sabato 16 febbraio 2013

I SIGNORI DEL SISTEMA SOLARE





Là al di sotto dei fiori della Vita che sempre vive, io cercai i cuori e i segreti degli uomini. Lì io trovai quell’uomo ma egli viveva nell’oscurità, la luce del grande fuoco è nascosta all’interno. Di fronte agli Dei dell’ignota Amenti io imparai la saggezza che portai agli uomini. Loro sono i Signori della grande Segreta Saggezza, portata da un futuro infinito. Loro sono Sette, gli Dei di Amenti i signori supremi dei Figli del Mattino, Soli dei cicli, Signori della Saggezza. Loro non sono fatti come i figli degli uomini? Tre, Quattro, Cinque e Sei, Sette, Otto e Nove sono i titoli dei Signori degli uomini. Lontano dal futuro, amorfi eppure in formazione, loro divennero come insegnanti per i figli degli uomini. Loro vivono per sempre, eppure non viventi, non legati alla vita e liberi dalla morte. Essi regnano per sempre con infinita saggezza, limitati eppure liberi dalle scure Sale della Morte. Loro hanno in loro la Vita, eppure una vita che non è vita, liberi da tutto sono i Signori del Tutto. Prima di loro venne il Logos, strumento del loro potere sopra ogni cosa. Vasta è la loro espressione, eppure nascosta nel piccolo, formata nella formazione, conosciuta eppure ignota. Il Tre porta la chiave di tutta la magia ignota, lui è il creatore delle sale della Morte; mandando avanti il potere, avvolgendo un cadavere nel sudario dell’oscurità, legando le anime dei figli degli uomini; inviando l'oscurità, legando la forza dell'anima; dirigendo il negativo ai figli degli uomini. Quattro è colui che scioglie il potere. Lui, Dio di Vita ai figli degli uomini. Di Luce è il suo corpo, di fiamma la sua espressione; liberatore delle anime dei figli degli uomini. Cinque è il Signore, il Dio di tutta la Chiave magica è la Parola che echeggia fra gli uomini. Sei è il Dio della Luce, il sentiero ignoto, percorso dalle anime dei figli degli uomini. Sette è colui che è il Dio della vastità, Signore dello Spazio e chiave dei Tempi. Otto è colui che ordina l’evoluzione; pesa e equilibra il viaggio degli uomini. Nove è il padre, vasto nella Sua espressione, formando e cambiando dal fuori del Senza Forma. Medita sui simboli che ti do, loro sono le Chiavi, nascoste dagli uomini. Non andare sempre direttamente verso l'alto, O Anima del mattino. Volgi i tuoi pensieri verso l'alto alla Luce e alla Vita. Cerca nelle chiavi dei numeri che ti do, luce sul sentiero da vita a vita. Cerca con saggezza. Volgi i tuoi pensieri all’interno. Non chiudere la tua mente al fiore della Luce. Metti nel tuo corpo un immagine della forma-pensiero. Pensa ai numeri che ti condurranno alla Vita. Chiaro è il sentiero per colui che ha la saggezza. Apri la porta al Regno della Luce. Versa la tua fiamma come un Sole del mattino. Chiudi fuori l'oscurità e vivi nel giorno. Prenditi, o uomo! Come parte dell’essere, i Sette che sono non sono ciò che sembrano. Apriti, o uomo! Hai la mia saggezza.

Segui il percorso nel modo che ti ho indicato. Signori di Saggezza, Sole della Luce del Mattino e Vita per i figli degli uomini.

Tratto dalla pagina 9 e 10 delle Tavole Smeraldine di Thot.


Nessun commento:

Posta un commento