituale delle cose, sa molto meglio della mente che bisogna resistere, opporsi con fermezza ed energia all’aggressione spirituale. E che bisogna farlo in modo consono alla nuova coscienza che si risveglia e si sviluppa: con la verità e la non violenza.

Rispondere con la verità e la non violenza alla menzogna manipolatoria ed alla violenza del fronte compatto che vuole sacrificarli: un fronte di poveri schiavi dei poteri oscuri, che hanno venduto pezzi della propria coscienza in cambio di tanti o pochi spiccioli, di grandi, ma anche di piccolissime poltrone.


MONT SAINT MICHEL (FRANCIA)


SACRA DI SAN MICHELE (PIEMONTE)


SANTUARIO DI SAN MICHELE A MONTE SANT’ ANGELO (PUGLIA).

Nell’immagine sottostante invece abbiamo la linea completa ovvero le Enormi ley Lines che attraversano l’Europa, come la linea dell’Arcangelo Michele che da S. Michel Moint in Cornovaglia, tocca Mont Saint Michel in Francia, la Sacra di San Michele nella valle di Susa, il santuario pugliese di Monte S. Angelo, quello dell’isola di Simi per terminare nel Sinai.

Letteralmente piste diritte, costituiscono una rete di tracciati che uniscono luoghi ad alta energia distanti anche centinaia di chilometri. Alfred Watkins e William Lewis scoprirono alcune linee, le più importanti uniscono Carnac in Francia, con Karnak in Egitto passando per il centro di Lione e per i Fori Imperiali a Roma. Importante anche quella che unisce Mont Saint Michel in Normandia con Monte Sant’Angelo in Puglia passando per la Sacra di san Michele in Piemonte.
Ecco la ley line “completa” dell’Arcangelo Michele.


Irlanda: Skelling Michael… cliccare QUI

Cornovaglia: Saint Michael’s Mount… QUI

Francia: Mont Saint Michel… QUI

Piemonte: Sacra di San Michele… QUI

Puglia: Monte Sant’Angelo… QUI

Puglia: grotta di Minervino Murge QUI

Grecia: Santuario sull’Isola di Simi… QUI

Israele: Monte Carmel
Riferimenti a tutti i luoghi segnati nella mappa
http://www.cittadiluce.net/ley-line-arcangelo-michele-t140.html?hilit=ley%20line#p1090

http://sguardinellogos.blogspot.it/2012/06/la-linea-energetica-delle-tre.html


venerdì 20 novembre 2015

Jezebel nella nostra Società.La manipolazione della donna e dell'energia femminile.



Foto: https://i.ytimg.com/vi/CEvR57uSGoI/hqdefault.jpg
http://static1.squarespace.com/static/5270270be4b029f7b8646768/t/530014fce4b018a8a07daacc/1392514300973/Jezebel1.jpg


"Ma ho alcune cose contro di te: tu permetti a quella donna Iezabel, che si dice profetessa, di insegnare e di sedurre i miei servi inducendoli a fornicare e a mangiare cose sacrificate agli idoli." (Apo 2:20)

[1 Re 16:31; 2 Re 9:22,30.]

Chi era Jezebel (Iazebel)??
Iezabel era una persona vera. Jezebel, il carattere Biblico, appare i 1 Re 16, quando sposa Ahab, re di Israele, la parte nord del regno diviso. Jezebel era la figlia di Ethbaal, re e sommo sacerdote dei Sidoniani che adoravano Baal. L'adorazione di Baal è associata con ossessiva sensualità che spesso culminava in atti sessuali. Jezebel, come figlia di questo regno perverso, crebbe in una atmosfera dove il sesso era il percorso per il potere e influenza. Proprio come nei nostri tempi.

Achab, Re di Israele, era completamente soggiogato e dominato da Jezebel (tipo di uomo moderno). Fu Jezebel che introdusse l'adorazione di Ashtoroth in Israele. Questo dio/dea rappresentava la cultura Cananite della Luna (interessante notare che il simbolo dell'Islam è la Luna) era una dea affamata di potere e sesso. Prostitute/Sacerdotesse riempivano i suoi santuari che servivano i suoi adoratori. Queste legali esche sessuali con incontri erotici prontamente disponibili erano più di quanto gli uomini di Israele potessero resistere. Attraverso Jezebel, la maggior parte di Israele, il regno del nord, lascio l'adorazione di Dio per Baal e Ashtoroth. Il profeta Elia lamenta che soltanto 7000 uomini nell'intera nazione resistettero il suo controllo. 1 Re 19:18

La dea Ashtoroth or Asteroth per i Filistei era la stessa dea Semita Astarte, tutte e due modellate dalla babilonese Ishtar, altre controparte sono Isis e Hathor d'Egitto, Kali d'India e Afrodite e Demeter della Grecia. L'equivalente Romana era Diana la stessa in Att 19:35. Infatti la stessa "dea" che in questi giorni va con il nome di Maria.

Concernente quest'ultima, il Concilio di Efeso nel 431 AD ebbe il culto della dea vergine Diana (nella Grecia era Artemis, per i Fenici Astarte) soppiantato da quello per Maria dalla Chiesa Cattolica Romana per legittimare che era Maria che aveva i titoli "madre di dio" e "madre di tutti" e non Diana che aveva gli stessi attributi. Diedero a a Maria anche gli altri nomi di Diana come: "regina dei cieli" e "vergine divina" e il resto. Prima del 431 AD Maria non era riconosciuta e così nel 431 effettivamente paganizzarono la Cristianità a Efeso e Diana, sempre viva, ebbe il suo nome cambiato in quello di Maria.

Che tipo di spirito?
Lo spirito di Jezebel nasce dalla stregoneria e dalla ribellione. Questo demonio è uno dei più comuni spiriti in operazione oggi, sia nella chiesa come nel mondo, ed è un potente nemico del corpo di Cristo. Opera liberamente su sinceri credenti il cui cuore è individualmente per Dio e ottiene anche posizione di potere come principati e potestà dentro la chiesa. Questo spirito stabilisce la sua roccaforte primariamente nelle donne, ma anche tanti uomini sono vittimizzati, dove funziona come uno spirito di "controllo".

Lo spirito di Jezebel è dietro la figlia della Democrazia, il Femminismo.

Basilarmente lo spirito di Jezebel è uno spirito di controllo lavorando attraverso la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e l’orgoglio della vita. In generale ha due scopi:


Di ottenere identità, gloria, riconoscimento, potere e di soddisfare il suo bisogno di "odio per gli uomini". Questa è la conseguenza del desiderio di amore e valore - proprio centrato su se stesso.


Lo spirito di Jezebel odia gli uomini (maschi) e fa di tutto per evirare tutti gli uomini e di togliere loro l'autorità e potere sugli altri. Promuove diffidenza e odio per gli uomini in generale. Lo Spirito di Jezebel è in continua agitazione, terribilmente aggressivo, molto determinato, incallito, controllore, egoista, affamato di potere, manipolativo, senza pentimento, ingannevole, e soprattutto uno spirito maligno. E questi sono i suoi punti buoni. Veramente questo spirito può benissimo essere definito come "la donna di Satana".

Ci sono principalmente due tipi di spirito di Jezebel:


Il tipo di alto profilo che è generalmente socievole, schietto e altamente visibile. E' spesso vista come "la donna che porta i calzoni nella famiglia",


Il tipo basso profilo che parla soffice, dando l'illusione di essere premurosa, materna, protettiva, anche dando l'impressione di essere sottomessa. Questo spirito di basso profilo è il più pericoloso, perché è il più difficile da discernere. Essa dipende pesantemente su manipolazioni per il suo potere con sottili performance.

Qualche Caratteristica
Dentro questi due tipi ci sono due manifestazioni: La SEDUTTRICE e la FREDDA

La SEDUTTRICE usa ogni tipo di seduzione possibile per guadagnare controllo e potere come metodo di manipolazione ma si specializza sulla seduzione spirituale operando sia su donne come su uomini. La sua seduzione normalmente usa sottile adulazione e la sua seduzione è spesso fornicazione spirituale. Gli uomini sono particolarmente ciechi e facili vittime alle sue sottili seduzioni, come li lusinga con tutte le attenzioni. Le donne invece accecate dalla propria seduzione e non si aspettano, o non si rendono conto, di queste sottili manipolazioni.

Un buon esempio di Jezebel FREDDA è l'efficiente (spesso scialba) assistente esecutivo al fianco di un potente uomo di business o leader di chiesa. Spesso questo tipo di Jezebel non è socievole ma può essere molto schietta e aggressiva.

Breve lista degli aspetti di questo spirito:

Ingannatore
Questo spirito lavora in "privato", gente al di fuori del suo circolo a malapena conoscono le sue manovre e sono facile preda di manipolazione. Quelli che sono posseduti da lei hanno la tendenza di difenderla da ogni forma di critica. Come oggigiorno tanti uomini difendono le femministe.

Odia i maschi
Jezebel odia i maschi e si specializza nel distruggerli. Essa non può avere una vera e propria pia relazione con gli uomini perché il suo desiderio è quello di spogliarli da ogni percepito potere e poi di distruggerli, di evirarli emotivamente e spiritualmente.

Non sottomessa
Jezebel insulta, disprezza e dimostra nessun rispetto per l'autorità sopra di lei. Costruendo sull'avversione per autorità (specialmente quella per uomini) assieme con ribellione, essa odia chiunque abbia autorità su di lei (particolarmente da uomini) e cerca di distruggerli e di prendere i loro potere. Jezebel si considera come una "dea su un piedistallo".

Affamata di potere
Jezebel è estremamente affamata di potere, rispetta solo potere più forte del suo. Essa disprezza e considera se stessa superiore a chiunque che lei percepisce senza potere o potere meno del suo. Lei lavora attraverso le sue conquiste per ottenere potere su altri.

Intelligente
Questo spirito dall'Inferno è molto intelligente e trova molto stimolante controllare e manipolare gente intellettualmente abile. Essa è così abile a manipolarli cosi bene che loro in effetti l'adorano.

Forte lavoratrice
Frequentemente le Jezebels sono "super realizzatrici", che tristemente viene ammirato molto sia nella chiesa come nel mondo. E' anche una maestra nell'ostacolare altri ad ottenere qualcosa come: fare di tutto per prevenire altri ad ottenere le loro mete per poi criticarli di non essere capaci ad ottenere queste stesse mete.

Adoratrici di se stesse
Internamente le Jezebels si adorano, anche se esternamente presentano un dipinto di umiltà e sottomissione. Sono molto orgogliose di se stesse ed estremamente vanagloriose, e in questo orgoglio possono soltanto parlare di se stesse. Spesso sono molto attraenti e usano questa bellezza per sedurre le loro vittime.

Gelosia
Jezebel non può soffrire che altri abbiano attenzione sopra se stessa e farà qualsiasi cosa per pervenire che altri ricevano attenzione e riconoscimento. Se qualcuno si mette di mezzo fra di lei e la persona che cerca di controllare, essa attaccherà il più ferocemente nel cercare di distruggere la relazione con l'altra persona. Essa cercherà di distruggere la sua reputazione, minare la sua autorità e generalmente fermarsi a niente pur di separare chiunque dalla sua intesa vittima. Attenzione.

Manipolatrice
Jezebel usa le altre persone come oggetti, quando conviene al suo bisogno per guadagnare controllo, influenza e potere. Una volte ottenuto il controllo desiderato essa generalmente rigetta e butta via le persone usate. Se sono parte della sua famiglia lo fa con tanta emozione.

Regina Ape
Questo spirito domanda adorazione dagli altri (il sindrome dell'ape regina). Essa deve avere dominanza e controllo in casa sua. Gli altri membri della famiglia esistono solo per fare piacere a lei. Jezebel richiede "adorazione" dalla sua famiglia e seguaci ... di essere la loro "dea".

Dominatrice
Le Jezebels sono estremamente autoritarie (prepotenti) per natura, però molto sottilmente con il tipo di basso profilo. Esse sono facilmente offese se la loro autorità è messa in questione e spesso rispondono con estrema collera alla minima offesa. Esse domandano lealtà cieca.

Si aspetta cose non realistiche dagli altri
Quello che si aspetta da altri sono sempre cose non realistiche, perché gli altri non possono mai soddisfare le sue domande di completa sottomissione. Se ci provano essa li disprezza e li getta via dopo aver attenuto da loro quello che voleva. Chiunque cercasse di relazionarsi con una persona con questo spirito si trova in una situazione di perdita continua, impossibile farle piacere perché niente accontenta questo spirito.

Perfezionista
Perfezionismo e la comune caratteristica delle Jezebels, che genera auto odio nelle vittime, e disprezzano tutti quanto attorno a loro che falliscono di raggiungere i loro standard esagerati, cioè tutti. Questo è parte delle non realistiche aspettative in se stessa e in altri, ma è anche una scusa per mancanza di rispetto verso altri, specialmente quelli in autorità poiché quelli non sono all'altezza perciò lei non li deve rispettare, naturalmente.

Seduzione, Controllo, Manipolazione
Controllo e manipolazione sono le parti più forti della natura di Jezebel. Queste sono "spiriti di stregoneria" e sono estremamente pericolosi. Praticamente in tutto quello che fa Jezebel utilizza uno o tutti e due questi spiriti per ottenere la sua meta. Jezebel è la massima manipolatrice. Come la donna adultera essa dice: "Questa è la condotta della donna adultera: mangia, si pulisce la bocca e dice: «Non ho fatto alcun male!»." (Pro 30:20)

Il primo passo nel lavoro di Jezebel è quello di controllare la sua vittima con la seduzione. Lei usa: adulazione, melliflue profezie, parole piacevoli e lacrime seduttrici. Lei vedi i bambini nel matrimonio come strumenti e armi per manipolare il marito e la famiglia.

Essa sa come usare profondi lesioni emotive e ferisce per manipolare e controllare come crea apparenti profondi legami con altri. Jezebel ha gran piacere in attirare gente a se stessa e lontano da quelli che potrebbero veramente parlare bene nelle loro vite. Jezebel rende il suo meglio quando in un vortice di confusione e scompiglio.

Pescecane
Jezebel è un pescecane, crudele e pericoloso. Essa raggira le vite degli altri cercando qualcuno che sia responsivo, seducibile e controllabile per farne suo discepolo. A Jezebel piace dare nascita a figli spirituali suoi che mangino dal suo tavolo. Lei cerca quelli che sono ribelli, che sono deboli, feriti o quelli che contendono, che si oppongono e combattono ogni stabilita autorità spirituale.

Possessiva
Jezebel è molto possessiva e prepotente; vuole pieno controllo su altri. Jezebel ama il potere, "dammi, dammi, dammi" è il suo grido. I soldi non sono il vero motivante di questo spirito, è il Potere e l'Autorità che cerca veramente. Ad essa piace di avere controllo sulle vite di altri perché è nel controllare altri che lei estrae la sua forza. Come un ragno essa svuota le sue vittime spiritualmente. Essa usa colpe e debolezze che percepisce nelle persone per cercare di creare sentimenti di vergogna o colpa che ultimamente li porta a sottomettersi alla sua volontà. Usa anche paure e intimidazioni per manipolare altri ad essere sottomessi a lei.

Autocommiserazione
Jezebel usa autocommiserazione e le sue debolezze per manipolare altri ad essere sottomessi a lei per compassione o pietà. Essere spiacenti per Jezebel non è compassione, è follia.

Anche se spesso molto apparentemente molto dotata nel Signore, Jezebel opera in falso discernimento datole dal nemico nel parlare parole di conoscenza ottenute da uno spirito famigliare e NON dallo Spirito di Dio. Questa è stregoneria. Il potere di stregoneria è derivato da Satana stesso e ogni tentativo di manipolazione o di controllo "vende" sempre più a Satana e rafforza l'inganno in cui si trova Jezebel.

Usa persino la preghiera per manipolare quelli che sta corteggiando per avere controllo, specialmente preghiere udibili sopra quella persona per creare l'illusione che facendo il volere di Jezebel uno obbedisce il Dio; oppure per generare paura o emozioni dentro la persona e usarle per manipolare.

Questo è il significato di Apo 2:20.

Desiderio di Potere
Le Jezebels sono attratte alle persone di potere come "falene alla fiamma". Spesso queste intelligenti, efficienti, attraenti e anche impudenti Jezebels si trovano a servire "ai piedi" di leader prominenti, anche nella chiesa. L'inganno e la seduzione di Jezebel ha spesso cosi tanto successo che il leader non riconosce chi ha accanto. Il vero desiderio di Jezebel e quello di strappare il potere dalla persona che servono. Se quella persona ha dono profetico, la missione di Jezebel è di distruggerla usando qualsiasi metodo possibile; distruggere la loro credibilità, minare la loro autorità, discreditare il loro ministero, causare la loro caduta in tentazioni sessuali, eccetera.

Ambiziosa
Le Jezebels hanno desiderio di "salire la scala" dovunque si trovano. Questa è un'altra caratteristica da fare attenzione, non si trova una Jezebel che sia umile, penitente, democratica e non ambiziosa.

Convinta
Nonostante il sistema di credo di Jezebel sia ovviamente incorretto e maligno, loro credono fermamente in questo credo.

Le Jezebels sono normalmente gente di convinzioni profonde. Come detto prima, tante persone controllate dallo spirito di Jezebel hanno un cuore vero per Dio e onestamente desiderano servirlo. La Jezebel originale (lo spirito presente nella regina di Jezebel) era devota religiosa, ma in completa ostilità con Dio. Essa adorava all'altare di Baal (adorazione della carne). Le moderne Jezebels possono infatti credere che servono il vero Dio, però l'agenda nascosta è adorazione di se stessa. In tanti casi hanno una interpretazione privata della Bibbia, ma insistono con veemenza di essere corrette.

Mormorii, Lamenti e Criticismi
Mormorii, lamenti e criticismi sono tipici spiriti molto popolari specialmente nella chiesa e quelli più spesso usati dal maligno. Essa usa critiche di percepite colpe in altri per costruire la stime di se stessa e per giustificare la sua disobbedienza o mancanza di rispetto per altri. Dato che tende al perfezionismo, ogni colpa che trova in altri è ragione per disobbedire ogni autorità. Usa la critica come uno strumento per manipolare quelli attorno a lei ed assieme a mormorii e lamenti causa divisioni per indebolire i suoi opponenti e di conseguenza di guadagnare controllo su di loro per distruggerli.

Libidinosa
Le Jezebels sono "spiriti libidinosi" con brama del potere primariamente, però la loro brama si può manifestare sessualmente, se ottiene i risultati desiderati. Queste manifestazione variano dalla moglie che trattiene unione sessuale con il marito per scopi manipolativi ad utilizzare tentazioni sessuali per attirare i potenti in una posizione compromettente da causare la loro caduta e distruzione.

Le Jezebels spesso sono arrabbiate, brutali, e anche violente quando contrariate. Esse si accaniscono contro chi non vuole fare il loro volere o sottomettersi (specialmente se l'hanno fatto nel passato), frequentemente con crudeli attacchi verbali mirati ad umiliare. I danni emotivi causati da questi scoppi d'ira possono essere devastanti nei quali questa ira è diretta. Questi attacchi sono spesso sorgente di terribili ferite emozionali per i suoi figli e consorte. Quando questi scoppi si manifestano in pubblico spesso espone il vero spirito in operazione ad altri che ne erano oblii. Fate attenzione.


Infermità e malattie
Le Jezebels frequentemente godono della povera salute d'altri, anche della loro, specialmente il tipo di basso profilo. Per loro è uno strumento per avere attenzione e simpatia e altri tipi di manipolazioni. La tragedia è che questa forma di "infermità invitata" eventualmente porta a problemi fisici veri e diventa parte della distruzione che lo spirito opera in Jezebel, ma è inteso ad avanzare la sua meta piuttosto che indebolirla.

Vi siete mai sentiti insicuri in loro presenza? Fate attenzione, Jezebel ama immischiarsi nel reame dell'insicurezza. Lei scopre questo in voi istantaneamente e allora la seduzione comincia.

Distruzione
Oltre distruggere quelli che le sono attorno, Jezebel odia specialmente quelli che controlla dato che la sua missione è quella di distruggere i profeti, e tante sue vittime sono profeti di Dio, causando loro di auto distruggersi. Questo è il sindrome del "ragno vedova nera" dato che questo ragno vedova nera uccide il suo compagno. Nel reame spirituale essa ha due applicazioni: 1. Lo Spirito di Jezebel cerca di uccidere l'autorità maschile, o profeti e 2. cerca anche di uccidere la sua vittima che è consorte a lei quando essa prende controllo della sua vita.

Bestemmie
Le Jezebels imprecano contro chiunque, causando maledizione su se stesse senza rendersene conto. Jezebel è una maestra della critica, e del mormorio e della lagnanza. Spesso deliberatamente maledice coloro che sono contro di lei con intenzione di punirli e metterli a posto per portarli sotto il suo controllo. Jezebel fermamente crede che ha tutte le ragioni dalla sua parte per fare questo ed ha pieno sprezzo per il benessere e indipendenza degli altri, essendosi convinta che lei sa quale è la cosa migliore per loro. Tanti cadono a queste maledizioni. Pero per quelli che sono sotto la protezione della croce, queste maledizioni sono spesso trasformate in benedizioni dal Signore lasciando le Jezebels svigorite della energia spirituale, frustrate, confuse e completamente vinte, chiedendosi: "cosa è andato male?".

Complesso di superiorità
Le Jezebels si percepiscono come intellettualmente e spiritualmente superiori a tutti e "parlano giù" agli altri. Questa attitudine è di disprezzo per gli altri.

Lo spirito di Jezebel assolutamente odia e sfugge qualsiasi forma di Pentimento e Umiltà.

Dato che lo spirito di Jezebel è orgoglioso e ribelle, essa odia il pentimento e l'umiltà. Questi sono potenti armi che possono essere usati contro di lei, e sono anche la chiave per discernere questo spirito, cioè una persona ribelle piena di orgoglio che rifiuta di pentirsi.

Jezebel e la moda
Jezebel è molto attratta all'ultima moda di vestirsi e si veste per dimostrarsi superiore e letteralmente per "uccidere" .

Rancore e Risentimento
Rancore e risentimento contro ferite del passato sono nutriti nella vittima dallo spirito di Jezebel perché essa sa che la radice di amarezza cresce come il cancro e si manifesta in tanti tipi di disturbi fisici che lei può usare per le sue manipolazioni. Naturalmente questo cancro di amarezza lentamente distrugge la vittima che gradualmente cresce sempre più meno attraente, eventualmente assomigliando a una strega dove lo spirito nasce. La vittima marcisce dentro dimostrandolo sia spiritualmente come fisicamente. Lo spirito di Jezebel è molto ripulsivo.

Congreghe di Jezebels
Tante Jezebels sono attirate dalle più influenzali Jezebels in operazione. Anche se questo viene fatto inconsapevolmente, ha l'effetto di creare una piena congrega di effettive strateghe con l'alta sacerdotessa in carica con risultati devastanti. Le puoi vedere su tutta la nazione nelle organizzazioni Femministe.

Jezebel e Bambini
L'opinione di Jezebel sui bambini è perversa. Lei dice che li ama, ma non sa nemmeno come amarli e li usa come armi per avanzare i suoi bisogni egoistici. I bambini sono semplicemente pedine nel suo gioco di potere e controllo. Infatti l'orientamento nel mondo Occidentale e quello di avere sempre meno bambini, o nessuno. Una nota femminista Jezebel ha detto: " la cosa più misericordiosa in una grande famiglia è quella di uccidere qualcuno dei suoi infanti".

Pugnala nella schiena
Jezebel è la classica pugnalatrice nella schiena; ti sorride, ti abbraccia e bacia, ma appena giri le spalle ti pugnala nella schiena ripetutamente, con vigore godendo di ogni ferita che ti infligge. E' uno spirito molto maligno e ambiguo. Guardarsi le spalle.

E questo per menzionare solo pochi delle caratteristiche dello spirito Jezebel che viene dall'Inferno.

Cosa dire dello spirito di Achab.
C'è da notare che in questi tempi ci sono sempre più donne nelle chiese che uomini. Questo succede quando il capo spirituale e naturale della famiglia sono donne. Gli uomini hanno la tendenza di "fuggire per i monti" quando le donne infrangono sui loro prestabiliti ruoli.

Lo spirito di Achab è una figura debole ed evirata, infatti la maggioranza degli uomini moderni sono sotto questo spirito, ridotti in schiavi delle loro mogli. C'è un aforisma che dice: "Ci sono due tipi di uomini in questo mondo: quelli che governano e quelli che non governano - se non governi sei governato".

Questa coppia, Jezebel e Achab, rappresenta molto bene la situazione in questa nostra società.

Era Jezebel che era la più spirituale, fu lei che si prese il ruolo dominante. Jezebel usò lo stato emotivo di Achab per ingraziarsi con lui, fu questa donna che guidò suo marito a fare quello che lei voleva, era lei che dettava legge e portava "i calzoni" nella loro relazione. Non è questo un perfetto dipinto della nostra società democratica?

Ma cosa succede quando la donna si prende il ruolo dominante che Dio ha prescritto per gli uomini?:


Se la donna si prende il ruolo del marito nel dirigere la famiglia, egli perderà la sua naturale iniziativa di prendersi la sua responsabilità,


Quando la donna si prende la conduzione, essa si addossa il ruolo maschile. A meno che suo marito non combatte per la supremazia, deve assumersi un ruolo secondario. Uomini che sono forzati alla sottomissione dalle loro mogli hanno la tendenza ad essere irritati, avviliti e di ritirarsi come Achab,


Quando un uomo prende un ruolo spirituale al comando dalla moglie diventa vulnerabile ad essere guidato dalla moglie in quel ruolo. Questo è contro le direttive di Dio e la natura che Egli diede, e spesso porta conflitti nella famiglia e nella chiesa,


Tanti uomini girano la testa quando vedono le loro mogli venire fuori dal loro ruolo ed immedesimarsi in quello del marito. Questi uomini preferiscono non avere a che fare con la fredda stizza dalla moglie che riceverebbero se offrissero la minima resistenza. Avete visto questo tipo di comportamento?

Achab preferì di non notare quando sua moglie "lavorava" dietro la scena. Tanti uomini (quasi tutti oggigiorno) girano la testa quando vedono le proprie mogli uscire dal ruolo che Dio ha dato loro. Jezebel sapeva che lei non era la testa legittima cosi invocava il nome del marito per avere autorità. Quante volte si sente dire: "Oh! mio marito non mi permetterebbe questo" quando si sa che in verità al marito non importa nulla. E' un modo per mantenere controllo e fermare quelli che farebbero domande. Quando una donna fa questo; qualsiasi ministero Dio le ha dato, si ferma.

Jezebel era profondamente preoccupata dalle cose spirituali e fece passi per promuovere i suoi leader spirituali. Nel processo essa provocò sua marito a distruggere quelli che avevano autorità spirituale che a lei non piaceva. Avete mai visto donne che influenzano i propri mariti a pensare male di quelli in autorità che non piacciono? Quando una donna raggiunge questi livelli potrebbe anche cambiarsi il nome a "Jezebel".

Il problema è che l'uomo è fatto in un certo modo e non ha difesa contro l'amore di una donna che ama. Questo ve bene se il matrimonio è in ordine, ma se va a finire nelle mani di una Jezebel, veramente la sua vita diventa l'Inferno in terra.

Sfortunatamente, con avvento della Democrazia e con l'approccio egalitario ci sono miliardi di Jezebels nel mondo e quelli che una volta erano uomini veri sono stati adesso ridotti a tipi deboli come Achab, essi sono stati castrati mentalmente e il mondo è in profonda decadenza per questo, come vediamo tutt'intorno.

Quante donne conoscete oggi che corrispondono a questo?: "10 ¶ Chi troverà una donna forte e virtuosa? Il suo valore è di gran lunga superiore alle perle. 11 Il cuore di suo marito confida in lei e avrà sempre dei guadagni. 12 Ella gli fa del bene e non del male, tutti i giorni della sua vita." (Pro 31:10-12)

Quanto è potente questo demonio di Jezebel?
Per sette anni Dio protesse Elia attentamente, Dio lo nutrì nella terra desolata. Quando gli eserciti di Achab cercarono di ucciderlo, non furono capaci di toccarlo nemmeno con un dito.

Alla fine, in un finale confronto su Monte Carmelo, Elia chiamo fuoco dal cielo e con clamoroso risultato sconfisse e uccise i sacerdoti di Baal. Tutto Israele cadde ai suoi pedi in pentimento, adorando il vero Dio. Elia era l'uomo del momento, fu vendicato, vittorioso e chiaramente in comando.

Nonostante ciò, quando Jezebel mandò a Elia una sola minaccia, egli improvvisamente si girò codardo e fuggì nel deserto. Ansioso, depresso e miserabile implorò Dio di ucciderlo. Tipicamente come gli uomini d'oggi, che scappano per i monti. Una volta chiesi ad una delle nostre segretarie di prepararmi certe carte e le diedi tanto tempo, ma quando fu scaduto essa no le aveva preparate, così le feci sapere il mio dispiacere in termini chiari. Ella mi guardò con tutto l'odio che poteva radunare e sibilo fra i denti le usuali farsi femministe: "tu sei un maschilista". "Si" le risposi "e così è mio Padre avendoli creati maschio e femmina". Mi guardò ancora più violentemente, come pronta a darmi uno schiaffo che io ero preparato a ritornarlo, ma si limito a girarsi su tutte le furie e non mi parlò mai più. Ma le carte furono pronte in un baleno e non ebbi più problemi con lei per altre carte. Vedete lei mi odiava con tutto quello che aveva dentro ma mi rispettava perché le ho tenuto testa. Quanti uomini pensate che avrebbero fatto così oggi? Penso molto pochi.

Questa faccenda di Elia non fa senso, egli godeva di protezione super naturale da sette anni. Chiamò fuoco dal cielo e sconfisse i suoi tanti nemici, malgrado questo una singola irata donna lo minaccio una volta e lui perse ogni frammento di visione e scappò. Egli si lamentò in auto commiserazione e depressione chiedendo a Dio di ucciderlo. Sicuramente quella fu una magnifica dimostrazione della potenza di Dio e quella potenza era con Elia, ma ad una parola di Jezebel si dimentico tutto e fuggì impaurito. Sicuramente questo comportamento infastidì il Signore almeno un poco, perché in quel momento Elia dimostrò di temere più la donna Jezebel che Dio stesso.

Questo è un buon esempio della potenza di questo demonio Jezebel ad intimidire e di creare paura e causare gli uomini a ritirarsi. La Jezebel ruba le nostre visioni. Jezebel ci rende depressi e ansiosi anche quando non c'è niente di significante o differente nelle nostre circostanze. Se ci sono circostanze difficili questo spirito ci dice che sono insormontabili, impossibili e schiaccianti. Jezebel ci fa sentire come se stessimo morendo quando in effetti siamo l'uomo di Dio del momento.

La stregoneria di Jezebel attacca i leader chiave nell'obiettivo scelto attraverso intimidazione. Quelli sotto attacco potrebbero svegliarsi il mattino presto con difficoltà a respirare. Tutta la gioia sembra essere partita. La vita spirituale sembrerebbe irrilevante. Voci demoniche farebbero eco nelle nostre menti: "c'è qualcosa che non va con te". Ci potremmo trovare in una forte ansietà, temendo una tragedia e morte. Tanto di quello che viene chiamato "depressione" nel ministero è semplicemente lo spirito di Jezebel.

Jezebel vuole paralizzare attraverso la paura. condanna, depressione, apatia o qualsiasi cosa che ci vuole perché ci ritiriamo. L'unica risposta per quelli sotto gli attacchi di Jezebel è perseveranza nella battaglia. Dobbiamo rimanere sul cammino, non importa quello che ci vuole.

La cosa triste e che Jezebel ha così tanto successo nei suoi sforzi oggigiorno.

Guerra
La guerra continua tutt'oggi fra Jezebel ed Elia. Come tutte le guerre ci sono casualità. Anche i leader qualche volta cadono. Certe volte i soldati fuggono. Jezebel vuole tenere la chiesa e il mondo dentro i suoi confini. Essa pretende di decidere i limiti della chiesa. Non dobbiamo permettere questo.

Cosa dobbiamo fare?
Prima di tutto dobbiamo liberarci dalle vie di Jezebel nelle nostre vite, Non possiamo cacciare la libidine se l'ospitiamo nella nostra vita. Non possiamo scacciare lo spirito di controllo se usiamo manipolazione per tenere la nostra congregazione sotto controllo. Dobbiamo esaminare le nostre vie e pentirci di Jezebel in noi.

Secondo, ci vuole Jehu. Nonostante che Elia fosse nemico di Jezebel, ci volle Jehu per calpestare la Jezebel.

Jehu non prendeva prigionieri e non dimostrò pietà per Jezebel. Come si avvicinava a Jezebel quelli che videro il suo carro notarono che "guidava furiosamente" (2 Re 9:20). Quando gli altri offrivano pace e compromesso, Jehu rispondeva "«Che pace vi può essere finché durano le prostituzioni di tua madre Jezebel e le sue numerose magie?» (2 Re 9:22)

E questo è ripetuto nel Nuove Testamento: "E quale armonia c’è fra Cristo e Belial? O che parte ha il fedele con l’infedele?" (2Co 6:15) NESSUN COMPROMESSO POSSIBILE.

Jehu non ebbe riposo finché Jezebel non era morta. I suoi piaceri non lo attiravano, le sue minacce non lo scoraggiavano. Egli non tollerava Jezebel.

Gesù dice che anche noi non dobbiamo TOLLERARE Jezebel (Apo 2:20). Dobbiamo imparare la potenza profetica nella parola "NO". Non dobbiamo indietreggiare.

Quando Jezebel cercò di sedurre Jehu, egli non si permise nemmeno di essere attirare in conversazione con lei. Invece, egli chiamò gli eunuchi (tipo di uomini d'oggi) a buttarla giù dal balcone. Quelli con l'unzione come Jehu dirigono gli schiavi, mentalmente castrati di Jezebel, di alzarsi dalla loro miserabile situazione e gettare giù Jezebel per essere liberi.

"NO" è la parola operativa contro Jezebel, quando quelli in autorità dicono "NO" a lei, essa è pronta per la guerra. Ricordiamoci che Jezebel è uno spirito guerriero sempre pronto per la battaglia. Ma noi dobbiamo essere forti e mantenere il nostro terreno.

Fratelli, il tempo è già tardi, infatti è quasi passato, ma dobbiamo alzarci e stare in piedi, per riconquistare la posizione che Dio ci ha dato. Cosa diremo al nostro amato Signore Cristo Gesù, quando ci chiederà: "Cosa hai fatto della vita che ti ho dato?". Ci saranno teste abbassate e deboli voci: "Tu sai, o Signore".

Dobbiamo lavorare assieme con accordo comune con la cazzuola in una mano e la spada nell'altra.

"16 ¶ Da quel giorno, la metà dei miei servi si occupava dei lavori, mentre l’altra metà impugnava le lance, gli scudi, gli archi e indossava le corazze; i capi erano dietro tutta la casa di Giuda. 17 Quelli invece che costruivano le mura e quelli che portavano o caricavano i pesi, con una mano si occupavano dei lavori e con l’altra tenevano la loro arma. 18 Tutti i costruttori, lavorando, portavano ciascuno la spada cinta ai fianchi, mentre il trombettiere stava accanto a me." (Nee 4:16-18 LND)