martedì 13 agosto 2013

LA BATTAGLIA FINALE TRA IL BENE E IL MALE




LA BATTAGLIA FINALE TRA IL BENE E IL MALE



1. Quando accendete la televisione e guardate un film riguardante personaggi della Bibbia che si battono contro il male, noterete quella trama classicheggiante, quella maniera di presentare i personaggi quasi come dei super-eroi di fronte ai terribili ostacoli che gli si presentano mentre si battono per fare del bene, di fronte alle risorse invece apparentemente infinite del male.

2. Per la maggior parte delle persone, tali disquisizioni a proposito di una vera e propria battaglia letteralmente intesa tra il bene e il male potrebbero apparire esagerate, l’ambito tipico di predicatori fanatici, che si illudono spesso di rappresentare una sorta di figure messianiche e che tendono a manipolare le menti dei propri seguaci.

3. Tuttavia, queste ultime non sono ipotesi irragionevoli. Numerose persone vedono sé stesse come una sorta di salvatori e messia, e predicano alle persone ciò che è bene e ciò che è male, etichettando sommariamente le persone e spesso facendo appello ad argomentazioni fondate sull’odio.

4. Ma tale tendenza non è in alcuna maniera paragonabile alla storia più profonda ed effettivamente “storica” che parla di forze che sono ancora ai nostri giorni ossessionate dal sacrificio umano, dal conservare il proprio potere e la propria ricchezza, dall’impegnarsi nel controllare il destino del mondo per ostacolare quella forza che è in grado di cooperare con l’universo in qualsiasi momento lo desideri, che cerca di illuminare il mondo, che cerca di smascherare coloro i quali tengono in ostaggio il mondo e di porre fine al loro regno.

5. Questa è una guerra reale ed effettiva, ed è una guerra che non è infuriata solo per 100 anni, o mille anni, o anche per duemila anni, ma che risale a numerose migliaia di anni fa, agli albori della civiltà e della stessa religione.

6. Sin dall’inizio emersero rapidamente due ‘gruppi, quelli che comprendevano il segreto della “via breve”, e che praticando il male potevano collegarsi all’universo per i propri fini e il proprio potere, e quelli che comprendevano la “via lunga”, la via legata all’impegnarsi creativamente, al tentativo di aiutare le proprie comunità e, quindi, riconducibile al tentativo di cooperare con l’Universo nei secoli.

7. Da allora, questi due gruppi sono stati coinvolti in una grande battaglia, e, nel tempo, o l’uno o l’altro ha prevalso in una determinata fase.

8. L’ultima grande guerra del bene contro il male, iniziò intorno al 600 a.C., vide l’età dei lumi scemare fino al 62 d.C. circa, quando l’incendio intenzionale di Roma, appiccato da S. Paolo e dai suoi fanatici cristiani controllati dai Sadducei, causò la morte di centinaia di migliaia di persone.

9. In origine, Gesù tentò di denunciare il male operato dai Sadducei e a tutti gli effetti anche la storia della discendenza ebraica della linea di sangue di suo padre legata ai re d’Israele. Successivamente, invece, si è trasformato nella figura tormentata del nuovo culto sadduceo che oggi definiamo Cristianesimo, che ha gettato una nuvola oscura e corrotta sul mondo per quasi duemila anni.

10. Ora siamo di nuovo nel bel mezzo di una battaglia tra il bene e il male, dove le schiere di coloro che si impegnano a schiavizzare il mondo, di coloro che mentono, di coloro che fingono di essere buoni, ma che continuano a perpetuare le guerre e il male, sono chiamate a rendere conto del proprio operato, di fronte all’Uomo, di fronte alle anime di buona volontà che lottano per il bene.

11. Contro tali apparenti e insormontabili ostacoli, la battaglia incombe ancora una volta su tutti noi, come è stato profetizzato.

12. Questi sono a tutti gli effetti gli Ultimi Giorni.

13. Ma piuttosto che dimostrarsi una battaglia in cui si manifesterà un vincitore e uno sconfitto, questa battaglia riguarderà l’unificazione delle potenzialità dell’anima umana, l’unificazione dei cieli e la fine della guerra per sempre.

Continua con: 6. Sul Cristianesimo…

Fonte: http://www.one-faith-of-god.org
Traduzione: Heimskringla



Nessun commento:

Posta un commento