giovedì 1 agosto 2013

I DODICI APOSTOLI SONO I RISPETTIVI SEGNI ZODIACALI, NELL'ULTIMA CENA DI LEONARDO CI SONO GLI ASTRI; 6 A DESTRA E 6 A SINISTRA DEL SOLE .



Fonte foto : http://www.scienze-astratte.it/il-cenacolo-di-leonardo.html


I DODICI APOSTOLI SONO I RISPETTIVI SEGNI ZODIACALI, NELL'ULTIMA CENA DI LEONARDO CI SONO GLI ASTRI; 6 A DESTRA E 6 A SINISTRA DEL SOLE .


Si pensi, in ambito surrealista, a Salvador Dalí ed a sue opere come Corpus Ipercubus (in cui la croce è sostituita dallo sviluppo nello spazio tridimensionale di un ipercubo), e Ultima Cena (in cui la scena è ambientata all'interno di un dodecaedro).

Keplero nel sua opera Mysterium cosmografaphicum, riprende, in termini diversi, l'indagine di Platone attorno al senso dei poliedri regolari nella struttura del mondo: sostiene che i poliedri platonici sono strettamente connessi alle armoniose proporzioni che lo caratterizzano: «La Terra è la sfera che misura tutte le altre. Circoscrivi ad essa un dodecaedro: la sfera che lo comprende sarà Marte [nel senso che contiene l'orbita, che allora ancora riteneva circolare, del suo moto attorno al sole]. Circoscrivi a Marte un tetraedro: la sfera che lo comprende sarà Giove. Circoscrivi a Giove un cubo: la sfera che lo comprende sarà Saturno. Ora iscrivi alla Terra un icosaedro: la sfera iscritta ad essa sarà Venere. Iscrivi a Venere un ottaedro: la sfera iscritta ad essa sarà Mercurio. Hai la ragione del numero dei pianeti.»

Le regolarità dei solidi platonici sono straordinariamente suggestive: questo ha fatto sì che venissero ampiamente studiati fin dall'antichità, spesso cercando in essi significati nascosti e attribuendo a loro valori esoterici.

Essi furono oggetto di studio di Pitagora e Platone.

Quest'ultimo, nel Timeo, associò ad ognuno di essi un elemento: al tetraedro il fuoco, al cubo la terra, all'ottaedro l'aria, all'icosaedro l'acqua, mentre nel Fedone ritenne che il dodecaedro fosse la forma dell'universo.

Essi furono poi studiati con ben maggiore razionalità dai geometri greco-alessandrini. Le costruzioni di questi solidi sono contenute nel Libro XIII degli Elementi di Euclide. La proposizione 13 descrive la costruzione del tetraedro regolare, la proposizione 14 è dedicata all'ottaedro regolare, la proposizione 15 al cubo, la proposizione 16 all'icosaedro regolare e la proposizione 17 al dodecaedro regolare.

http://it.wikipedia.org/wiki/Solido_platonico

http://www.scienze-astratte.it/il-cenacolo-di-leonardo.html








1 commento: