lunedì 21 ottobre 2013

68 anni d'invasione vaticana targata USA in Germania.





Statua di Nettuno a Berlino. Germania ancora senza armistizio. Intervista con Wolfgang Gerhard Günter Ebel -- Germania dal 1945 è ancora occupata militarmente dalla SHAEF ed è commissariata dall'ONU (società militare privata del Vaticano) per tale ragione possiede solo una Costituzione provvisoria. Wolfgang Gerhard Günter Ebel è stato obbligato dall'ONU a ricoprire carica di Commissario del Governo provvisorio di Germania. Egli ci spiega perché anche adesso Germania non può aderire ad alcun intento unitario politico tra stati nazionali in Europa e per tale ragione non può esistere giuridicamente alcuna "unione" europea.

http://www.cieliparalleli.com/Appunti-di-Cronaca/germania-ancora-senza-armistizio-intervista-con-wolfgang-gerhard-guenter-ebel.html

Immagine d'intestazione tratta in http://www.flickr.com/photos/_neb/7599015822/


<<Mercoledì 9 maggio 2003 - "La conduzione di leggi d'occupazione U.S. in Germania sotto il Supreme Headquarters Allied Expeditionary Force (SHAEF) è già in esecuzione, afferma Wolfgang Gerhard Günter Ebel (Reichskanzler). La prima legge Proclamazione N°. 1, assegnò al Generale Dwight D. Eisenhower la suprema autorità nell'area sotto il controllo U.S. sottoscritto al 13 Febbraio 1944. Le autorità degli Alleati informarono Ebel che quella legge della SHAEF sarebbe rimasta effettiva per 60 anni dalla data di segnatura e applicata a tutta l'Europa. ...>>.



Titolo originale: "GERMANY: 58 YEARS OF U.S. OCCUPATION". By Christopher Bollyn

http://www.cieliparalleli.com/documenti033/Germany_58_US_occupation_by_Christopher_Bollyn_9_may_2003.pdf

Traduzione in italiano di Lorella Binaghi

Segue traduzione in italiano del testo: GERMANY: 58 Years of U.S. Occupation. By Christopher Bollyn
Date: Friday, 9-May-2003 03:15:26
http://www.rumormillnews.com/cgi-bin/archive.cgi/noframes/read/31884



GERMANIA: 58 anni d'occupazione USA. Di Christopher Bollyn
Inviato da: ChristopherBollyn
Date: Friday, 9-May-2003 03:15:26

9-maggio-2003 - Cinquantotto anni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, lo stato della Germania è ancora privo di una costituzione e di un trattato di pace. La Germania rimane una colonia d'occupazione degli Stati Uniti, secondo il governo provvisorio del Secondo Reich Tedesco, il quale cerca di restaurare la sovranità germanica basata su leggi internazionali.

POSTDAM, Germania - L'occupazione degli Alleati in Germania iniziò 58 anni fa in questo mese e davanti gli occhi dei molti tedeschi che non furono sterminati. Armate straniere sono già basate sul suolo tedesco e su quello di prosperose ampliate democrazie già private di una costituzione e di un trattato di pace entro una formale fine alla Seconda Guerra Mondiale.

Per la Germania, la Seconda Guerra Mondiale è come per i conflitti in Iraq ed in Afganistan privi di chiusure legali, perché un trattato di pace non è mai stato stabilito fra gli Alleati e la Germania.

La determinata proposta delle forze angloamericane in Iraq è liberare il popolo Iracheno e stabilire la democrazia. In ogni modo, se l'occupazione degli U.S.A. e dell'Inghilterra in Iraq segue i modelli stabiliti dall'occupazione degli Alleati in Germania, una democrazia sovrana in Iraq non apparirà nel prossimo futuro.

Benché, la vittoria maggiormente strombazzata dal Presidente George W. Bush dal ponte di una nave porta aerei sia stata intesa come simile a quella mostrata nel conflitto in Iraq la cui fine non è mai avvenuta, e se là il modello Tedesco è ripetuto non vi sarà mai una formale fine alla guerra in Iraq.

Durante la parziale riunificazione, Germania è considerata una moderna nazione della democrazia Europea, ma questa non ha ancora avuto una Costituzione, soltanto una temporanea Legge Basica (Grundgesetz)scritta originalmente nel 1948 sotto la guida delle forze d'occupazione militare U.S.A., ed originalmente intesa ad applicarsi alle sole parti Orientali della Germania sotto il controllo degli U.S.A.. Uno degli articoli finalizzati dalla Legge Basica assicura che la stessa sarà rimpiazzata quando la Germania otterrà una costituzione.

La definizione dell'Articolo 23 di una legale Legge Basica giuridica è stato rimosso alla richiesta del passato Segretario di Stato James Baker, durante la conferenza di Parigi dei poteri Alleati ai due vecchi stati della Germania, il 17 Giugno 1990. I due stati della Germania furono aboliti legalmente a quella conferenza e i suoi ministri furono informati dei cambiamenti solo dopo che questi furono effettuati. Come risultato di quei cambiamenti, la Legge Basica non applica legalmente la riunificazione degli stati della Germania, secondo le affermazioni d'alcuni esperti legali.

In ogni caso la Legge Basica è incompleta e contraddittoria e, dunque, non può servire come una propria costituzione. Per esempio l'articolo 139 dichiara che il "provvedimento legale" concernente il Nazismo ed il militarismo in Germania "non è centrato" dalla Legge Basica. Quest'articolo indica che le numerose leggi d'occupazione degli Alleati e proclamazioni rimangono in effetti in disprezzo della Legge Basica.

"L'Articolo 139 è una piccola contraddizione." Christian Tomuschat, professore di legge Costituzionale in Germania all'Humboldt University lo dice all'American Free Press. Nonostante gli ovvi problemi con la Legge Basica, la quale non è mai neanche stata ratificata dal voto del popolo. Tomuschat afferma secondo la sua opinione che "La Grundgesetz" è una valida Costituzione della Germania, la stessa ha solo acquisito un nome diverso", egli afferma.

Non ci sono movimenti in Germania attraverso la creata costituzione, secondo Tomuschat il quale dichiara che una propria costituzione non è importante quanto il problema della disoccupazione: "Il lavoro è adesso più importante di una costituzione," Afferma Tomuschat ad AFP.

Il motivo è che l'invalidata e temporanea Legge Basica che serve di fatto alla costituzione è inaccettabile per Wolfgang Gerhard Günter Ebel, del provvisorio Reichskanzler. Ebel iniziò il governo provvisorio che dichiara sia il legale successore, del Secondo Reich Tedesco, che fu rimpiazzato dal Terzo Reich Adolf Hitler. (1933-45) in sospeso.

Il Secondo Reich Tedesco sta sulla costituzione della Repubblica di Weimar creata in Agosto del 1919, Ebel dice ad AFP.

Nel 1987, gli Alleati sollecitarono Ebel a mostrare una copia datata 1919, dell'originale costituzione del Reich Tedesco di Weimar, intatta. Quella è l'unica costituzione legale per la Germania, secondo Ebel, finché un trattato di pace sarà firmato.

Gli Alleati riconobbero i legali confini del Reich Tedesco dal 31 Dicembre 1937. Questi confini includono le terre occupate della Germania quali la Prussia dell'Ovest, la Pomerania e la Slesia, la posizione finale della quale fu determinata inizialmente in una sorta d'assetto di pace.

Quell'assetto di pace mai si costituì. Il così chiamato Assetto Finale del 12 Settembre del 1990 nominato per gli esistenti confini fra la Polonia e la Germania, confermò alla Germania di rinunciare ad ogni dichiarazione territoriale futura. La condizione della Prussia Occidentale e della città capitale Königsbergche che fu occupata e rinominata dall'Unione Sovietica nel 1945, non fu mai menzionata nell'Assetto Finale.

In accordo con il governo provvisorio, l'Assetto Finale non è valido perché lo stesso fu negoziato e sottoscritto da ministri degli esteri dei due stati della Germania, il BRD e il DDR, entrambi dei quali legalmente cessati d'esistere dopo la conferenza di Parigi, il 17 Luglio del 1990.

"Il governo in Germania è illegale, " Ebel afferma ad AFP, " e quello che eseguono con lo stesso, non ha basi legali." Chieda com'è possibile che il popolo germanico sia ignaro di questa situazione, attesta Ebel "I media Tedeschi sono già sotto il controllo degli Alleati. I mezzi mediatici d'informazione sono controllati interamente."

"La Seconda Guerra Mondiale, non è cessata poiché un trattato di pace non è mai stato firmato fra la Germania e gli Alleati," Ebel dichiara, "Un contratto per la pace è la più importante cosa da noi ritenuta necessaria e voluta."

Siccome non c'è un formale trattato di pace tra la Germania egli Alleati condotto dagli Stati Uniti, la sovranità della Germania è compromessa. "Finché non avremo un trattato di pace, la Germania è una colonia degli Stati Uniti," dichiara Ebel a John Kornblum del Dipartimento di Stato U.S, il 20 Ottobre 1985. Kornblum è adesso impiegato alla Lazar Bank di Berlino, secondo le dichiarazioni d'Ebel.

Almeno 80.000 militari del personale U.S. sono basati permanentemente in Germania lo stesso l'Inghilterra continua a basare truppe ed equipaggiamenti militari nella zona della Germania Orientale dagli stessi occupata formalmente. Non è inconsueto vedere carri armati britannici sulle strade vicino al tratto di Münster in Westphalia.

La conduzione di leggi d'occupazione U.S. sotto il Supreme Headquarters Allied Expeditionary Force (SHAEF) è già in esecuzione, afferma Ebel. La prima legge Proclamazione N°. 1, assegnò al Generale Dwight D. Eisenhower la suprema autorità nell'area sotto il controllo U.S. sottoscritto al 13 Febbraio 1944. Le autorità degli Alleati informarono Ebel che quella legge della SHAEF sarebbe rimasta effettiva per 60 anni dalla data di segnatura e applicata a tutta l'Europa.

Tutti i richiami al Dipartimento di Stato dell'Ambasciata U.S. di Wasinghton a Berlino riguardanti la validità legale dello SHAEF e della proclamazione dell'occupazione U.S in Germania, non ebbero mai repliche.
"Quando vi sarà un trattato di pace - quando la ferita sarà guarita molte cose cambieranno," Afferma Ebel, "non solo per la Germania ma per l'intero mondo.

"Le Nazioni Unite sono lo stesso provvisorie - se la vi sarà un trattato di pace fra la Germania e gli Alleati (principalmente gli Stati Uniti) - L'ONU cesserà d'esistere come noi ben sappiamo, egli afferma. L'organizzazione ONU fu fondata nel 1945 ed originata con 26 nazioni che scelsero la coalizione contro i Nazisti nel 1942, dal 1944 la coalizione crebbe includendo 47 nazioni.

L'Agenda ONU contiene "clausole per gli stati nemici" (Articolo 53 e 157), quali furono stabiliti e citano il nome della Germania tra quelli ritenuti "nemici di stato."

"La Bundesrepublik Deutschland (l'antico stato della Germania Orientale) non è il legale successore o erede del Secondo Reich Tedesco," secondo Ebel. Per tale ragione un legale trattato di pace non può essere sottoscritto dall'attuale governo Tedesco a Berlino, egli afferma.

"Fintanto ché un reale governo non sia istituito e votato dal popolo," dichiara Ebel, è necessario un governo provvisorio per adempiere un ruolo su un legale governo della Germania."

Gli Alleati avevano autorizzato Ebel a servire da guida ad un governo provvisorio, egli afferma, un civile servo di una Germania arbitraria. Ebel nacque a Berlino nel 1939 ed è un cittadino del Reich Tedesco non avendo mai riconosciuto la cittadinanza d'altri stati della Germania risultati dalla Seconda Guerra. Berlino fu una zona separata e "non fece mai parte della BRD o DDR, " afferma Ebel.

Ebel fu il primo ad essere stabilito dalla Corte U.S. in Berlino a servire come Rechtskonsulent per la Prussia, il 23 Settembre 1980.

Il 9 Gennaio 1984, il Dipartimento di Stato U.S. a Berlino nominò Ebel a servire alla testa di un'arbitraria Germania (Reichsbahn) della Berlino Orientale. Esattamente quarant'anni dopo la resa militare della Germania (Wehrmacht), al 8 Maggio 1985, Ebel fu ordinato Ministro dei trasporti per il Reich Tedesco dall'Alto Commissario U.S. in Germania, del quale s'afferma che fosse allora Ambasciatore U.S. per la Germania Orientale (BRD), Richard Burt.

Finalmente il 27 Settembre 2000, Ebel fu nominato cancelliere del Reich Tedesco (Reichskanzler) da Ernst Matscheko, un rappresentante del Dipartimento di Giustizia U.S. nominato Reichspräsident ed ambasciatore speciale delle Nazioni Unite.

L'Ambasciata U.S. a Berlino non negherà conferme neppure negherà le dichiarazioni recate d'Ebel, per le quali egli presenta documenti com'evidenziato. Un portavoce dell'Ambasciata U.S. chiamato AFP dice: "Noi non siamo responsabili per quello che esso (il governo del Reich) dichiara".

Finito

Titolo originale: "GERMANY: 58 YEARS OF U.S. OCCUPATION"
By Christopher Bollyn





Nessun commento:

Posta un commento