giovedì 28 agosto 2014

LA RICERCA DELLA LIBERTA' E' LO SCOPO DEI NUOVI VEGGENTI TOLTECHI





CARLOS CASTANEDA E I NUOVI VEGGENTI TOLTECHI

La Ricerca della Libertà è lo scopo dei Nuovi Veggenti Toltechi
La presunzione, l’arroganza, l’incessante ricerca di potere furono la causa principale della disfatta degli antichi Stregoni. I pochi Stregoni Toltechi sopravvissuti continuarono ad esercitare le loro arti nella più assoluta segretezza, facendo leva proprio sulle difficoltà vissute, per evolversi ulteriormente. L’attuale linea di discendenza di don Juan – che risale intorno al 1.000 d.C. – ebbe origine da un’approfondita analisi e revisione critica dei precetti originali al fine di non incorrere più negli errori dei predecessori. Pur rimanendo molto pragmatici nelle loro azioni, essi presero distanza da quella stregoneria legata al raggiungimento egoistico del potere e si dedicarono solo all’Astratto.
Col termine Astratto – Spirito, Intento, Assoluto, Nagual, Aquila – venne definita l’immane forza dell’universo che è responsabile proprio del movimento del Punto d’Assemblaggio e, dunque, della percezione. I Nuovi Veggenti sentirono che era Libertà ciò che li chiamava. La libertà di uscire dalla rigida fissità del Punto d’Assemblaggio, la libertà cioè di percepire gli aspetti multidimensionali dell’essere e di andare anche oltre ogni mondo concreto, proprio nell’Astratto, nell’Infinito. Questo ci ricorda la concezione dell’Uno-Tutto. Poiché l’Intento è la forza che gestisce l’Universo, gli Sciamani si posero l’obiettivo di entrare in risonanza con tale forza e di controllarla. La Padronanza dell’Intento divenne così un punto cruciale per gli Sciamani del nuovo ciclo. Poiché però con l’Intento non si scherza, essi mirarono a familiarizzare con questa forza attraverso tecniche modificate dell’Arte di Sognare allo scopo di imparare la Padronanza della Consapevolezza e forme evolute dell’Arte dell’Agguato, che puntano a sviluppare un’impeccabile padronanza del proprio comportamento.
«L’arte dell’agguato consiste nell’apprendere tutti i trucchi del camuffamento, e impararli così bene che nessuno si accorge che si è camuffati. Per riuscirci è necessario essere spietati, astuti, pazienti e gentili. La spietatezza non dovrà essere durezza, l’astuzia non dovrà essere crudeltà, la pazienza non dovrà essere negligenza né la gentilezza stupidità.» don Juan Matus (1)
«L’arte dell’agguato consiste in una serie di procedure e atteggiamenti che consentono al guerriero di trarre il meglio da ogni possibile situazione.» don Juan Matus (2)
La spietatezza è l’arte di non raccontarsela e di non indulgere nell’autocommiserazione; l’astuzia è l’uso strategico delle circostanze; la pazienza è la rinuncia all’aspettativa e la fiducia nell’Intento; la gentilezza è scegliere e percorrere sentieri che hanno un cuore.
«Un guerriero è un cacciatore perfetto che dà la caccia al potere… Un Guerriero-cacciatore ha contatti stretti con il suo mondo, ma al tempo stesso a quel mondo è inaccessibile. Lo sfiora appena, si trattiene il tempo necessario e quindi si allontana senza quasi lasciare il segno… Per un Guerriero essere inaccessibile significa relazionarsi con parsimonia con il mondo circostante. Soprattutto, un Guerriero evita di esaurire se stesso e gli altri, non usa né spreme le persone fino a ridurle a nulla, in particolare le persone che ama.» don Juan Matus (3)
Proprio allo scopo di ridurre la presunzione e l’arroganza, ma soprattutto per controllare le fissazioni del Punto d’Assemblaggio, venne attribuita grande enfasi al tendere agguati a se stessi. Prese forma una regola che collegava le tre arti del Sognare, dell’Agguato, e dell’Intento e che guidava l’apprendista Sciamano (Uomo di Conoscenza) sul cammino della Libertà, la Via del Guerriero.
«Il potere garantisce sempre al guerriero un centimetro cubo di possibilità. L’arte del guerriero sta nel mantenersi costantemente fluido così da poterla cogliere.» don Juan Matus (4)
«L’arte del guerriero sta nel bilanciare il terrore di essere uomo con la meraviglia di essere uomo.» don Juan Matus (5)
«Ci sono molte cose che un guerriero può fare in un determinato momento e che non avrebbe potuto fare anni prima. Non perché quelle cose siano cambiate; ciò che è cambiata è l’idea che lui ha di sé.» don Juan Matus (6)
Il cammino del guerriero si concretizza alla fine in un unico straordinario atto: il Fuoco dal Profondo chiamato anche il Volo Astratto.


RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI


Quando lo Sciamano arriva al Sapere diventa Uomo di Conoscenza
Il cammino del guerriero si concretizza alla fine in un unico straordinario atto: il Fuoco dal Profondo o il Volo Astratto. Dopo una vita d’impeccabile condotta da Guerriero, lo sciamano può compiere il salto definitivo e aggirare la morte ordinaria muovendo consapevolmente il Punto d’Assemblaggio lungo tutto il diametro dell’uovo luminoso – cioè attraverso tutta la sfera delle percezioni accessibili all’uomo – in un solo momento. Il Fuoco dal Profondo consiste nell’attivazione contemporanea di tutte le fibre luminose e questo fa letteralmente sparire dalla faccia della terra lo sciamano. Egli si trasforma in pura energia consapevole e libera, e vive così la Terza Attenzione, una coscienza incommensurabile che interessa aspetti indefinibili della consapevolezza del corpo fisico e del corpo luminoso.
Carlos Castaneda e gli Sciamani Uomini di Conoscenza
Don Juan non ha riferito, attraverso Castaneda, quanti stregoni abbiano conseguito questo incredibile traguardo. La storia delle prime generazioni di Uomini di conoscenza del lignaggio di don Juan rimane un mistero. La linea di don Juan è stata diretta dalla fine del XVI secolo fino ad oggi da sedici Nagual.
«Il nuovo ciclo stava giusto prendendo piede quando gli spagnoli invasero il Paese. Per fortuna i nuovi veggenti erano perfettamente preparati a far fronte al pericolo: erano già esperti praticanti nell’Arte dell’Agguato. I secoli successivi al soggiogamento fornirono loro le condizioni ideali per perfezionare le loro abilità. Per strano che possa sembrare, furono proprio l’estremo rigore e la coercizione di questo periodo a dar loro l’impulso ad affinare i loro nuovi principi. E poiché non divulgavano mai le loro attività, rimasero liberi di esplorare e tracciare il corso delle proprie azioni.» don Juan Matus (1)
Non vi era reale possibilità di intesa con i conquistadores, così i nuovi veggenti vissero in incognito. Ogni Nagual si isolò deliberatamente con il proprio seguito di veggenti, in modo da non aver alcun aperto contatto con altri veggenti. Questo il lignaggio noto che porta al Nagual Carlos Castaneda:
Nagual Sebastian - Nagual Santisteban - Nagual Lujan - Nagual Rosendo - Nagual Elias - Nagual Julian - Nagual Juan Matus - Nagual Dilas Grau (Carlos Castaneda).
Un Nagual del nuovo ciclo non cercava un allievo, e nemmeno l’allievo poteva cercarsi un maestro: era sempre e solo un’indicazione dello Spirito, dell’Intento che poteva instaurare questo speciale rapporto tra i due. Il Nagual Carlos Castaneda, per la sua particolare configurazione energetica era destinato a essere l’ultimo anello del lignaggio di don Juan. Non esistono dunque allievi di Carlos Castaneda, esistono solo le streghe-compagne al suo seguito: Carol Tiggs, Taisha Abelar e Florinda Donner-Grau, tutte allieve di don Juan e del suo seguito. Gli eredi di questa incommensurabile conoscenza Tolteca siamo noi, se lo vogliamo essere. Il Nagual Carlos ci ha lasciato a disposizione 12 libri magici (nel vero senso della parola) che sono altrettanti manuali pratici dell’arte della libertà.
«Non ci sono procedure nella stregoneria, non maestri, non metodi, non gradi. L’unica cosa importante è lo spostamento del Punto d’unione… Qualunque essere umano che seguisse una determinata e semplice sequenza di azioni, potrebbe imparare a spostare il proprio Punto d’unione…
la sequenza di azioni scaturisce dalla consapevolezza dello Spirito…
La maggior parte di noi non è disposta ad accettare che ci serva così poco per andare avanti. Siamo attrezzati a esigere istruzione, insegnamenti, guide, maestri. E quando ci si dice che non ne abbiamo bisogno, non ci crediamo. Diventiamo nervosi, poi diffidenti, e infine irati e delusi. Se abbiamo bisogno di aiuto non è nel metodo, ma nell’enfasi. Se qualcuno ci fa notare che è necessario ridurre la nostra presunzione, ecco, quello è un aiuto vero… Allora, perché siamo così dipendenti? Perché desideriamo che qualcuno ci guidi quando possiamo fare da soli?» don Juan Matus (2)
Carlos risponde alla provocatoria domanda del suo maestro solo nel suo ultimo vero libro, Il Lato Attivo dell’Infinito (La Ruota del Tempo, l’ultimo scritto è una raccolta commentata di brani dei suoi altri testi).





Nessun commento:

Posta un commento